La coalizione ha colpito Deir ez Zor || Riassunto delle notizie, il 4 gennaio 2019

  
0

Un nuovo passaggio di navi ucraine attraverso lo Stretto di Kerch è in preparazione, accompagnato da osservatori internazionali, ha dichiarato Yury Biryukov, un consigliere del presidente dell’Ucraina. Ha detto che Kiev ha il diritto di «passaggio senza impedimenti» dal Mar Nero al Mar d’Azov e nella direzione opposta, i rapporti di RIA Novosti si riferiscono al canale TV di Newsone. «Sì, continueremo a farlo, indipendentemente dal fatto che ai russi piaccia o no», ha detto. Secondo lui, osservatori internazionali accompagneranno i marinai ucraini. In precedenza, il segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell’Ucraina, Aleksandr Turchynov, ha anche affermato che Kiev intende fare un nuovo passaggio per le navi ucraine attraverso lo stretto di Kerch.

A seguito dello sciopero dell’aviazione della coalizione internazionale nella provincia siriana di Deir-ez-Zor, sono stati uccisi 11 civili appartenenti a una famiglia, riferisce RIA Novosti. Il colpo è stato colpito a casa nel villaggio di Sha’af. Ricordiamo che le vittime degli attacchi della coalizione internazionale in Siria sono spesso civili. Così, a dicembre, a seguito di uno sciopero in Deir ez-Zor, 17 civili sono stati uccisi.

Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato l’inizio del ritiro delle truppe americane dalla Siria. Ha aggiunto che gli Stati Uniti continueranno la campagna per contrastare le azioni dell’Iran nella regione del Medio Oriente e farà ogni sforzo per «assicurare la stabilità in tutto il Medio Oriente». «Continueremo a lavorare sulla realizzazione di questi obiettivi. Semplicemente, raggiungeremo tutto questo quando le nostre truppe non sono in Siria «, ha detto il Segretario di Stato americano. Pompeo ha anche sottolineato l’importanza di garantire la sicurezza delle minoranze religiose in Siria ed evitare scontri tra forze turche e curde. «Tutti questi compiti fanno ancora parte della missione americana», ha concluso il capo del Dipartimento di Stato.

Il Partito democratico giovedì, il primo giorno del lavoro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti della 116a convocazione, ha spinto l’adozione di progetti di legge che consentiranno al governo di riprendere il proprio lavoro, ha riferito Interfax. In particolare, i membri del Congresso si sono espressi a favore del finanziamento delle attività del Ministero della sicurezza interna fino all’8 febbraio 2019. Durante questo periodo, il Congresso intende trovare un compromesso sulla questione della protezione del confine degli Stati Uniti dall’immigrazione irregolare. Ora le bollette devono essere approvate dal Senato, più della metà dei seggi in cui i Repubblicani si trovano ad occupare. Ricordiamo, il governo degli Stati Uniti ha parzialmente sospeso il lavoro dalla mezzanotte del 22 dicembre a causa della mancanza di fondi. L’ostacolo era la costruzione del muro al confine con il Messico, richiesto dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il presidente brasiliano Zhair Bolsonaru ha detto che la cooperazione militare tra Russia e Venezuela è inquietante e non ha escluso il dispiegamento di una base militare statunitense nel suo paese. «La Russia ha condotto manovre in Venezuela», cita TASS con riferimento al SBT. Bolsonaru non ha escluso che avrebbe potuto discutere con Washington l’apertura della base militare statunitense «a seconda di ciò che accade nel mondo». Allo stesso tempo, ha sottolineato che tale collocazione sarebbe «simbolica», dal momento che «le capacità delle forze armate americane, cinesi e russe raggiungono tutte le parti del mondo, indipendentemente dalla base». Bolsonaru ha detto che il suo «riavvicinamento agli Stati Uniti è un problema economico, ma potrebbe essere militare». Il presidente non ha escluso che il suo paese e gli Stati Uniti «potrebbero concludere un accordo in questo settore».

Il commissario per le relazioni con la Russia del governo tedesco, Dirk Wiese, ha affermato che nel 2019 le relazioni tra i due paesi subirebbero un brusco deterioramento, riferisce RIA Novosti. A suo avviso, ciò è dovuto al fatto che nel 2018 Mosca avrebbe dimostrato una politica altamente imprevedibile. Inoltre, il politico ritiene che ciò sia dovuto alla «responsabilità della Russia per una serie di incidenti avvenuti nel 2018 in tutto il mondo». «Ci siamo occupati dell’avvelenamento dell’ex spia Skripal, poi Mosca ha distorto la spirale della corsa agli armamenti — il Trattato INF può essere chiuso — e su questo argomento dovremo affrontare intensamente il nuovo anno e, naturalmente, mi ricordo della pericolosa dimostrazione di potere nel Mar d’Azov. Pertanto, dichiaro che le relazioni con la Russia peggioreranno quest’anno «, ha spiegato Wiese.
 
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

 
 

главноеитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх