Le forze curde partono dal confine tra Turchia e Siria

  
0

1. Siria

Il maggiore generale Sergey Romanenko, capo del Centro per la riconciliazione dei belligeranti, ha affermato che la polizia militare russa ha iniziato a ritirare le unità di autodifesa curde e le loro armi a 30 chilometri dal confine siriano-turco. La parte russa agisce in conformità con il protocollo d’intesa tra Mosca e Ankara, che è stato firmato dai presidenti di Russia e Turchia Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan a Sochi il 22 ottobre. Le forze russe operano al di fuori dell’operazione di Ankara «Fonte di pace». Martedì il ritiro delle forze curde durerà fino alle 18:00, dopodiché pattuglie congiunte russo-turche inizieranno a una profondità di dieci chilometri dal confine a ovest e ad est dell’area operativa, ad eccezione della città di Kamyshly. Tutte le unità curde devono anche lasciare Manbij e Tal Rifat.

2. Iraq

Il presidente iracheno Barham Saleh, ex primo ministro del Kurdistan iracheno, ha affermato che gli alleati statunitensi nutrono dubbi sull’affidabilità degli Stati Uniti, senza escludere la possibilità di «ripensare» e «riconfigurare» le relazioni di Baghdad con la Russia e l’Iran. Secondo il presidente iracheno, «gli alleati statunitensi sono preoccupati per l’affidabilità degli Stati Uniti», riferisce TASS. In un’intervista con il portale di notizie Axios, Saleh non ha escluso che il ritiro delle forze statunitensi dal Medio Oriente potrebbe portare a un «ripensamento» e «riconfigurazione» delle relazioni di Baghdad con la Russia e l’Iran. Ricordiamo che la scorsa settimana l’Iraq ha richiesto il ritiro delle truppe statunitensi trasferite dalla Siria.

3. Russia-Francia

Il vicepresidente della Duma di Stato Petr Tolstoy ha inviato un appello indirizzato al presidente dell’APCE Liliane Mori Pascie con un appello a riflettere su un meccanismo per rispondere alle violazioni della carta del Consiglio d’Europa, riferisce RIA Novosti. Durante la sessione autunnale di PACE, il Segretario di Stato del Ministero degli Esteri francese, Amelie de Monschalen, ha proposto di creare un meccanismo per ritenere responsabile la violazione da parte degli stati della Carta del Consiglio d’Europa, che può includere l’imposizione di sanzioni. Il capo della delegazione russa presso l’Assemblea ritiene che il meccanismo per rispondere alle violazioni dei principi del Consiglio d’Europa non possa essere discusso in breve tempo, in modo che non diventi uno strumento per combattere le delegazioni indesiderate.

4. Siria

Secondo quanto riferito da RIA Novosti, i distaccamenti armati curdi hanno lasciato la loro base militare con un campo di addestramento e un posto di blocco della polizia asaish nel nord della provincia di Raqqa, alla periferia di Ain Issa. La base si trova vicino all’autostrada M4, a ovest del campo profughi abbandonato di Ain Issa. A sua volta, il comando della coalizione curdo-araba Syrian Democratic Forces (SDS) ha annunciato l’accordo con la parte russa sul ritiro delle sue forze dal confine siriano-turco in conformità con il memorandum di Sochi. «La SDS ridistribuirà le sue forze in nuove posizioni nel nord-est della Siria, deviandole dal confine turco-siriano in conformità con le disposizioni del memorandum al fine di fermare gli spargimenti di sangue e proteggere gli abitanti della regione dagli attacchi turchi», afferma il rapporto.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: