La guerra in Siria è finita

  
0

1. Siria

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in un’intervista al quotidiano Trud ha dichiarato che la guerra in Siria è finita. «La guerra in Siria è davvero finita. Il paese sta gradualmente tornando a una vita normale e pacifica», ha detto. Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri russo ha osservato che nei territori non controllati dal governo siriano, ad esempio a Idlib e sulla sponda orientale del fiume Eufrate, restano punti di tensione separati. Secondo il ministro, il paese ha iniziato il processo di ricostruzione e ora in primo piano vi è la fornitura di assistenza umanitaria alla Siria e l’avanzamento del processo politico per risolvere la crisi nel paese. Lavrov ha anche sottolineato che la formazione e l’avvio di un comitato per le riforme costituzionali costituiranno un passo importante per far avanzare il processo politico. Secondo il ministro degli Esteri, la convocazione del comitato consentirà per la prima volta al governo e all’opposizione di avviare un dialogo diretto sul futuro della Siria.

2. USA-Siria

Gli Stati Uniti hanno in programma di schierare circa 150 truppe nel nord-est della Siria per condurre pattuglie di terra con le forze turche e creare una zona cuscinetto al confine tra Siria e Turchia, secondo il New York Times. Secondo la pubblicazione, il nuovo dispiegamento di truppe fa parte di una serie di misure militari e diplomatiche adottate dagli Stati Uniti nelle ultime settimane per disinnescare le tensioni con la Turchia a causa del sostegno americano ai curdi siriani. Allo stesso tempo, il portavoce del Pentagono Sean Robertson ha dichiarato che gli Stati Uniti continuano a lavorare per attuare un decreto presidenziale sul ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria.

3. Russia-USA

Il Ministero della Difesa russo ha accusato gli Stati Uniti di aver sviluppato un nuovo missile terrestre durante il periodo del Trattato sui missili a raggio intermedio e a corto raggio (Trattato INF). «Accuse non dimostrate contro la Russia in merito al mancato rispetto del Trattato INF sono state usate esclusivamente come scusa per gli Stati Uniti per recedere dall’accordo. Anche durante la sua operazione, gli Stati Uniti stavano sviluppando attivamente un missile terrestre di un raggio proibito», ha detto il ministero in una nota. «Il fatto del test americano del 18 agosto 2019 di un missile che utilizzava il lanciatore universale Mk-41 utilizzato nel sistema di difesa antimissile americano in Romania e Polonia, ha confermato la validità delle rivendicazioni russe contro la Casa Bianca sulla possibilità del loro uso per il lancio di missili terrestri a medio e corto raggio», — notato anche nel dipartimento. Il Ministero della Difesa sottolinea che la responsabilità del crollo del Trattato INF spetta agli Stati Uniti, mentre la Russia non ha testato e non è armata con missili a medio e corto raggio.

4. Ucraina

Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky, parlando al Forum strategico europeo di Yalta (SÌ) a Kiev, ha affermato che la parte ucraina sta preparando nuovi elenchi per la prossima fase dello scambio di detenuti con la Russia. «Ora stiamo preparando altri elenchi e stiamo aspettando una nuova fase dello scambio. Concorderemo su questo sia a Minsk che nel processo normanno», ha affermato. Ricordiamo che il 7 settembre Russia e Ucraina hanno tenuto uno scambio di detenuti, liberando 35 cittadini condannati e detenuti da ogni parte.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

«La guerre de visas» Александра Донцова 1.Syrie. La centrale hydroélectrique d’Al-Ba’ath, située dans le gouvernorat syrien de Raqqa, est en cours de restauration, a déclaré un officier du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en […] „Visakrieg“ Александра Донцова 1. Syrien In Nordsyrien, in der Provinz Raqqa, wird das strategisch wichtige Wasserkraftwerk Al- Baath restauriert. Dies wurde von einem Offizier des Zentrums für die Aussöhnung der Kriegsparteien der Russischen Föderation […] «La guerra dei visti» Александра Донцова 1. Siria Nel nord della Siria, nella provincia di Raqqa, viene ripristinata la centrale idroelettrica di importanza strategica di Al-Ba’ath. Lo ha affermato un ufficiale del Centro per la riconciliazione delle parti in […] Una “guerra de visados” Александра Донцова 1.Siria Vladimir Varnavsky, el oficial del Centro de reconciliación de las partes en conflicto de la Federación de Rusia, declaró que en el norte de Siria, en la provincia de Raqqa se estaba restableciendo una central […] »Visa war» Александра Донцова 1 Syria “The repair of the strategically important »Al-Ba’ath» hydroelectric power station, located in north of Syria, in the province of Raqqah, has begun” — Vladimir Barnavsky, an officer of the […] Fake dans un article de The New York Times Александра Донцова 1 Russie Lundi, le porte-parole de la Défense russe, général-major Igor Konachenkov a déclaré que l’information sur le bombardement d’un camp de réfugiés en Syrie par l’aviation russe en août 2019, publiée par The New York […] Fälschung im Artikel von The New York Times Александра Донцова 1. Russland Der Sprecher des russischen Verteidigungsministeriums, Generalmajor Igor Konaschenkow, sagte am Montag, dass die Informationen über die Bombardierung des syrischen Flüchtlingslagers durch die Luft- und […] Articolo falso sul New York Times Александра Донцова 1.Russia Il portavoce del generale di difesa russo Igor Konashenkov ha dichiarato lunedì che le informazioni sui bombardamenti del campo profughi siriano in Siria nell’agosto 2019, che sono state pubblicate sul New York […] Un engaño en el artículo de The New York Times Александра Донцова 1.Rusia El lunes Igor Konashenkov, el representante oficial del Ministerio de Defensa de la Federación de Rusia, General de División, declaró que la información sobre el bombardeo del campo de refugiados en Siria de la Fuerza […]
Наверх Наверх