La Turchia ha bombardato le forze dell`esercito arabo siriano ad Aleppo

  
0

1. Siria

L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che l’artiglieria dell’esercito turco e le forze armate dell’opposizione siriana che combattevano dalla sua parte sparavano contro insediamenti situati a nord di Aleppo. I bombardamenti sono stati effettuati dalla regione di confine di Aazaz, che fa parte della zona di sicurezza creata dalle forze turche nel nord della Siria nel 2017 dopo l’operazione militare «Scudo di Eufrate» contro le unità curde delle «Forze di autodifesa». Si sottolinea che il personale militare siriano non ha risposto al fuoco in posizioni turche.

2. Siria

La SANA riferisce che il Ministero degli Affari Esteri della Siria chiede alla comunità internazionale di revocare tutte le sanzioni contro Damasco nel contesto della diffusione del coronavirus in tutti gli stati vicini. «La continuazione delle sanzioni unilaterali unilaterali degli Stati Uniti e dell’Unione europea in tale situazione è una flagrante violazione dei diritti umani e contraria alle norme e ai principi elementari», ha sottolineato il ministero degli Esteri siriano. Damasco esprime solidarietà con altri paesi che si oppongono alla malattia e richiede «la revoca immediata delle sanzioni contro di loro senza alcuna condizione e la fine del grave blocco». Gli Stati Uniti «con le loro sanzioni impediscono gli sforzi per contrastare la pandemia che minaccia tutta l’umanità e li priva dell’opportunità di ricevere l’assistenza necessaria», ha dichiarato il Ministero degli Esteri siriano.

3. Russia

In una dichiarazione del governo russo, pubblicata giovedì sul sito ufficiale, è stato riferito che, in relazione alla diffusione della nuova infezione da coronavirus in Russia, continueranno ad adottare misure restrittive e, se necessario, saranno rafforzati. Il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha dichiarato che da venerdì 20 marzo le restrizioni alla fornitura di beni essenziali, comprese le dogane, saranno revocate per un mese. Il corridoio verde è stato introdotto per la fornitura di una serie di merci, compresi medicinali e dispositivi medici. Sempre venerdì, i ministeri russi inizieranno a monitorare i prezzi di prodotti alimentari e medicinali nel paese. In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin ha esortato a non credere alle voci sulla portata della diffusione del coronavirus in Russia, le informazioni fornite dallo stato sono obiettive.

4. Giappone

Kyodo, un’agenzia giapponese, ha affermato che i medici di Wuhan, epicentro della distribuzione del coronavirus in Cina, hanno rilasciato persone in quarantena con sintomi all’inizio di marzo per migliorare le statistiche e creare l’apparenza di stabilizzare la situazione per la visita del presidente cinese Xi Jinping. L’agenzia si riferisce alle informazioni ricevute dai medici che lavorano a Wuhan. Al momento non esiste alcuna conferma ufficiale di tali informazioni e commenti da parte delle autorità cinesi.

5. Russia

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha avuto una conversazione telefonica con la sua controparte cinese. Lo ha riferito il ministero degli Esteri cinese. Durante una conversazione il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato che la Cina è pronta ad organizzare la consegna di medicinali d’emergenza in Russia per combattere la diffusione del nuovo coronavirus. «Come ringraziamento per il sostegno alla Russia, siamo pronti a risolvere attivamente il problema di fornire assistenza sotto forma di consegne di merci in cui il tuo paese ha un urgente bisogno», ha detto Wang Yi sul sito web del Ministero degli Esteri cinese. Il Ministro degli Esteri cinese ha sottolineato che Pechino è interessata a migliorare la cooperazione con Mosca per combattere la malattia causata dal coronavirus, perché questo compito richiede gli sforzi congiunti della comunità internazionale.

6. Iraq

Il canale televisivo iracheno Al-Sumar riferisce che giovedì le forze armate statunitensi di stanza in Iraq hanno trasferito ufficialmente la base di al-Qaim, utilizzata dalle truppe della coalizione internazionale antiterroristica, all’esercito iracheno. Il canale nota che le unità militari irachene hanno iniziato formalmente ad arrivare pochi giorni fa dopo il completo ritiro delle unità della coalizione internazionale da lì.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 12:00 28 сентября 2020 года Влад Николаев Пресс-секретарь Минобороны Армении Шушан Степанян сообщила, что армия обороны непризнанной Нагорно-Карабахской республики (НКР) в ходе ночных боев восстановила контроль над несколькими позициями, которые ранее были заняты ВС […] Главное на утро 28 сентября 2020 года Влад Николаев В Минобороны Армении сообщили, что бои в Нагорном Карабахе продолжились в ночь на понедельник. Об этом сообщил в Facebook официальный представитель Минобороны Армении Арцрун Ованнисян. «Ночью боевые действия […] Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […]
Наверх Наверх