Proteste a Minsk

  
0

1.

Bielorussia

Il ministero degli Affari interni della Bielorussia ha riferito che circa 1.400 persone hanno preso parte all’azione di protesta a Minsk il 27 agosto. «Le azioni di protesta più attive si sono svolte nella capitale. In serata, circa 1400 persone si sono radunate in Piazza Indipendenza vicino alla Chiesa di San Simeone e Sant’Elena. 114 cittadini sono stati arrestati prima di considerare violazioni amministrative in tribunale», ha detto il ministero. «Eventi a sostegno della pace, della sicurezza e della tranquillità si sono svolti in diverse regioni del Paese, a cui hanno partecipato oltre 2.400 persone», ha aggiunto il ministero.

2.

Libia

Il portavoce dell’LNA, il generale Ahmed al-Mismari, ha affermato che l’esercito nazionale libico non ha colpito le posizioni dei sostenitori del governo dell’Accordo nazionale a ovest della città strategicamente importante di Sirte. «Le dichiarazioni del Сonsiglio nazionale di transizione sui nostri attacchi alle formazioni ad esso fedeli (a ovest di Sirte) mirano a distogliere l’attenzione dalle proteste in corso a Tripoli», ha detto al-Mismari. Le sue parole sono citate dal canale televisivo Al Arabiya. Giovedì scorso, il governo di accordo nazionale ha accusato l’esercito nazionale libico di violare il cessate il fuoco annunciato il 21 agosto. Il segretario stampa del Centro operativo congiunto delle forze armate libiche per la città di Sirte e la regione di Al-Jufra, il generale Abdelhadi Dyra, in un’intervista con l’agenzia di stampa Anadolu, ha detto che i sostenitori di Haftar «hanno sparato dal sistema di lancio multiplo Grad contro le posizioni del Consiglio nazionale di transizione a ovest di Sirte».

3.

Siria

Il canale Al-Mayadeen ha riferito che un gruppo di militari dell’Arabia Saudita è arrivato giovedì nella provincia di Haseke, nel nord-est della Siria. Il gruppo era precedentemente basato alla base delle forze della coalizione internazionale a guida USA a nord di Baghdad. Secondo il canale televisivo, un gruppo di 20 militari è schierato nella più grande base americana nella città di Ash Shaddadi. Secondo quanto riferito, i soldati sono stati ritirati dalla base di Al-Tajji a nord di Baghdad, che è stata consegnata alle autorità irachene il 23 agosto dal comando della coalizione internazionale. Damasco non ha ancora commentato l’arrivo dei militari sauditi in Siria.

4.

Siria

Il portavoce del Pentagono Jonathan Hoffman ha dichiarato in una dichiarazione rilasciata giovedì che gli Stati Uniti si aspettano di tornare a conformarsi ai meccanismi di rimozione dei conflitti con la Federazione Russa in Siria dopo un incidente nel nord-est del paese. Hoffman ha affermato che il comportamento del personale militare russo è pericoloso e inaccettabile, e gli Stati Uniti si riservano il diritto di difendere attivamente le proprie forze «quando la loro sicurezza è minacciata». Allo stesso tempo, Hoffman ha ringraziato l’esercito americano per il fatto che, nella sua valutazione, hanno calmato la situazione «durante questo incontro problematico, mostrando professionalità e moderazione». In precedenza, il Ministero della Difesa della Federazione Russa aveva riferito che la pattuglia militare russa in Siria durante l’incidente, avvenuto il 25 agosto, ha agito in risposta ai tentativi statunitensi di bloccare il movimento del convoglio russo in violazione degli accordi. Mercoledì l’incidente è stato discusso al telefono dal capo di stato maggiore delle forze armate russe Valery Gerasimov e dal presidente dei capi di stato maggiore congiunti delle forze armate statunitensi Mark Milli. Il Centro russo per la riconciliazione delle parti belligeranti in Siria ha riferito che il percorso della pattuglia russa in Siria era stato coordinato con le forze statunitensi un giorno prima dell’incidente. Il Centro ha sottolineato che il convoglio russo è stato inseguito da due veicoli blindati statunitensi, altri due hanno bloccato la strada.

5.

Israele-Gaza

In risposta al lancio di sei razzi lanciati venerdì mattina nel sud di Israele dalla Striscia di Gaza dai radicali palestinesi, le forze di difesa israeliane hanno riattaccato le postazioni militari del gruppo Hamas. Lo ha annunciato su Twitter il servizio stampa delle forze di difesa israeliane. Venerdì scorso, il servizio stampa del ministero della Difesa israeliano ha affermato che «in risposta al continuo lancio di palloncini con esplosivi e materiali combustibili dalla Striscia di Gaza in Israele,» combattenti, aerei e carri armati delle forze di difesa israeliane «hanno attaccato le infrastrutture sotterranee e incarico dell’organizzazione terroristica Hamas nella Striscia di Gaza». Il lancio di palloni esplosivi dalla Striscia di Gaza nel territorio israeliano è ripreso dopo una lunga pausa all’inizio di agosto.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La situación humanitaria en Siria Александра Донцова 1.Siria. Sergei Lavrov, el Ministro de Asuntos Exteriores ruso, declaró que Rusia estaba dispuesta a examinar la situación humanitaria en Siria con los países occidentales en caso de que ellos reconocieran los problemas […] Гуманитарная ситуация в Сирии || Итоги дня 21.06.2021 Влад Николаев Министр иностранных дел РФ Сергей Лавров заявил, что Россия готова обсуждать с западными странами гуманитарную ситуацию в Сирии, если они признают реально существующие там проблемы и ответственность, которую они за них несут. […] Turkey will ensure the security of the Kabul airport after the withdrawal of US troops Александра Донцова This is a special program from the ANNA NEWS. I am Constantine Reztsov. Recently it became known who will be responsible for the ensuring of the security of the Kabul airport after the pulling of the US troops from […] Израиль атаковал военные объекты ХАМАС || Итоги недели 19.06.21 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […] Israel atacó las instalaciones militares de HAMAS Александра Донцова El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Israel attacked Hamas military targets Александра Донцова The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian government […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: