Nagorno Karabakh. Vittime

  
0

1.
Nagorno-Karabakh
La notte passata nella zona del conflitto in Nagorno Karabakh è trascorsa relativamente tranquilla. Lo ha riferito sulla sua pagina Facebook l’addetto stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan. «Dopo numerose richieste dalla comunità internazionale per un cessate il fuoco immediato nella zona di conflitto del Karabakh, la notte è trascorsa relativamente tranquilla», ha detto Stepanyan. Ha anche affermato che in caso di ulteriore escalation della situazione, la leadership politico-militare dell’Azerbaigian avrà la piena responsabilità.

2.
Nagorno Karabakh
Il ministro armeno della sanità Arsen Torosyan ha dichiarato in un briefing che dall’inizio dell’escalation del conflitto nel Nagorno Karabakh, 19 civili sono stati uccisi e 80 feriti. A sua volta, l’ufficio del procuratore generale dell’Azerbaigian ha segnalato la morte di 27 civili, 141 persone sono rimaste ferite. È stato anche riferito che 63 oggetti civili e 376 edifici residenziali sono stati danneggiati.

3.
Kirghizistan
In Kirghizistan ci sono proteste contro i risultati delle elezioni parlamentari. Secondo quanto riferito, i manifestanti hanno sequestrato l’edificio del Palazzo del Governo. In precedenza, i manifestanti hanno sequestrato l’edificio del parlamento. I manifestanti chiedono il rilascio di tutti quelli che considerano prigionieri politici. L’ex presidente Almazbek Atambayev, l’ex primo ministro Sapar Isakov, gli ex parlamentari Sadyr Zhaparov e Ravshan Dzheenbekov sono già stati rilasciati. Il presidente del Kirghizistan ha annunciato un tentativo di prendere illegalmente il potere. «La scorsa notte, alcune forze politiche hanno cercato di impadronirsi illegalmente del potere statale. Usando i risultati delle elezioni come scusa, hanno violato l’ordine pubblico», ha detto il presidente in un comunicato. Il segretario stampa del presidente del Kirghizistan ha detto che Sooronbai Jeenbekov ha raccomandato alla CEC «di studiare attentamente i materiali relativi alle violazioni, fino all’annullamento dei risultati delle elezioni parlamentari».

4.
Kirghizistan
Il servizio stampa della Commissione elettorale centrale del Kirghizistan ha riferito che la Commissione elettorale centrale del Kirghizistan ha riconosciuto non validi i risultati delle elezioni parlamentari del 4 ottobre a causa di numerose violazioni rilevate durante il voto e durante il periodo pre-elettorale. La questione dell’auto-dissoluzione della CEC è stata rinviata. L’agenzia di stampa Kabar, citando il vice capo della CEC, ha riferito che la Commissione elettorale centrale del Kirghizistan programmerà ripetute elezioni parlamentari entro due settimane. Il Ministero della Salute del Kirghizistan ha anche riferito che a seguito di scontri tra forze dell’ordine e manifestanti, 686 persone sono rimaste ferite, 164 persone sono state ricoverate in ospedale e una è morta.

5.
Israele-Gaza
Il servizio stampa delle forze di difesa israeliane ha riferito che lunedì sera un razzo è stato lanciato contro Israele dalla Striscia di Gaza. «In risposta, l’aereo delle forze di difesa israeliane ha colpito la posizione militare di Hamas nella parte meridionale della Striscia di Gaza», si legge nel rapporto. La radio di stato Kan ha riferito che il razzo è esploso in una zona disabitata. Non sono state riportate informazioni sulle vittime e sui danni.

6.
Gli Stati Uniti
Il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha dichiarato che alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Belgio, Gran Bretagna, Germania, Stati Uniti, Francia ed Estonia si sono opposti all’ascolto del rapporto dell’ex capo dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche Jose Bustani. Il rapporto è dedicato all’eliminazione delle armi chimiche siriane. «Questo incidente ha dimostrato che alcuni dei nostri partner hanno paura, si sentono insicuri quando discutiamo del dossier chimico, perché sono confusi dalla verità. Non amano i fatti scomodi che vogliamo presentare», ha commentato Nebenzya sulla situazione. Ha criticato aspramente l’attuale stato di cose nell’OPCW, esprimendo l’opinione che questa struttura sia stata compromessa e molte delle sue indagini sono sotto pressione.
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: