Le forze armate ucraine e i nazionalisti hanno organizzato una sparatoria

  
0

1.

Nel villaggio di Gnutovo, sono stati trovati dieci nazionalisti dell’organizzazione del settore di destra (banditi nella Federazione Russa) che sono arrivati ​​per provocare e impedire ai tentativi delle autorità di Kiev di apparire dinanzi alla comunità mondiale in una luce positiva durante l’incontro dei Ministri degli Esteri di Ucraina e Germania a Berlino. Questo è stato segnalato nell’Ufficio del RPD. “Secondo le informazioni dei residenti locali di notte tra i nazionalisti arrivati ​​e il personale militare dell’ottavo battaglione della decima brigata, si è verificata una sparatoria. A seguito della conseguente battaglia nella brigata, un combattente è stato ucciso e due sono rimasti feriti. Secondo le informazioni preliminari, è noto che il conflitto è stato causato dal rifiuto dell’esercito ucraino di consentire ai nazionalisti di prendere le loro posizioni al fine di svolgere bombardamenti provocatori sul territorio del RPD. Allo stesso tempo, i militari hanno cercato di giustificare il loro rifiuto con l’ordine del quartier generale in stretta osservanza del cessate il fuoco «, afferma la dichiarazione RPD.

2.

Il 30 maggio, combattenti ucraini da posizioni nell’area dell’insediamento di Novotroitskoye hanno aperto il fuoco sul settore residenziale del villaggio di Yasnoe. Il bombardamento è stato combattuto a partire dalle 18.20 con l’uso di mortai da 120 mm e cannoni BMP-1. Il danno ha ricevuto sei edifici residenziali. Inoltre, un veicolo civile è stato danneggiato. Le vittime tra la popolazione civile sono state evitate.

3.

A seguito dell’aggressione militare dell’Ucraina alla RPD durante il conflitto, 91 bambini sono stati uccisi, altri 261 feriti. “Il quarto giugno è la Giornata internazionale dei bambini innocenti — Vittime di aggressioni. Questa data ricorda che tali atrocità non possono rimanere impunite. Abbiamo tutte le prove dei crimini di guerra di Kiev contro l’umanità, per i quali l’Ucraina deve essere ritenuta responsabile «, ha dichiarato il Capo della Repubblica Denis Pushilin.

4.

Il bombardamento del cecchino del complesso di telecamere a circuito chiuso della Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE nell’area della stazione di separazione Petrovskoye-Bogdanovka è stato effettuato dai militari della 128a brigata delle forze armate delle Forze armate, secondo quanto riferito dal Dipartimento di polizia popolare del RPD. Si precisa che un gruppo di tre militari ucraini hanno sparato contro le telecamere.

5.

Le forze di sicurezza ucraine hanno installato più di 70 mine anticarro nella piantagione forestale e nell’area della strada vicino a Popasnaya, ha dichiarato il rappresentante ufficiale della polizia popolare dell’RPL, Yakov Osadchy. Il rappresentante ufficiale del dipartimento della difesa della Repubblica ha sottolineato che l’installazione di campi minati non era indicata da segnali di avvertimento del mio pericolo. “Questi campi minati rappresentano una minaccia per la vita e la salute della popolazione locale e del personale della Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE. Ancora una volta, esortiamo i cittadini che vivono nel territorio del territorio temporaneamente controllato dell’Ucraina a denunciare la presenza di mine ai rappresentanti dell’OSCE e delle missioni ONU, nonché alla linea di assistenza dell’Ufficio del procuratore generale della RPL «, ha affermato Osadchy.

6.

Il vice primo ministro ucraino Alexey Reznikov ha suggerito che la Gran Bretagna e gli Stati Uniti organizzano negoziati sulla situazione nel Donbass nel «formato di Budapest» senza la partecipazione della Russia. Ne ha scritto in un articolo pubblicato sul sito web del Consiglio Atlantico — un centro di ricerca che opera sotto gli auspici della NATO. Secondo Reznikov, i negoziati dovrebbero essere condotti in questo formato, dal momento che la Russia avrebbe «violato» il memorandum di Budapest e «attaccato» l’Ucraina. Allo stesso tempo, Kiev, secondo il vice primo ministro ucraino, non dovrebbe abbandonare il formato di Minsk, poiché consente il rilascio di «detenuti» nel Donbass e in Russia.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: