Potenti esplosioni a El Quneitra

  
0

1.

Siria

Il canale televisivo statale siriano Al-Ekhbariya ha riferito che martedì notte si sono verificate potenti esplosioni nella provincia siriana di Al-Quneitra, a 40 chilometri a sud della capitale siriana. La stazione televisiva ha successivamente riferito che le esplosioni che sono state ascoltate a Quneitra erano avvenute sulle alture del Golan. Altri dettagli non sono stati divulgati.

2.
Libia-Egitto

Il comandante dell’Esercito nazionale libico, Khalifa Haftar, sta discutendo con i rappresentanti della leadership egiziana al Cairo una possibile escalation delle formazioni a sostegno del Governo di Accordo Nazionale seduto a Tripoli. Lo ha riferito l’agenzia TASS citando una fonte al comando dell’Esercito nazionale libico. L’ambiente di Haftar hanno ripetutamente affermato di continuare a seguire le azioni della Turchia, che sostiene il governo di accordo nazionale sulla base di un memorandum firmato di cooperazione militare. Si noti che ci sono informazioni che la Turchia sta trasferendo attrezzature militari, inclusa la base aerea di El-Watya, che si trova a 100 km a sud-ovest di Tripoli, e nuovi gruppi di mercenari. In precedenza, le forze dell’LNA di stanza nella regione della Sirte avevano annunciato un aumento della prontezza al combattimento in relazione al «continuo afflusso di rinforzi militari turchi nella Libia occidentale» e alla mobilitazione di mercenari in varie aree.

3.

Turchia-Ungheria-UE

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che la Turchia vuole migliorare le relazioni con l’Unione europea con la prospettiva della piena adesione della repubblica all’organizzazione. Lo ha detto Cavusoglu in una conferenza stampa dopo i colloqui con il ministro degli Affari esteri e delle relazioni economiche estere ungherese Peter Siyarto. Cavusoglu ha sottolineato che i problemi tra UE e Turchia «possono essere risolti solo attraverso il dialogo e la diplomazia». Inoltre, il ministro degli Esteri turco ha affermato che Atene ha smesso di partecipare ai negoziati con Ankara all’interno della NATO sulla situazione nel Mar Mediterraneo.

4.

Cina-USA

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha dichiarato in un briefing che il governo cinese annuncerà contromisure dure in risposta all’imposizione di sanzioni da parte delle autorità statunitensi contro 14 parlamentari cinesi. Il diplomatico non ha rivelato la natura delle sanzioni previste. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese ha anche chiesto agli Stati Uniti di smetterla di «interferire negli affari interni della RPC e di smetterla di muoversi lungo una strada rischiosa ed errata». Lunedì scorso, gli Stati Uniti hanno aggiunto 14 membri della leadership del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo all’elenco delle sanzioni di Hong Kong. Tutti coloro che cadono sotto le sanzioni sono vicepresidenti della commissione. Successivamente, il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha affermato che anche il Dipartimento di Stato ha imposto le proprie sanzioni contro di loro.

5.

Russia-Iran

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha affermato che l’intenzione dell’Iran di lanciare tre cascate di centrifughe IR-2m migliorate presso l’impianto sotterraneo di arricchimento dell’uranio di Natanz non è un passo positivo, vista la difficile situazione del programma nucleare iraniano. Ryabkov ha anche richiamato l’attenzione sul fatto che non è la prima volta che si verificano fughe di documenti non destinati a un’ispezione pubblica dal Segretariato dell’AIEA. «Questo crea domande, almeno in termini di garanzia della riservatezza della corrispondenza attraverso l’agenzia. Faremo queste domande», ha sottolineato. Ryabkov ha osservato che per aumentare le possibilità di mantenere il PACG, tutte le parti sono tenute a mostrare moderazione e responsabilità. All’inizio del 4 dicembre, Reuters, citando un rapporto dell’AIEA, ha riferito che le autorità iraniane intendono lanciare altre tre cascate di centrifughe IR-2m migliorate presso l’impianto sotterraneo di arricchimento dell’uranio a Natanz.

6.

India

Negli ultimi tre giorni, più di 500 persone sono state ricoverate nella città di Eluru, nell’Andhra Pradesh, nel sud dell’India. Nella regione è stata segnalata un’epidemia di panico di una malattia sconosciuta. «Lunedì sera, un totale di 476 persone sono state portate in ospedale, di cui 332 sono state dimesse. Mentre 125 pazienti sono in cura nel nostro ospedale, altri 18 sono stati ricoverati negli ospedali di Vijayawada e Guntur», ha affermato il quotidiano Times of India citando il capo dell`ospedale di Eluru il dottor Mohan. Un certo numero di organi di stampa riferiscono che più di 800 persone si sono lamentate della cattiva salute a Eluru e nell’area circostante dal fine settimana. In precedenza, il Ministero della Salute indiano ha inviato a Eluru da Nuova Delhi un gruppo di tre esperti, tra cui un virologo. Secondo The News Minute, gli esperti sospettano che le sostanze organoclorurati, utilizzate su larga scala per controllare le zanzare — portatrici di malaria e febbre dengue, potrebbero essere la causa della malattia.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.


Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: