La situazione nel Nagorno Karabakh

  
0

1. Azerbaigian

Il ministero della Difesa azero ha riferito che durante la notte di martedì e mercoledì, i combattimenti sono continuati in diverse direzioni nel Nagorno Karabakh. È stato riferito che la parte armena ha sparato contro le posizioni dell’esercito azerbaigiano con armi leggere, mortai e artiglieria. Il ministero della Difesa azero ha affermato che durante i combattimenti 3 installazioni di artiglieria, diversi mortai e 3 camion con il personale delle forze armene sono stati disabilitati. «L’esercito azero controlla la situazione operativa lungo l’intera lunghezza del fronte», si legge nel comunicato. Il ministero della Difesa azero ha anche riferito del bombardamento di mercoledì mattina presto della regione di Terter nella repubblica del Nagorno Karabakh non riconosciuta da parte armena.

2.Armenia

Il segretario stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan ha detto sulla sua pagina Facebook che unità di difesa aerea dell’esercito di difesa della repubblica del Nagorno Karabakh non riconosciuta hanno abbattuto un aereo dell’aviazione azerbaigiana nel sud sulla linea di contatto in Nagorno Karabakh. Si nota che permane una situazione relativamente stabile e tesa. A sua volta, il ministero della Difesa azero ha negato informazioni sulla distruzione di un aereo dell’aeronautica militare azera in Karabakh. Il dipartimento militare azero ha dichiarato che «le informazioni sul presunto aereo militare azero abbattuto sono false».

3. Armenia

Il presidente armeno Armen Sarkissian si è recato in visita di lavoro a Bruxelles, ha riferito il servizio stampa dell’Ufficio del presidente armeno. «Durante la sua visita a Bruxelles, il presidente Sarkissian incontrerà il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, l’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e altri funzionari di alto rango», afferma il comunicato. Si rileva che il presidente armeno intende discutere la situazione nel Nagorno Karabakh. Il servizio stampa della NATO ha confermato che è previsto un incontro tra il presidente armeno e il segretario generale della NATO presso la sede dell’alleanza, ma l’argomento dei colloqui non è stato specificato.

4. Russia

Il ministero degli Esteri russo ha affermato che il 20 e 21 ottobre il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha tenuto riunioni separate con i ministri degli Esteri dell’Azerbaigian e dell’Armenia Jeyhun Bayramov e Zohrab Mnatsakanyan. «Durante i colloqui sono state discusse questioni urgenti relative all’attuazione degli accordi precedentemente raggiunti su un cessate il fuoco nella zona del conflitto del Nagorno Karabakh e la creazione di condizioni per una sua soluzione sostenibile», ha detto il ministero degli Esteri russo.

5. Armenia

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha dichiarato in un’intervista al quotidiano iraniano che i paesi della regione dovrebbero prendere sul serio la presenza dei terroristi in Nagorno Karabakh. «A livello internazionale, è stato confermato che i mercenari dalla Siria vengono trasferiti nella regione attraverso la Turchia per partecipare alle ostilità, che rappresenta una grave minaccia per la regione. Purtroppo, i paesi della regione non hanno reagito seriamente a questa realtà. Non c’è dubbio che la presenza di terroristi stranieri rappresenta una minaccia per la regione in futuro. I paesi della regione dovrebbero prendere la questione più seriamente», ha detto Pashinyan citando l’ambasciata armena in Iran. In precedenza, l’Armenia ha dichiarato che i militari turchi stanno prendendo parte al conflitto del Nagorno Karabakh dalla parte dell’Azerbaigian, così come che la Turchia sta trasferendo mercenari dai gruppi siriani sotto il suo controllo nella zona del conflitto.

6. Libia

Stephanie Williams, Inviata speciale facente funzione del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Libia e Capo della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia, ha dichiarato in un briefing che ai colloqui nel formato 5+5, svoltisi a Ginevra, le parti del conflitto libico hanno raggiunto un accordo sull’apertura di strade tra tutte le regioni e città in Libia. Le parti «hanno concordato di aprire tutte le strade terrestri che collegano tutte le regioni e le città della Libia», ha detto Williams.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 12:00 24 ноября 2020 года Влад Николаев Президент Азербайджана Ильхам Алиев заявил, что христианские храмы на территориях в Карабахе, перешедших под контроль Баку, являются историческим достоянием Азербайджана. Об этом Алиев заявил в понедельник во время посещения […] Главное на утро 24 ноября 2020 года Влад Николаев Президент США Дональд Трамп рекомендовал своей администрации начать процесс передачи власти Байдену. Трамп рекомендовал главе Управления по общим вопросам администрации США Эмили Мерфи, а также членам своей администрации […] The US withdrawal from the Open Skies Treaty Александра Донцова 1 Nagorno-Karabakh The head of the engineering service of the Russian peacekeepers in Nagorno-Karabakh, Lieutenant-Colonel Pavel Pautov, stated that the Russian sappers had begun to demine the area in Nagorno-Karabakh, inside […] Ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sui cieli aperti Александра Донцова 1. Nagorno-Karabakh Il capo del servizio di ingegneria del contingente militare russo, il tenente colonnello Pavel Pautov, ha detto che gli zappatori delle forze armate russe avevano iniziato lo sminamento umanitario del […] La retirada de los EE.UU. del Tratado de Cielos Abiertos Александра Донцова 1.Nagorno-Karabaj. Pavel Pautov, el jefe de Servicios de Ingeniería del contingente militar ruso, informó que los zapadores de la Fuerza Armada rusa habían comenzado la remoción de minas humanitaria de la región en […] Manifestations en Allemagne Александра Донцова L’un après l’autre, les pays européens introduisent la quarantaine suite à la deuxième vague de la pandémie du coronavirus. Le retour à des restrictions rigoureuses suscite le mécontentement profond par des raisons […]
Наверх Наверх