La Siria progetta di restituire la provincia di Idlib

  
0

Una portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha detto che al termine del processo di ritiro, gli Stati Uniti lascerebbero «un piccolo contingente per il mantenimento della pace» in Siria, che consisterebbe in 200 soldati, secondo quanto riportato da Interfax. Ha anche informato che i presidenti degli Stati Uniti e della Turchia, Donald Trump e Recep Tayyip Erdogan, hanno discusso questioni relative alle zone di sicurezza in Siria durante una conversazione telefonica. I media, commentando queste dichiarazioni della Casa Bianca, fanno notare che la scorsa settimana, il Segretario alla Difesa USA Patrick Shanahan ha visitato l’Europa, dove ha cercato di convincere gli alleati a mantenere una presenza militare in Siria dopo il ritiro delle truppe americane. Allo stesso tempo, come riportato dal Washington Post alla vigilia, gli Alleati respinsero questa richiesta.

2. Venezuela

L’autoproclamato presidente del Venezuela, Juan Guaydo, ha scritto su Twitter il primo decreto firmato da lui come capo di stato, secondo quanto riportato da Interfax. Il decreto consente l’importazione di aiuti umanitari, l’apertura di confini con il Brasile e il mantenimento delle relazioni diplomatiche con alcuni paesi. Ricordiamo, lunedì, il ministero degli Esteri russo ha avvertito di una provocazione pianificata durante l’importazione di beni in Venezuela, definiti come «aiuti umanitari» al popolo venezuelano.

3. L’Artico

Il comandante della Marina statunitense in Europa e in Africa, l’ammiraglio James Foggo, ha affermato che gli Stati Uniti non permetterebbero alla Russia e alla Cina di dominare l’Artico e controllare la rotta del Mare del Nord. Secondo lui, questa regione dovrebbe essere ugualmente utilizzata da tutti i paesi del Consiglio artico e nessuno ha il diritto di reclamarlo. Ha anche aggiunto che gli Stati Uniti sono interessati alla regione che rimane territorio libero e aperto. Nel novembre 2018, il generale Joseph Dunford, presidente dei capi di stato maggiore, annunciò l’espansione della presenza militare russa nell’Artico. Secondo lui, Washington non esclude la possibilità di trasformare questa regione in una zona di conflitto in futuro.

4. Gli Stati Uniti

Il Pentagono sta creando una nuova strategia per condurre operazioni di combattimento contro la Russia e la Cina, suggerendo una «invasione nascosta» in profondità nel territorio nemico, ha detto il capo delle Forze Armate di USA, il generale David Goldfine. Ha sottolineato che Washington ha iniziato a sviluppare una nuova strategia in risposta alle «minacce» da parte della Russia e della Cina. La strategia coinvolgerà tutti i tipi di truppe americane e il ruolo principale sarà svolto dal combattente F-35, che fungerà da quartier generale di coordinamento per l’offensiva. L’idea è di colpire i punti deboli del nemico, evitando collisioni con punti di forza. Secondo Goldfine, la nuova strategia darà ai soldati americani «vantaggi asimmetrici» sul nemico. Si presume che lo sviluppo della strategia richiederà circa un anno, e il suo costo sarà di circa 135 miliardi di dollari, riferisce RIA Novosti.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: