Più di 3,5 mila combattenti si sono concentrati nella provincia di Latakia

  
0

Il raggruppamento continua nella zona di de-escalation di Idlib e la concentrazione di forze di organizzazioni terroristiche è stata segnalata giovedì dalle forze armate russe. Secondo loro, oltre 3,5 mila militanti del gruppo terroristico «Hayat Tahrir Ash-Sham» (illecito nella Federazione Russa) si sono già concentrati nell’area del villaggio di Kban nella provincia di Latakia. Secondo il maggiore generale Alexei Bakin, capo del centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, negli ultimi giorni sono stati trasferiti almeno 500 militanti, una parte significativa dei quali proviene da paesi stranieri. Ha anche osservato che nel corso dell’ultimo giorno, l’esercito russo ha registrato 18 bombardamenti da parte di militanti di insediamenti siriani nelle province di Aleppo, Latakia, Idlib e Hama.

In relazione all’operazione militare di Ankara in Siria, l’amministrazione americana sta valutando la possibilità di esportare armi nucleari dalla base Incirlik in Turchia, riferisce TASS del New York Times. Secondo le fonti della pubblicazione, stiamo parlando di «l’esportazione di circa 50 unità di armi nucleari tattiche, immagazzinate a lungo sotto il controllo degli Stati Uniti nella base di Incirlik». Secondo una fonte, il trasferimento di queste armi dalla base «significherà in realtà la fine dell’alleanza tra Turchia e Stati Uniti». Come affermato nella pubblicazione, secondo la parte americana, lasciare le armi nucleari alla base è pericoloso.

Gli Stati Uniti hanno concordato le condizioni della Turchia durante i colloqui sulla Siria, sulla creazione di una zona di sicurezza di 30 chilometri al confine turco, che sarà controllata dalle forze turche, ha dichiarato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu dopo aver parlato con il vicepresidente americano Mike Pence. Secondo il documento, le forze di autodifesa del popolo curdo (YPG) saranno ritirate dalla zona di sicurezza, le loro armi pesanti non dovrebbero rimanere in essa e tutte le posizioni e le fortificazioni dei curdi saranno distrutte. Il leader delle forze democratiche siriane (SDS) Mazlum Kobani ha accolto con favore l’accordo su il cessate il fuoco nel nord della Siria, tuttavia, ha osservato che la SDS non sarebbe d’accordo con la presenza delle forze turche nella regione e che le autorità turche hanno anche respinto l’offerta della Turchia di entrare nel territorio siriano a una profondità di 30 km.

Le autorità canadesi hanno deciso di sospendere la fornitura di armi alla Turchia. È stato segnalato dall’agenzia. Come osservato in una dichiarazione del ministero degli Esteri del paese, tale decisione è stata presa alla luce dell’operazione militare condotta da Ankara in Siria, che «mina la stabilità» nella regione. A questo proposito, Ottawa «sospende temporaneamente» l’emissione di nuove licenze per le esportazioni di armi in Turchia, ha affermato l’agenzia. In precedenza, la decisione di sospendere la fornitura di armi alla Turchia è stata presa da Germania e Francia.

La Russia ha presentato ufficialmente alle Nazioni Unite una proposta per trasferire i lavori del primo comitato dell’Assemblea generale sulle questioni del disarmo da New York a Vienna o Ginevra, secondo una fonte del comitato. «Il documento è stato sottoposto all’esame del comitato», ha affermato una fonte TASS. Ricordiamo, il vice segretario generale delle Nazioni Unite per gli affari legali Miguel de Serpa Suaresh ha appoggiato la posizione della Russia sulla violazione da parte degli Stati Uniti degli obblighi assunti in virtù dell’accordo sulla sede delle Nazioni Unite in relazione all’emissione di visti per parte della delegazione russa.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Les terroristes continuent de bombarder les banlieues d’Alep Александра Донцова Lors d’un briefing mardi soir, le chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, Iouri Borenkov, a déclaré que les bandes armées illégales ne cessaient pas de bombarder le village de […] Kämpfer beschießen weiterhin den Stadtrand von Aleppo Александра Донцова Der Leiter des russischen Zentrums für die Aussöhnung der Kriegsparteien in Syrien, Juri Borenkow, sagte am Dienstagabend bei einer Besprechung, dass illegale bewaffnete Gruppen nicht aufhören würden, das Dorf Sachra am Rande […] I militanti continuano a bombardare la periferia di Aleppo Александра Донцова Il capo del centro russo per la riconciliazione in Siria, Yuri Borenkov, durante una riunione di martedì sera ha affermato che gruppi armati illegali non hanno smesso di bombardare il villaggio di Zahra alla periferia della […] Los rebeldes siguen bombardeando la periferia de Alepo Александра Донцова Yuri Borenkov, el jefe del Centro de Reconciliación ruso en Siria, informó que los grupos armados ilegales no habían dejado de bombardear el lugar poblado de Zahra en la periferia de la ciudad siria de Alepo. Como resultado […] Terrorists continue to shell the outskirts of Aleppo Александра Донцова The head of the Russian center for the reconciliation in Syria, Yuri Borenkov, announced during a briefing on Tuesday evening that illegal armed groups are still shelling the village of Zahra, located near the largest Syrian […] Des protestations de masse au coeur de Bagdad Александра Донцова 1 Irak La chaîne Al-Sumaria informe que des protestations contre la présence américaine se déroule en Irak. Selon la chaîne, la manifestation a commencé vendredi matin dans le district d’al-Jadriya au centre de Bagdad. Les […] Massenprotest im Zentrum von Bagdad Александра Донцова 1. Irak Der Fernsehsender Al-Sumaria berichtete über eine Demonstration gegen die US-Präsenz, die in der irakischen Hauptstadt stattfand. Nach Angaben des Fernsehsenders begann eine Großdemonstration am Freitagmorgen im […] Protesta di massa nel centro di Baghdad Александра Донцова 1. Iraq Il canale di Al-Sumaria riferisce di una manifestazione nella capitale irachena contro la presenza americana. Secondo il canale, una grande manifestazione è iniziata venerdì mattina nel distretto di Al-Jadriah, nel […] Una protesta masiva en el centro de Bagdad Александра Донцова 1.Iraq El canal de televisión Al-Sumaria informa que una protesta masiva contra la presencia estadounidense comenzó el viernes por la mañana en la región de al-Jadriya, en el centro de Bagdad, la capital de Iraq. Los […]
Наверх Наверх