La morte dei militari turchi a Idlib

  
0

1.

Siria

33 soldati turchi sono morti nella provincia siriana di Idlib a seguito di bombardamenti. Lo ha annunciato il governatore della provincia di frontiera Hatay Rahmi Dogan. Le sue parole sono citate da TRT. Il portavoce del Partito per la giustizia e lo sviluppo guidato dal presidente Recep Tayyip Erdogan, Omer Celik, ha affermato che la Turchia ha deciso di considerare le forze siriane come obiettivi nemici dopo che i militari turchi sono stati nuovamente colpiti da un incendio a Idlib. Le parole sono citate dal giornale Sabah. Ha anche aggiunto che «la politica migratoria della Turchia rimane invariata, ma Ankara non è più in grado di frenare il flusso di rifugiati siriani in Europa». Il Dipartimento di Stato americano ha espresso preoccupazione per l’attacco alle truppe turche in Siria e chiede una sospensione immediata dell’attacco del presidente siriano Bashar al-Assad. «Siamo dalla parte del nostro alleato della NATO, la Turchia», ha affermato il Dipartimento di Stato.

2.

Siria

Il ministero della Difesa russo ha riferito che l’esercito turco, caduto sotto il fuoco delle truppe siriane il 27 febbraio vicino all’insediamento di Behun, era tra i militanti attaccanti. Il gruppo terroristico Khayyat Tahrir al-Sham (uno dei nomi dell’organizzazione Jebhat al-Nusra illecito nella Federazione Russa) nella zona di de-escalation di Idlib ha cercato di lanciare un’offensiva su una posizione del governo siriano. Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha sottolineato che durante il giorno il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha costantemente richiesto e confermato «dai colleghi turchi le coordinate della posizione di tutte le unità delle forze armate turche situate vicino alle aree di operazioni terroristiche». Secondo le informazioni ricevute, le forze armate turche nell’area dell’insediamento di Behun «non erano e non dovrebbero esserlo». Il ministero ha affermato che immediatamente dopo aver ricevuto informazioni sui militari turchi feriti, la parte russa ha adottato «misure per un completo cessate il fuoco da parte delle truppe siriane». È stata inoltre fornita un’evacuazione sicura dei militari turchi morti e feriti nel territorio della Turchia. Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che l’aeronautica militare russa non ha attaccato nell’area dell’insediamento siriano di Behun, dove sono morti i soldati turchi.

3.

Siria

L’aeronautica e l’artiglieria turche hanno colpito più di 200 bersagli appartenenti all’esercito siriano a Idlib, ha detto venerdì il ministro della Difesa turco Hulusi Akar. Le sue parole citavano NTV. Akar ha aggiunto che sono state distrutte anche 23 armi di artiglieria e due sistemi di difesa aerea. Il ministro ha osservato separatamente che «i 309 militari» dell’esercito siriano sono stati neutralizzati e che gli attacchi delle forze armate turche a Idlib «continuano secondo il piano sviluppato».

4.

Siria

Venerdì sera, i militanti del gruppo terroristico Jebhat al-Nusra (illecito nella Federazione Russa) hanno bombardato le vicinanze della città portuale siriana di Latakia. SANA riferisce che il fuoco è stato sparato da più sistemi di lancio di missili da posizioni nelle vicinanze di Bdam nella vicina provincia di Idlib. Secondo i dati preliminari, non ci sono vittime tra i civili, ma solo un danno materiale. Il bombardamento di Latakia ha avuto luogo sullo sfondo dei combattimenti che si svolgono nel sud della provincia di Idlib tra forze governative e bande.

5.

Israele-Siria

L’agenzia SANA riferisce che gli elicotteri dell’aeronautica israeliana hanno lanciato attacchi missilistici sulle posizioni dell’esercito siriano nella provincia di Al Quneitra. Secondo l’agenzia, a seguito dell’attacco, tre militari sono rimasti feriti ad Al-Kahtania, Al-Khuria e al centro amministrativo di Al-Quneitra, a 40 km da Damasco. L’agenzia riferisce che l’attacco è stato commesso dalle alture del Golan occupate da Israele. Giovedì prima, un drone da combattimento dell’aeronautica israeliana ha colpito un’auto a sud della città di Khodr, nella provincia di Al Quneitra. Secondo l’agenzia, un cittadino siriano che guidava un’auto è stato ucciso.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Ukraine intensifies their armed provocations Александра Донцова 1 Syria The Syrian President Bashar al-Assad held a meeting in Damascus with the Russian Deputy Prime Minister, Yuri Borisov. Yuri Borisov congratulated Bashar al-Assad on his victory in the presidential elections, and added […] Ucrania intensifica las provocaciones armadas Александра Донцова 1.Siria El 22 de junio, Bashar al-Assad, el presidente sirio, se reunió en Damasco con Yuri Borisov, el viceprimer ministro ruso. Borisov felicitó a Assad por su victoria en las elecciones presidenciales. Borisov destacó que […] Украина усиливает вооруженные провокации || Итоги дня 22.06.2021 Влад Николаев Сегодня президент Сирии Башар Асад в Дамаске провел встречу с вице-премьером РФ Юрием Борисовым. Борисов поздравил Асада с победой на президентских выборах. Борисов отметил, что Москва рассчитывает, что новое правительство […] The humanitarian situation in Syria Александра Донцова 1 Syria The Russian Foreign Minister Sergei Lavrov stated that Russia is ready to discuss with the Western countries the humanitarian situation in Syria, if they recognize the real problems there, and the responsibility they […] La situación humanitaria en Siria Александра Донцова 1.Siria. Sergei Lavrov, el Ministro de Asuntos Exteriores ruso, declaró que Rusia estaba dispuesta a examinar la situación humanitaria en Siria con los países occidentales en caso de que ellos reconocieran los problemas […] Гуманитарная ситуация в Сирии || Итоги дня 21.06.2021 Влад Николаев Министр иностранных дел РФ Сергей Лавров заявил, что Россия готова обсуждать с западными странами гуманитарную ситуацию в Сирии, если они признают реально существующие там проблемы и ответственность, которую они за них несут. […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: