La quantità delle vittime in Libia è in crescita

  
0

A seguito del bombardamento missilistico a cui è stata sottoposta la capitale della Libia, Tripoli, diverse potenti esplosioni hanno risuonato nella città, riferisce TASS in riferimento a Agence France-Presse. Secondo l’agenzia, almeno sette potenti esplosioni sono state udite in città, in alcune aree è stato visibile del fumo denso. Secondo le informazioni ricevute, almeno due persone sono state uccise a seguito di attacchi missilistici, altri otto sono rimasti feriti, secondo quanto riferito da Reuters, citando i servizi di emergenza della città. Ricordiamo, il 4 aprile, il comandante dell’esercito nazionale libico, Khalifa Haftar, ordinò un attacco a Tripoli. Lunedì, l’esercito nazionale libico ha annunciato l’istituzione del controllo sulla maggior parte delle aree suburbane di Tripoli.

Il vice premier del governo di Libia, Ahmed Maityg, ha invitato i paesi europei a non fidarsi del feldmaresciallo Khalifa Haftar, comandante dell’esercito nazionale libico, e di non negoziare con lui, riferisce TASS. In un’intervista con il quotidiano italiano La Repubblica, pubblicato lunedì, ha avvertito che il conflitto libico potrebbe portare a una guerra civile, come in Siria. Secondo Maityg, Haftar, con il sostegno dell’Egitto, sta trascinando la Libia in una lunga guerra che minaccia le migrazioni di massa e la diffusione del terrorismo.

Il Regno Unito ha inviato cinque elicotteri d’attacco Apache in Estonia come «deterrente» di una «probabile minaccia» dalla Russia, riferisce RIA Novosti con riferimento al canale televisivo britannico Sky News. Gli elicotteri da ricognizione Wildcat supporteranno i veicoli trasferiti sul posto e, insieme ad Apache, entreranno a far parte del programma NATO per espandere la presenza militare nell’Europa orientale. Come ha affermato il Segretario della Difesa del Regno Unito, Gavin Williamson, lo schieramento di elicotteri d’attacco in Estonia è «vitale». In precedenza, il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha osservato che, sullo sfondo dell’isteria della Polonia e degli stati baltici, il numero delle truppe NATO al confine russo è aumentato di sette volte.

La visita del presidente del Consiglio di Stato della Corea del Nord, Kim Jong-un, in Russia potrebbe avvenire già la prossima settimana, riferisce il TASS, citando Yonhap. L’agenzia indica che il presidente russo Vladimir Putin prenderà parte al forum «One Belt — One Way» il 26-27 aprile in Cina. La fonte dell’agenzia ritiene che il suo incontro con Kim Jong-un si svolgerà un giorno o due prima o immediatamente dopo questo evento.

Il gruppo navale della NATO come parte della US Navy Gravely, le fregate della marina di Polonia, Turchia e Spagna, entrarono nel Mar Baltico. È riportato da RIA Novosti con riferimento al Ministero della Difesa della Russia. Per rispondere prontamente a possibili situazioni anomale nella zona del Mar Baltico, le forze e i mezzi della flotta del Baltico attuano una serie di misure per monitorare le azioni delle navi della NATO. Nelle aree designate organizzati gruppi di scioperi di navi da carico, sistemi missilistici costieri «Bastion» e «Ball», così come velivoli navali.

Il ministro degli Esteri serbo Ivica Dacic, in un’intervista pubblicata venerdì sul quotidiano Izvestia, ha dichiarato che la Serbia non imporrà misure restrittive nei confronti della Russia, nonostante le forti pressioni esterne, riferisce il fatto quotidiano. Il ministro degli Esteri ha sottolineato che il desiderio della Serbia di entrare nell’Unione europea non impedirà lo sviluppo delle relazioni con la Russia. Ha osservato che Mosca aiuta Belgrado a difendere gli interessi nazionali, anche nella questione del Kosovo, e «sarebbe, per usare un eufemismo, molto scorretto imporre sanzioni dopo i paesi occidentali», ha detto Dacic. Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

L’Ukraine est contre le statut spécial du Donbass Александра Донцова 1. Le vice-Premier ministre ukrainien et chef adjoint de la délégation de Kiev à Minsk Oleksii Reznikov a annoncé l’élaboration d’un ensemble de projets de loi sur la période de transition pour le Donbass. Selon […] Ukraine ist gegen Sonderstatus von Donbass Александра Донцова 1. Der Vizepremier der Ukraine und stellvertretende Leiter der Kiewer Delegation in Minsk, Alexej Resnikow, kündigte die Entwicklung eines Gesetzespakets zur Übergangszeit für Donbass an. Gleichzeitig äußerte Resnikow die […] L’Ucraina è contraria allo status speciale del Donbass Александра Донцова 1. Il vice primo ministro dell’Ucraina e il vice capo della delegazione di Kiev a Minsk, Alexey Reznikov, hanno annunciato lo sviluppo di un pacchetto di progetti di legge sul periodo di transizione per il Donbass. Allo […] Ucrania está en contra del estatuto especial de Donbass Александра Донцова 1. Aleksey Reznikov, el viceprimer ministro de Ucrania, y el subjefe de la delegación de Kiev en Minsk, declaró que Kiev no prescribiría el estatuto especial de Donbass en la constitución y que los acuerdos de Minsk requerían […] Ukraine is against the special status of Donbass Александра Донцова 1 Aleksiy Reznikov, the Deputy Prime Minister of Ukraine and the Deputy Head of the Kiev delegation in Minsk, announced the development of a package of bills on a transitional period for Donbass. Reznikov expressed his […] Explosion an der syrisch-israelischen Grenze Александра Донцова Die libanesische Nachrichtenagentur NNA berichtete, dass in den Golanhöhen nahe der syrisch-israelischen Grenze eine gewaltige Explosion stattgefunden habe. „Die Bewohner einiger Siedlungen im Distrikt Marjayoun (Südlibanon) […]
Наверх Наверх