La situazione nella capitale del Kirghizistan si è stabilizzata

  
0

Il dipartimento di polizia di Bishkek ha riferito che 40 sostenitori dell’ex presidente Almazbek Atambayev sono stati arrestati durante le rivolte nella capitale del Kirghizistan. «Gli agenti di polizia hanno arrestato 40 autori di reati e sono stati condotti processi su tutti i fatti», riferisce TASS. Hanno aggiunto che le identità degli istigatori delle rivolte vengono ora stabilite. Il dipartimento di polizia di Bishkek ha anche riferito che circa 1,5 mila persone hanno cercato di organizzare scontri nella capitale del Kirghizistan nella notte del 9 agosto. Secondo l’agenzia, i partecipanti hanno cercato di entrare nell’edificio del parlamento, nei centri commerciali e nei supermercati, oltre a bloccare le strade.

Nel distretto turco di Reyhanli, vicino al confine con la Siria, venerdì sera una serie di esplosioni in un deposito di munizioni si è verificata, ha riferito NTV. I residenti dei territori adiacenti al deposito di munizioni furono evacuati. Si noti che le strade che portano al luogo delle esplosioni sono attualmente bloccate, riferisce TASS. Soccorritori, medici e agenti delle forze dell’ordine sono andati in scena. Ricordiamo che a fine luglio, la Turchia ha annunciato l’intenzione di creare una «zona di sicurezza» in Siria. Successivamente, gli Stati Uniti hanno avvertito Ankara di una minaccia alla sicurezza della Turchia in caso di invasione della Siria, inoltre il Pentagono ha promesso di impedire qualsiasi operazione militare turca in Siria.

Il Giappone ha indicato le isole giapponesi di Kunashir, Shikotan, Iturup e Habomai come territorio giapponese sulla mappa della rotta delle fiamme olimpiche, pubblicata sul sito ufficiale dei Giochi olimpici estivi del 2020 a Tokyo, secondo quanto riferito da Interfax. Ricordiamo, il Giappone rivendica le quattro isole meridionali della cresta Kuril, facendo riferimento al Trattato sul commercio e le frontiere del 1855. La posizione di Mosca è che le Isole Curili del Sud entrarono a far parte dell’URSS dopo la seconda guerra mondiale e che la sovranità russa su di esse, che ha un design legale internazionale, non è in dubbio. Il senatore Vladimir Dzhabarov, commentando questo passo, l’ha definita una violazione della mappa olimpica e un inutile aggravamento delle relazioni tra i due stati. Ha aggiunto che il tema delle Isole Curili non viene discusso e che se i giapponesi sono determinati a firmare un trattato di pace, tali azioni non avvicinano questo momento. Secondo lui, dopo questo incidente, è probabile che il ministero degli Esteri russo invii una nota in Giappone.

Le forze di sicurezza egiziane hanno eliminato 17 terroristi che, secondo la polizia, sono stati coinvolti nell’attentato dinamitardo al Cairo domenica, riferisce Interfax citando una dichiarazione del ministero dell’Interno del paese. Tutti i liquidati appartenevano all’ala armata del gruppo Hasm, affiliato alla Confraternita dei musulmani bandita nel paese. A seguito di una collisione di diverse auto nel centro del Cairo, domenica sera è avvenuta un’esplosione, 20 persone sono morte e 47 sono rimaste ferite. Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha qualificato l’incidente come un attacco terroristico. Come stabilito dall’inchiesta, una delle auto che hanno partecipato all’incidente è stata precedentemente dirottata e in essa è stata trasportata una certa quantità di esplosivi. Secondo le indagini, in futuro la macchina sarebbe stata utilizzata per un attacco terroristico su larga scala.

La Corea del Sud e gli Stati Uniti continueranno a garantire la libertà della regione indo-pacifica, ha dichiarato il segretario alla Difesa americano Mark Esper, che è a Seoul per una visita di due giorni. “L’Unione della Repubblica di Corea e degli Stati Uniti è forte e rimane la chiave per la pace e la sicurezza nella penisola coreana e nel nord-est asiatico. Il ministro della Difesa nazionale Chung Gen Doo e io abbiamo ribadito il nostro impegno a rafforzare l’alleanza al fine di garantire la libertà e l’apertura della regione indo-pacifica”, riferisce Esper di TASS. Secondo i resoconti dei media della Corea del Sud, Esper discuterà delle questioni di sicurezza regionale a Seoul e, possibilmente, della questione dell’aumento dei contributi della Corea del Sud a sostegno del 28.000esimo contingente militare del paese. Inoltre, verranno sollevate domande sulla partecipazione della Corea del Sud alla coalizione internazionale degli Stati Uniti per garantire la sicurezza della navigazione nello Stretto di Hormuz e verrà fatto un tentativo di rilanciare l’accordo tra Seoul e Tokyo sullo scambio di informazioni di intelligence sulla RPDC.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Un hélicoptère Mi-28N s’est écrasé Александра Донцова 1 Syrie La Défense russe a rapporté qu’en Syrie, dans la zone voisine du front, à quelques dizaines de kilomètres à l’ouest de la localité de Kamychly, la 15e patrouille conjointe de la police militaire russe et des forces […] Der Hubschrauber Mi-28N stürzte ab. Александра Донцова 1. Syrien Das russische Verteidigungsministerium berichtete, dass die fünfzehnte gemeinsame Patrouille der russischen Militärpolizei und der türkischen Streitkräfte die Arbeiten in einem Grenzgebiet in Syrien abgeschlossen […] L’elicottero Mi-28N si è schiantato Александра Донцова 1. Siria Il ministero della Difesa russo ha riferito che la quindicesima pattuglia congiunta della polizia militare russa e delle forze armate turche ha completato i lavori in Siria in una zona di confine situata diverse […] El helicóptero Mi-28N se estrelló Александра Донцова 1.Siria El Ministerio de Defensa de la Federación de Rusia informó que en Siria, en la región fronteriza situada a varias decenas de kilómetros al oeste del lugar poblado de Kamyshli había concluido su labor la patrulla […] A Mi-28N helicopter crashed Александра Донцова 1 Syria The Russian Ministry of Defense reported that the 15th joint patrol of the Russian military police and the Turkish forces in the Syrian border area, a few tens of kilometers west of the village of Qamishli, has ended. […] Damas va récuperer la souveraineté sur des territoires Александра Донцова 1 Kazakhstan La déclaration finale de la rencontre internationale sur la Syrie à Noursoultan dit que les pays-garants du processus d’Astana – la Russie, la Turquie et l’Iran – ont rejeté des initiatives visant la création […] Damaskus will die Souveränität über die Gebiete wiedererlangen Александра Донцова 1. Kasachstan In der Abschlusserklärung zum internationalen Syrien-Treffen in Nur Sultan hieß es, dass die Schutzmächte des Astana-Prozesses – Russland, die Türkei und der Iran – die Initiative zur Schaffung unter dem […] Damasco intende riconquistare la sovranità sui territori Александра Донцова 1.Kazakistan La dichiarazione finale sull’incontro internazionale sulla Siria a Nur Sultan afferma che i paesi garanti del processo di Astana Russia, Turchia e Iran hanno respinto l’iniziativa di creare un […] Damasco tiene intenciones de recuperar la soberanía sobre los territorios Александра Донцова 1.Kazajstán Después de la reunión internacional sobre Siria celebrada en Nur Sultan, los países garantes del proceso de Astaná, en particular, Rusia, Turquía e Irán rechazaron la iniciativa de crear un gobierno autónomo en […]
Наверх Наверх