La morte dell’eroe della Federazione Russa in Siria

  
0

1. Siria. Luogo di morte di Roman Filipov

I corrispondenti militari dell’agenzia ANNA News hanno scoperto il luogo di morte dell’eroe della Federazione Russa, il maggiore Roman Filipov. La troupe cinematografica ha condotto un’indagine giornalistica e ha stabilito il luogo esatto in cui Roman Filipov ha accettato il suo ultimo combattimento il 3 febbraio 2018. Vedi la trama dei nostri corrispondenti di guerra per i dettagli.

2.Russia. Accuse di USA (16:00)

Leonid Slutsky, presidente della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato, ha affermato che le accuse del segretario di Stato americano Mike Pompeo sul coinvolgimento della Russia nella morte delle forze armate turche in Siria sono volte a rovinare le relazioni tra Russia e Turchia. Secondo lui, tali azioni da parte degli Stati Uniti non avranno successo, poiché i colloqui tra i presidenti di Russia e Turchia, che si sono svolti a Mosca, hanno dimostrato un «livello costruttivo di dialogo» tra i paesi, nonché «confermato la necessità di mantenere il modello di Astana per un insediamento siriano». In precedenza, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato che la Russia è presumibilmente colpevole di «aver ucciso decine di militari turchi» in Siria.

3. Siria. Sanzioni statunitensi (8.00)

Le autorità statunitensi hanno aggiunto all’elenco delle sanzioni il ministro della Difesa siriano, il generale Ali Abdullah Ayyub, che è il vice comandante in capo delle forze armate siriane. Questo è stato riportato sul sito web del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Il dipartimento degli Stati Uniti non fornisce ulteriori spiegazioni.

4. Turchia. Videoconferenza su Siria (8.00)

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu sulla sua pagina Twitter ha dichiarato che i colloqui tra il presidente turco Tayyip Erdogan e il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro britannico Boris Johnson si sono tenuti in videoconferenza a causa della minaccia della diffusione di un nuovo tipo di coronavirus. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato che la situazione in Siria è stata discussa durante l’incontro e ha definito utili i colloqui. È stato anche discusso l’argomento della migrazione. I paesi europei hanno espresso il loro impegno a mantenere un accordo con la Turchia sui rifugiati e non hanno escluso la fornitura di una maggiore assistenza finanziaria ad Ankara.

5. Iran. Crisi umanitaria a causa degli Stati Uniti

L’Iran ha accusato gli Stati Uniti di aver intenzionalmente creato una crisi umanitaria nel paese e di aver privato gli iraniani delle attrezzature mediche necessarie durante l’epidemia di coronavirus. Lo afferma una dichiarazione dell’ambasciata iraniana a Mosca, pubblicata su Twitter. Secondo quanto riferito, le azioni statunitensi stanno ostacolando l’acquisizione di farmaci e attrezzature mediche per combattere il coronavirus. «Tali azioni contro l’Iran, in particolare da parte del governo degli Stati Uniti, non sono più un argomento legale o economico», afferma la dichiarazione. Si sottolinea che ciò viola il diritto internazionale.

6. Iran. Vendetta degli Stati Uniti per Suleimani

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato che Teheran continuerà ad agire contro gli Stati Uniti in risposta all’assassinio del personale militare americano del generale Kassem Suleimani, il Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica. «Non abbiamo lasciato questo senza risposta e non ci soffermeremo su di esso», ha detto Rouhani. Ha ricordato che «le forze armate iraniane hanno già dato una risposta e hanno attaccato la base americana nella regione con missili» in risposta all’assassinio di Suleymani. «Penso che gli Stati Uniti non lo dimenticheranno mai, perché per la prima volta nella storia della regione è stata data una risposta decisa e rapida alle azioni barbariche degli americani», ha sottolineato il presidente iraniano.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Итоги недели 26 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками запрещенной в РФ террористической группировки «Хайат Тахрир […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […]
Наверх Наверх