La tregua nel Donbass è violata

  
0

1.

Secondo l’ufficio di rappresentanza della Repubblica popolare di Donetsk nel centro comune per il coodinamento, il 27 luglio, non è stato registrato alcun bombardamento da parte delle formazioni armate dell’Ucraina. Ricorderemo che nel territorio del Donbass sono entrate in vigore misure aggiuntive per rafforzare e controllare l’attuale regime illimitato di cessate il fuoco.

2.

Un’altra tregua è durata più di 2 giorni — o 44 ore in più rispetto al precedente tentativo di stabilire un cessate il fuoco nel Donbass. Il 29 luglio, la rappresentanza del RPD nel сentro comune per I coordinamento ha registrato una violazione da parte delle forze di sicurezza ucraine. Spararono da Avdeevka su Yakovlevka, usando armi leggere. Non sono state ricevute informazioni più dettagliate, continuiamo a monitorare la situazione.

3.

Il primo presidente ucraino, Leonid Kravchuk, che ha guidato la delegazione di Kiev ai negoziati del gruppo di contatto sul Donbass, annunciò la sua disponibilità a scendere a compromessi sulla questione della risoluzione del conflitto. Kravchuk ha detto questo in un’intervista con RBC-Ucraina. «C’è una sola missione: porre fine alla guerra, affinché regni la pace in Ucraina, in modo che viviamo in pace: senza sangue, senza orrori, senza perdite, senza distruzione. Questa è la mia missione, in modo che ci sia pace nel Donbass e in Ucraina. Farò per questo tutto ciò che posso. Faremo compromessi», ha detto. Parlando dello status speciale di Donbass, l’ex presidente ha osservato che avrebbe sostenuto il passaggio dalle parole generali ad azioni concrete. «Che sia il governo a beneficio delle persone che vivono lì e le persone sentono di essere i padroni della loro terra», ha aggiunto. Allo stesso tempo, Kravchuk ha osservato che «ci sono cose che non possono essere compromesse». «Questa è sovranità, integrità territoriale, indipendenza, inviolabilità dei confini. Questo problema non è in discussione», ha sottolineato.

4.

Le auto del prossimo 97° convoglio del ministero delle Emergenze russo con aiuti umanitari per gli abitanti di Donbass arrivarono a Lugansk e Donetsk. Il Ministero delle situazioni di emergenza della RPL ha riferito che otto veicoli di soccorritori russi hanno consegnato medicinali alla Repubblica. Il precedente convoglio con merci umanitarie è arrivato nel Donbass il 19 dicembre dell’anno scorso. Agli abitanti di Donetsk e Lugansk sono state consegnate più di 435 tonnellate di medicinali e kit alimentari per bambini, che includevano alimenti per lattanti e cibo in scatola.

5.

La delegazione di Kiev nel corso di una riunione del sottogruppo sulle questioni di sicurezza ha rifiutato di approvare un elenco completo di siti per lo sminamento. Lo ha affermato nella rappresentanza del RPD nel Centro comune per il controllo e il coordinamento del regime del cessate il fuoco. In precedenza, è stato riferito dei piani in una riunione straordinaria del sottogruppo per discutere l’attuazione di misure aggiuntive per controllare il cessate il fuoco, l’azione contro le mine e il disimpegno delle truppe nel Donbass. I colloqui si sono svolti nel formato di una videoconferenza.

6.

E in seguito all’argomento. Dall’inizio dell’anno, oltre 200 militari delle forze armate ucraine sono stati fatti saltare in aria dalle miniere ucraine nella zona della cosiddetta Operazione delle Forze Congiunte, 85 di loro sono morti. Lo ha annunciato Ivan Filiponenko, un ufficiale del servizio stampa della milizia popolare della RPL. Ha ricordato che dall’inizio dell’aggressione militare di Kiev contro i residenti del Donbass, più di duemila militari delle forze armate ucraine sono morti in esplosioni nelle miniere ucraine, nonché nella loro disattenta gestione.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Explosion an der syrisch-israelischen Grenze Александра Донцова Die libanesische Nachrichtenagentur NNA berichtete, dass in den Golanhöhen nahe der syrisch-israelischen Grenze eine gewaltige Explosion stattgefunden habe. „Die Bewohner einiger Siedlungen im Distrikt Marjayoun (Südlibanon) […] Esplosione al confine siro-israeliano Александра Донцова L’agenzia nazionale libanese NNA ha riferito che una potente esplosione è avvenuta sulle alture del Golan vicino al confine siro-israeliano. «I residenti di alcuni insediamenti nel distretto di Marjayoun (Libano […] La explosión en la frontera entre Siria e Israel Александра Донцова La agencia nacional libanesa NNA informó que se había producido una explosión en las Alturas del Golán, cerca de la frontera entre Siria e Israel. Los residentes de los lugares ponblados situados en el distrito de Marjayoun […] Explosion à la frontière israélo-syrienne Александра Донцова Une puissante explosion s’est produite sur le plateau du Golan, près de la frontière syro-israélienne, selon l’agence nationale libanaise NNA. «Les habitants de certaines colonies du district de Marjayoun (sud du […] An explosion on the Syrian-Israeli border Александра Донцова The Lebanese national news agency »NNA» reported that a strong explosion took place in the Golan Heights, near the Syrian-Israeli border. «Residents of some settlements in the Marjayoun district, in south of […] Proteste in Syrien gegen türkische Präsenz Александра Донцова 1. Syrien Syrische Medien berichteten, dass in mehreren Provinzen Syriens Proteste gegen die türkische Militärpräsenz im Land stattgefunden hätten. Einwohner der Provinz Idlib versammelten sich an den Beobachtungsposten der […]
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх