La Turchia ha bombardato le forze dell`esercito arabo siriano ad Aleppo

  
0

1. Siria

L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che l’artiglieria dell’esercito turco e le forze armate dell’opposizione siriana che combattevano dalla sua parte sparavano contro insediamenti situati a nord di Aleppo. I bombardamenti sono stati effettuati dalla regione di confine di Aazaz, che fa parte della zona di sicurezza creata dalle forze turche nel nord della Siria nel 2017 dopo l’operazione militare «Scudo di Eufrate» contro le unità curde delle «Forze di autodifesa». Si sottolinea che il personale militare siriano non ha risposto al fuoco in posizioni turche.

2. Siria

La SANA riferisce che il Ministero degli Affari Esteri della Siria chiede alla comunità internazionale di revocare tutte le sanzioni contro Damasco nel contesto della diffusione del coronavirus in tutti gli stati vicini. «La continuazione delle sanzioni unilaterali unilaterali degli Stati Uniti e dell’Unione europea in tale situazione è una flagrante violazione dei diritti umani e contraria alle norme e ai principi elementari», ha sottolineato il ministero degli Esteri siriano. Damasco esprime solidarietà con altri paesi che si oppongono alla malattia e richiede «la revoca immediata delle sanzioni contro di loro senza alcuna condizione e la fine del grave blocco». Gli Stati Uniti «con le loro sanzioni impediscono gli sforzi per contrastare la pandemia che minaccia tutta l’umanità e li priva dell’opportunità di ricevere l’assistenza necessaria», ha dichiarato il Ministero degli Esteri siriano.

3. Russia

In una dichiarazione del governo russo, pubblicata giovedì sul sito ufficiale, è stato riferito che, in relazione alla diffusione della nuova infezione da coronavirus in Russia, continueranno ad adottare misure restrittive e, se necessario, saranno rafforzati. Il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha dichiarato che da venerdì 20 marzo le restrizioni alla fornitura di beni essenziali, comprese le dogane, saranno revocate per un mese. Il corridoio verde è stato introdotto per la fornitura di una serie di merci, compresi medicinali e dispositivi medici. Sempre venerdì, i ministeri russi inizieranno a monitorare i prezzi di prodotti alimentari e medicinali nel paese. In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin ha esortato a non credere alle voci sulla portata della diffusione del coronavirus in Russia, le informazioni fornite dallo stato sono obiettive.

4. Giappone

Kyodo, un’agenzia giapponese, ha affermato che i medici di Wuhan, epicentro della distribuzione del coronavirus in Cina, hanno rilasciato persone in quarantena con sintomi all’inizio di marzo per migliorare le statistiche e creare l’apparenza di stabilizzare la situazione per la visita del presidente cinese Xi Jinping. L’agenzia si riferisce alle informazioni ricevute dai medici che lavorano a Wuhan. Al momento non esiste alcuna conferma ufficiale di tali informazioni e commenti da parte delle autorità cinesi.

5. Russia

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha avuto una conversazione telefonica con la sua controparte cinese. Lo ha riferito il ministero degli Esteri cinese. Durante una conversazione il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato che la Cina è pronta ad organizzare la consegna di medicinali d’emergenza in Russia per combattere la diffusione del nuovo coronavirus. «Come ringraziamento per il sostegno alla Russia, siamo pronti a risolvere attivamente il problema di fornire assistenza sotto forma di consegne di merci in cui il tuo paese ha un urgente bisogno», ha detto Wang Yi sul sito web del Ministero degli Esteri cinese. Il Ministro degli Esteri cinese ha sottolineato che Pechino è interessata a migliorare la cooperazione con Mosca per combattere la malattia causata dal coronavirus, perché questo compito richiede gli sforzi congiunti della comunità internazionale.

6. Iraq

Il canale televisivo iracheno Al-Sumar riferisce che giovedì le forze armate statunitensi di stanza in Iraq hanno trasferito ufficialmente la base di al-Qaim, utilizzata dalle truppe della coalizione internazionale antiterroristica, all’esercito iracheno. Il canale nota che le unità militari irachene hanno iniziato formalmente ad arrivare pochi giorni fa dopo il completo ritiro delle unità della coalizione internazionale da lì.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Ukraine intensifies their armed provocations Александра Донцова 1 Syria The Syrian President Bashar al-Assad held a meeting in Damascus with the Russian Deputy Prime Minister, Yuri Borisov. Yuri Borisov congratulated Bashar al-Assad on his victory in the presidential elections, and added […] Ucrania intensifica las provocaciones armadas Александра Донцова 1.Siria El 22 de junio, Bashar al-Assad, el presidente sirio, se reunió en Damasco con Yuri Borisov, el viceprimer ministro ruso. Borisov felicitó a Assad por su victoria en las elecciones presidenciales. Borisov destacó que […] Украина усиливает вооруженные провокации || Итоги дня 22.06.2021 Влад Николаев Сегодня президент Сирии Башар Асад в Дамаске провел встречу с вице-премьером РФ Юрием Борисовым. Борисов поздравил Асада с победой на президентских выборах. Борисов отметил, что Москва рассчитывает, что новое правительство […] The humanitarian situation in Syria Александра Донцова 1 Syria The Russian Foreign Minister Sergei Lavrov stated that Russia is ready to discuss with the Western countries the humanitarian situation in Syria, if they recognize the real problems there, and the responsibility they […] La situación humanitaria en Siria Александра Донцова 1.Siria. Sergei Lavrov, el Ministro de Asuntos Exteriores ruso, declaró que Rusia estaba dispuesta a examinar la situación humanitaria en Siria con los países occidentales en caso de que ellos reconocieran los problemas […] Гуманитарная ситуация в Сирии || Итоги дня 21.06.2021 Влад Николаев Министр иностранных дел РФ Сергей Лавров заявил, что Россия готова обсуждать с западными странами гуманитарную ситуацию в Сирии, если они признают реально существующие там проблемы и ответственность, которую они за них несут. […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: