Le consultazioni sulla Siria iniziano a Nur-Sultan

  
0

Mercoledì le autorità statunitensi hanno incluso il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif nella lista «nera» delle sanzioni dell’elenco SDN, secondo quanto riferito da Interfax. Le sanzioni implicano il blocco di tutti i beni del ministro iraniano negli Stati Uniti, se presenti. Il Ministero delle finanze si riserva inoltre il diritto di imporre sanzioni contro le persone che effettuano transazioni con Zarif. Il segretario al Tesoro americano Stephen Mnuchin ha definito Zarif «la voce principale del regime iraniano nel mondo» e il suo recente comportamento è «completamente inaccettabile». Successivamente, il consigliere presidenziale americano sulla sicurezza nazionale John Bolton ha affermato che l’imposizione di sanzioni contro Zarif è un segnale che Washington lo considera un rappresentante illegittimo del suo paese e che le sue attività sono illegali. Lo stesso Zarif ha affermato che le sanzioni americane imposte contro di lui non gli farebbero alcun danno, dal momento che non ha proprietà e capitale al di fuori dell’Iran.

L`Agenzia Centrale di Telegraph della Corea (CTAC) ha rivelato i dettagli dei lanci di missili del 31 luglio. L’agenzia ha affermato che funzionari, scienziati e ingegneri della Corea del Nord hanno condotto con orgoglio il «primo lancio di prova di un nuovo tipo di missile guidato», che «svolgerà un ruolo importante nelle operazioni militari terrestri. È stato riferito che «il leader nordcoreano Kim Jong-un, che era soddisfatto dei risultati dei test, ha guidato personalmente il» tiro di prova dal sistema missilistico multiuso di grosso calibro di recente sviluppo». Durante i lanci sono stati controllati i dati tattici, le caratteristiche tecniche del nuovo «missile di grosso calibro» e l ‘»efficacia di combattimento dell’intero sistema missilistico». Secondo il leader nordcoreano, la nuova arma diventerà un «disastro imminente» per i nemici della RPDC.

Nella capitale del Kazakistan, Nur-Sultan, sono iniziate le consultazioni tra le parti nell’ambito di una riunione di alto livello sull’insediamento siriano, riferisce TASS. Il primo giorno di negoziati si terranno consultazioni bilaterali e trilaterali tra i paesi garanti del processo di Astana — Russia, Iran e Turchia con altri partecipanti — delegazioni del governo e dell’opposizione armata e l’ufficio dell’inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria. I temi principali dei negoziati saranno la formazione e l’avvio di un comitato costituzionale, lo scambio di prigionieri e la situazione sul terreno nella provincia siriana di Idlib e nel nord-est del paese.

Esercitazioni operative su larga scala della Marina russa «Scudo di oceano-2019» sono iniziate nel Mar Baltico, riferisce RIA Novosti con riferimento a una dichiarazione del Ministero della Difesa. Le manovre, che si svolgeranno nel Mar Baltico dal 1 al 9 agosto, coinvolgeranno 49 navi e navi da combattimento, 20 navi di supporto, 58 aerei della Marina e VKS, oltre a oltre diecimila militari. Durante gli esercizi, si prevede di verificare la prontezza delle forze della Marina a proteggere gli interessi nazionali e di sviluppare «abilità nella gestione delle forze della flotta».

Circa 800 insediamenti in Siberia e in Estremo Oriente erano nella zona di fumo a causa di incendi boschivi su larga scala, ha detto il servizio stampa del ministero delle Emergenze russo. «La situazione più difficile si sta sviluppando sul territorio di Yakutia, Territorio di Krasnoyarsk e Regione di Irkutsk, dove si osservano fumi in 804 insediamenti di 38 distretti», ha dichiarato al rappresentante del Ministero delle Emergenze a TASS. In precedenza, il Ministero delle situazioni di emergenza ha affermato che la situazione con gli incendi boschivi si sta sviluppando secondo uno scenario sfavorevole, dal momento che non sono state prese a livello locale misure sufficienti per eliminare gli incendi. Ricordiamo che gli incendi boschivi hanno assorbito circa 3 milioni di ettari; una modalità di emergenza è già stata introdotta in cinque regioni.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha nominato il Brasile come il principale alleato non NATO, riferisce Interfax citando la Casa Bianca. «In conformità con l’autorità concessa a me in qualità di Presidente dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti d’America, nonché dalla Sezione 517 della Foreign Assistance Act del 1961, e successive modifiche, desidero designare la Repubblica Federale del Brasile come il principale alleato non NATO degli Stati Uniti,» — dice Trump. Questo status determina la priorità degli Stati Uniti con lo sviluppo delle relazioni con il Brasile. Le parti, tra le altre cose, hanno l’opportunità di partecipare a iniziative di difesa congiunte, a progetti spaziali, conducono ricerche militari congiunte, alcune misure antiterrorismo e forniscono tipi limitati di armi.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 13 августа 2020 года Влад Николаев В среду вечером в спальных районах Минска возобновились акции протеста. Отмечается, что людей было значительно меньше, чем в предыдущие три дня. В некоторых районах города силовики применяли спецсредства против манифестантов, […] Новости на 16:00 13 августа 2020 года Влад Николаев Задержанных во время акций протеста в Белоруссии начали выпускать из изоляторов временного содержания. Об этом свидетельствуют списки, которые опубликовал правозащитный центр «Весна» в Telegram-канале. Сообщается, […] Новости на 12:00 13 августа 2020 года Влад Николаев В Минске рядом со станциями метро проходят акции солидарности с задержанными в ходе протестов против признания результатов президентских выборов в Белоруссии. Некоторые из участников держат в руках цветы, проезжающие мимо […] Главное на утро 13 августа 2020 года Влад Николаев В среду вечером в спальных районах Минска возобновились акции протеста. Отмечается, что людей было значительно меньше, чем в предыдущие три дня. В некоторых районах города силовики применяли спецсредства против манифестантов, […] Biélorussie. Les manifestations se poursuivent Александра Донцова 1. Biélorussie Les manifestations contre les résultats de la présidentielle se poursuivent en Biélorussie. Mardi soir, le centre de Minsk a été bloqué par les forces de l’ordre. Tard dans la soirée, des manifestants se sont […] Weißrussland. Proteste gehen weiter Александра Донцова 1. Weißrussland In Weißrussland gehen die Proteste weiter. Das Zentrum von Minsk wurde am Dienstagabend von der Sondereinheit OMON, internen Truppen und anderen Machtstrukturen blockiert. Am späten Dienstagabend zogen […]
Наверх Наверх