La Corea del Nord ha nuovamente condotto test missilistici

  
0

La Corea del Nord ha effettuato nuovi test missilistici, lanciando proiettili in direzione del Mar del Giappone, ha riferito Yonhap, citando i Chief of Staff della Corea del Sud. Secondo l’esercito sudcoreano, i proiettili sono stati sparati dalla città costiera di Wonsan, nel sud-est della RPDC. Allo stesso tempo, come riportato dall’agenzia giapponese Kyodo, una delle conchiglie ha raggiunto l’esclusiva zona economica del Giappone. I danni a navi o aeromobili giapponesi sono attualmente sconosciuti. Tokyo ha protestato contro la Corea del Nord dopo che il Pyongyang ha lanciato missili la mattina del 2 ottobre, ha detto ai giornalisti il ​​primo ministro giapponese Shinzo Abe. «Tali lanci di missili balistici sono una violazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite, abbiamo espresso una forte protesta e li condanniamo», ha detto. La RPDC avrebbe testato missili balistici.

Le forze governative siriane, supportate dalle forze di difesa nazionali, hanno respinto gli attacchi dei militanti del gruppo terroristico dello Stato islamico (illecito nella Federazione Russa) a nord-est della città di Palmyra, secondo quanto riferito da TASS citando la pubblicazione Al Watan. Secondo la pubblicazione, bande di terroristi hanno attaccato le posizioni dell’esercito siriano lungo l’autostrada Es-Sukhna-Deir-ez-Zor, cercando di catturarli, ma i combattenti delle forze governative siriane hanno respinto il nemico, mentre soffriva di perdite di personale e attrezzature. Il supporto per le truppe governative è stato fornito dall’aeronautica militare siriana, che ha attaccato le basi posteriori dei terroristi nell’oasi di Shul nelle profondità del deserto siriano.

Le esplosioni hanno tuonato nella capitale irachena Baghdad a seguito della caduta di due missili nella «zona verde» fortificata, dove si trovano edifici governativi e ambasciate straniere, ha riferito il canale televisivo Al Arabiya. Secondo il canale, il primo razzo è caduto vicino all’ambasciata turca, il secondo è esploso vicino al ponte di al-Harisiyya. Non sono state ancora riportate informazioni sulle vittime. Il primo ministro Adel Abd al-Mahdi aveva precedentemente annunciato un coprifuoco a Baghdad dopo che almeno sette persone furono uccise e più di 400 ferite in due giorni di proteste antigovernative a livello nazionale.

Il Dipartimento di Stato americano ha approvato la vendita in Ucraina di sistemi missilistici anticarro di Javelin e le loro munizioni per un totale di quasi $ 40 milioni, riferisce RIA Novosti citando una dichiarazione dell`Agenzia di Cooperazione di Difesa nel Pentagono. Il documento rileva che il sistema Javelin aiuterà Kiev a rafforzare il suo potenziale di difesa per preservare l’integrità territoriale del paese e contribuirà alla politica estera e alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti rafforzando la sicurezza dell’Ucraina. In precedenza, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato la vendita di complessi di giavellotto in Ucraina. È stato riferito che 150 missili e due lanciarazzi verranno consegnati in Ucraina.

Il quartier generale di coordinamento di Russia e Siria ha richiesto che gli Stati Uniti ritirassero tutte le loro truppe dal territorio della RAS, in relazione all’interruzione da parte di Washington, le Nazioni Unite hanno sviluppato un piano per il ritiro dei civili dal campo profughi di Rukban, ha riferito RIA Novosti con riferimento alla dichiarazione del quartier generale. Stiamo parlando di bande controllate dagli Stati Uniti che impediscono ai rifugiati di partire sotto la minaccia della morte. «Poiché il comando delle truppe americane nella zona di Et-Tanf dimostra l’incapacità di garantire gli obblighi assunti dagli Stati Uniti per attuare il piano operativo delle Nazioni Unite, chiediamo che la parte americana lasci immediatamente il territorio occupato della Siria», afferma la nota. Si nota che dopo il ritiro delle truppe americane, il governo siriano legittimo intende stabilire un ordine costituzionale e ripulire l’area dai terroristi.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Un hélicoptère Mi-28N s’est écrasé Александра Донцова 1 Syrie La Défense russe a rapporté qu’en Syrie, dans la zone voisine du front, à quelques dizaines de kilomètres à l’ouest de la localité de Kamychly, la 15e patrouille conjointe de la police militaire russe et des forces […] Der Hubschrauber Mi-28N stürzte ab. Александра Донцова 1. Syrien Das russische Verteidigungsministerium berichtete, dass die fünfzehnte gemeinsame Patrouille der russischen Militärpolizei und der türkischen Streitkräfte die Arbeiten in einem Grenzgebiet in Syrien abgeschlossen […] L’elicottero Mi-28N si è schiantato Александра Донцова 1. Siria Il ministero della Difesa russo ha riferito che la quindicesima pattuglia congiunta della polizia militare russa e delle forze armate turche ha completato i lavori in Siria in una zona di confine situata diverse […] El helicóptero Mi-28N se estrelló Александра Донцова 1.Siria El Ministerio de Defensa de la Federación de Rusia informó que en Siria, en la región fronteriza situada a varias decenas de kilómetros al oeste del lugar poblado de Kamyshli había concluido su labor la patrulla […] A Mi-28N helicopter crashed Александра Донцова 1 Syria The Russian Ministry of Defense reported that the 15th joint patrol of the Russian military police and the Turkish forces in the Syrian border area, a few tens of kilometers west of the village of Qamishli, has ended. […] Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […]
Наверх Наверх