La guerra in Siria è finita

  
0

1. Siria

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in un’intervista al quotidiano Trud ha dichiarato che la guerra in Siria è finita. «La guerra in Siria è davvero finita. Il paese sta gradualmente tornando a una vita normale e pacifica», ha detto. Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri russo ha osservato che nei territori non controllati dal governo siriano, ad esempio a Idlib e sulla sponda orientale del fiume Eufrate, restano punti di tensione separati. Secondo il ministro, il paese ha iniziato il processo di ricostruzione e ora in primo piano vi è la fornitura di assistenza umanitaria alla Siria e l’avanzamento del processo politico per risolvere la crisi nel paese. Lavrov ha anche sottolineato che la formazione e l’avvio di un comitato per le riforme costituzionali costituiranno un passo importante per far avanzare il processo politico. Secondo il ministro degli Esteri, la convocazione del comitato consentirà per la prima volta al governo e all’opposizione di avviare un dialogo diretto sul futuro della Siria.

2. USA-Siria

Gli Stati Uniti hanno in programma di schierare circa 150 truppe nel nord-est della Siria per condurre pattuglie di terra con le forze turche e creare una zona cuscinetto al confine tra Siria e Turchia, secondo il New York Times. Secondo la pubblicazione, il nuovo dispiegamento di truppe fa parte di una serie di misure militari e diplomatiche adottate dagli Stati Uniti nelle ultime settimane per disinnescare le tensioni con la Turchia a causa del sostegno americano ai curdi siriani. Allo stesso tempo, il portavoce del Pentagono Sean Robertson ha dichiarato che gli Stati Uniti continuano a lavorare per attuare un decreto presidenziale sul ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria.

3. Russia-USA

Il Ministero della Difesa russo ha accusato gli Stati Uniti di aver sviluppato un nuovo missile terrestre durante il periodo del Trattato sui missili a raggio intermedio e a corto raggio (Trattato INF). «Accuse non dimostrate contro la Russia in merito al mancato rispetto del Trattato INF sono state usate esclusivamente come scusa per gli Stati Uniti per recedere dall’accordo. Anche durante la sua operazione, gli Stati Uniti stavano sviluppando attivamente un missile terrestre di un raggio proibito», ha detto il ministero in una nota. «Il fatto del test americano del 18 agosto 2019 di un missile che utilizzava il lanciatore universale Mk-41 utilizzato nel sistema di difesa antimissile americano in Romania e Polonia, ha confermato la validità delle rivendicazioni russe contro la Casa Bianca sulla possibilità del loro uso per il lancio di missili terrestri a medio e corto raggio», — notato anche nel dipartimento. Il Ministero della Difesa sottolinea che la responsabilità del crollo del Trattato INF spetta agli Stati Uniti, mentre la Russia non ha testato e non è armata con missili a medio e corto raggio.

4. Ucraina

Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky, parlando al Forum strategico europeo di Yalta (SÌ) a Kiev, ha affermato che la parte ucraina sta preparando nuovi elenchi per la prossima fase dello scambio di detenuti con la Russia. «Ora stiamo preparando altri elenchi e stiamo aspettando una nuova fase dello scambio. Concorderemo su questo sia a Minsk che nel processo normanno», ha affermato. Ricordiamo che il 7 settembre Russia e Ucraina hanno tenuto uno scambio di detenuti, liberando 35 cittadini condannati e detenuti da ogni parte.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх