La Turchia sostiene i terroristi di Khan Sheikhun

  
0

1. Siria Veicoli militari turchi con munizioni hanno attraversato il confine siriano e si stanno dirigendo verso la città di Khan Sheikhun, secondo quanto riferito da TASS citando una dichiarazione del rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri siriano. «Veicoli militari turchi carichi di munizioni hanno attraversato il confine e si stanno dirigendo verso la città di Khan Sheikhun nella provincia di Idlib», ha dichiarato il Ministero degli Esteri siriano. Indica che il convoglio entra nella città di Khan Sheikhun «per aiutare i terroristi sconfitti del gruppo Jebhat al-Nusra (illecito nella Federazione Russa), confermando così un sostegno illimitato della Turchia agli estremisti». Il ministero degli Esteri ha indicato che la Repubblica araba siriana «condanna fermamente questo flagrante intervento turco» e incolpa Ankara «per le piene conseguenze di questa violazione non mascherata della sovranità, dell’unità e dell’integrità territoriale della Siria».

2. Siria Le forze governative siriane durante l’offensiva nella provincia di Idlib sono riuscite a entrare nella città di Khan Sheikhun, riferisce TASS, citando il canale televisivo Al-Mayadin. Damasco ha perso il controllo della città nel 2014. Le truppe siriane sono state in grado di entrare in città dopo feroci battaglie con estremisti. Le forze governative siriane si stanno rapidamente avvicinando all’autostrada strategica Hama-Aleppo. L’esercito siriano ha preso il controllo di un posto di blocco nella periferia nord-occidentale di Khan Sheikhun. Attualmente, la città è circondata da forze governative. Alla vigilia delle forze siriane ha autorizzato il passaggio all’avamposto dei terroristi a Khan Sheikhun. Prima di ciò, l’esercito ha liberato Al-Hubayt, che è chiamato il «cancello» di Idlib, poiché da lì si apre la strada per Khan Sheikhun.

3. Gibilterra La petroliera iraniana Grace 1, arrestata con l’accusa di aver violato il divieto dell’UE di approvvigionamento di petrolio alla Siria, ha lasciato Gibilterra, riferisce Interfax con riferimento alla società di radiodiffusione GBC News. Secondo lei, prima di partire per la navigazione, la nave Grace 1 fu ribattezzata Adrian Darya. Rimase a Gibilterra per 46 giorni. Ricordiamo che la nave cisterna è stata arrestata su una richiesta britannica sospettata di violare il divieto dell’UE di approvvigionamento di petrolio alla Siria. Quindi la nave cisterna fu liberata, poiché a Teheran assicurarono per iscritto che il carico non sarebbe stato consegnato in Siria. Gli Stati Uniti hanno successivamente inviato a Gibilterra una richiesta di detenzione dell’autocisterna nell’ambito delle sanzioni statunitensi contro l’Iran. Tuttavia, le autorità di Gibilterra domenica hanno respinto la richiesta, poiché le sanzioni statunitensi in questo caso non sono applicate dai paesi dell’UE.

4. USA-Venezuela Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sostiene l’installazione di un blocco navale del Venezuela, per questo il leader americano ha ripetutamente proposto di collocare navi della Marina degli Stati Uniti lungo le coste del Venezuela per fermare il flusso di merci in entrata e in uscita dal paese, secondo Axios citando gli attuali e precedenti funzionari dell’amministrazione Trump. Gli interlocutori della pubblicazione affermano che per la prima volta il presidente degli Stati Uniti ha proposto di istituire un blocco un anno e mezzo fa, e poche settimane fa è tornato su questa idea. Tuttavia, l’entourage di Trump ritiene che l’implementazione di questa idea richiederà enormi risorse, che la Marina americana difficilmente può fornire. Anche il Pentagono non ha preso sul serio questa idea, dal momento che, secondo i militari, è poco pratica e non ha giustificazione legale.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Vladimir Poutine s’adresse à la nation Александра Донцова 1.Russie Vladimir Poutine s’est adressé à ses compatriotes en annonçant la prolongation des jours chômés mais payés en Russie en raison du coronavirus jusqu’à la fin du mois d’avril. Des décisions supplémentaires […] Ansprache von Putin an Russen Александра Донцова 1. Russland Der russische Präsident Wladimir Putin sprach zu den Russen und kündigte die Verlängerung der arbeitsfreien Tage in der Russischen Föderation aufgrund des Coronavirus bis Ende des Monats an. Abhängig von der […] L’appello di Putin ai russi Александра Донцова 1.Russia Il presidente russo Vladimir Putin si è rivolto ai russi, in cui ha annunciato l’estensione dei giorni non lavorativi nella Federazione Russa a causa del coronavirus fino alla fine del mese. Ulteriori decisioni […] Llamamiento de Putin a los ciudadanos rusos Александра Донцова 1.Rusia. Vladimir Putin, el presidente ruso, anunció la prórroga del período no laboral en la Federación de Rusia debido a coronavirus hasta fin de mes, con goce de salarios. Las medidas adicionales se tomarán por las […] Putin’s appeal to the Russians Александра Донцова 1 Russia The Russian President Vladimir Putin addressed the nation. He announced the extension of the non-working days in Russia, due to the new coronavirus, until the end of the month. Additional decisions could be made in […] Frappes en Syrie Александра Донцова 1.Syrie Les systèmes de défense aérienne syriens ont repoussé une attaque de missiles des avions israéliens près de la ville de Homs, a rapporté l’agence Sana. L’attaque a été effectuée depuis l’espace aérien libanais. […] Beschuss in Syrien Александра Донцова 1. Syrien Die Agentur SANA berichtete, dass syrische Flugabwehrraketen einen Raketenangriff israelischer Flugzeuge in der Nähe der Stadt Homs abgewehrt hätten. Nach Angaben der Agentur griff die israelische Luftwaffe aus dem […] Bombardamenti in Siria Александра Донцова 1. Siria SANA ha riferito che i sistemi di difesa aerea siriani hanno respinto un attacco missilistico da parte di aerei israeliani vicino alla città di Homs. Secondo l’agenzia, l’aeronautica militare israeliana […] Los bombardeos en Siria Александра Донцова 1.Siria. La agencia SANA informó que los sistemas de defensa antiaérea de Siria habían rechazado un ataque con misiles realizado por los aviones israelíes, desde el espacio aéreo de Líbano, cerca de la ciudad de Homs. […]
Наверх Наверх