La Siria si è opposta alla nuova zona sicura

  
0

Le autorità siriane si sono categoricamente opposte all’accordo tra Stati Uniti e Turchia sulla creazione della cosiddetta zona sicura nel nord-est del paese. «La Siria ha categoricamente respinto l’accordo annunciato dagli Stati Uniti e dalla Turchia di istituire la cosiddetta zona sicura, sottolineando che costituisce una grave violazione della sovranità e dell’integrità territoriale della Siria, nonché i principi del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite», hanno affermato le autorità siriane citando SANA. Alla vigilia si è saputo che la Turchia e gli Stati Uniti hanno concordato di stabilire un punto focale per le operazioni congiunte e la prevista zona di sicurezza nella Siria settentrionale.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che Ankara condurrà un’operazione militare contro le forze di opposizione curde in Siria sulla riva orientale dell’Eufrate, riferisce Interfax citando l’agenzia Anadolu. Secondo lui, gli Stati Uniti e la Russia sono informati di questi piani. In precedenza, le truppe turche nel nord della Siria erano già entrate nelle città di Afrin, Jerabulus ed El-Bab, ora entreranno nel territorio a est dell’Eufrate, ha aggiunto Erdogan. Ha ricordato che la Turchia aveva precedentemente condotto operazioni antiterroristiche in Siria — nell’agosto 2016 ad Aleppo e nel gennaio 2018 nella regione di Afrin. Attualmente, le aree ad est dell’Eufrate sono controllate dalle «Forze di autodifesa del popolo» curde e dai militanti del Partito dei lavoratori del Kurdistan, sostenuto dagli Stati Uniti. Ankara, da parte sua, considera queste organizzazioni terroristiche.

La RPDC ha nuovamente lanciato diversi missili, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Yonhap in riferimento al comando militare sudcoreano. Secondo i militari, la Corea del Nord ha lanciato due missili balistici a corto raggio nel Mar del Giappone, simili ai missili balistici testati dalla RPDC il 25 luglio. I missili sono stati lanciati alle 5:24 e alle 5:36 dal distretto sud-occidentale nordcoreano di Quil nella provincia meridionale di Hwanhe, entrambi volando per circa 450 km a un’altitudine di circa 37 km, hanno riferito i Chief Chief of Staff della Corea del Sud. Ricordiamo, questa è la quarta serie di test missilistici condotti dalla RPDC in meno di due settimane.

Il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato che un nuovo pacchetto di sanzioni anti-russe in caso di avvelenamento dell’ex ufficiale del GRU Sergei Skripal e sua figlia Julia nella Salisbury britannica entrerà in vigore il 26 agosto, dopo un periodo di preavviso al Congresso. Questo è stato riportato in una dichiarazione pubblicata sul sito web dell’agenzia. Ricordiamo, in precedenza, il Dipartimento di Stato USA ha annunciato l’introduzione di un secondo pacchetto di sanzioni contro la Russia in relazione al caso Skripal. Il Ministero delle finanze degli Stati Uniti ha anche spiegato che queste sanzioni non si applicano alle società statali, le misure si applicano solo ai ministeri, alle agenzie e al fondo sovrano.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на утро 11 августа 2020 года Влад Николаев В Белоруссии продолжаются протесты, которые начались после выборов президента. Агентство ТАСС сообщило, что после семи часов противостояния с протестующими, милиции удалось вытеснить их с улиц Минска. Для разгона протестующих […] Wahlen in Weißrussland. Proteste in Beirut Александра Донцова 1. Libanon In Beirut fanden Proteste statt. Demonstranten fordern den Rücktritt des Präsidenten, des Sprechers und des Premierministers. Am Samstag fand im Zentrum von Beirut eine regierungsfeindliche Demonstration statt, die […] Wahlen in Weißrussland. Proteste in Beirut Александра Донцова 1. Libanon In Beirut fanden Proteste statt. Demonstranten fordern den Rücktritt des Präsidenten, des Sprechers und des Premierministers. Am Samstag fand im Zentrum von Beirut eine regierungsfeindliche Demonstration statt, die […] Elezioni in Bielorussia. Proteste a Beirut Александра Донцова 1.Libano Le proteste si sono svolte a Beirut. I manifestanti chiedono le dimissioni del presidente, del presidente e del primo ministro. Secondo quanto riferito, sabato nel centro di Beirut si è svolta una manifestazione […] Las elecciones en Belarús. Las protestas en Beirut Александра Донцова 1.Líbano. Las protestas tuvieron lugar en Beirut, cerca del parlamento libanés. Los manifestantes exigieron la dimisión del presidente, el portavoz y el primer ministro. El canal de televisión Al-Hadath informa que durante […] Elections in Belarus. Protests in Beirut. Александра Донцова 1 Lebanon Protests took place in Beirut. The protesters demanded the resignation of the president, speaker, and prime minister. It was reported that on Saturday, in the central part of Beirut, an anti-government protest took […]
Наверх Наверх