Proteste a Yerevan

  
0

1.

Azerbaigian

Il servizio stampa del Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha riferito che unità delle Forze Armate dell’Azerbaigian sono entrate nella regione di Aghdam. «Secondo una dichiarazione trilaterale firmata dal Presidente dell’Azerbaigian, dal Presidente della Russia e dal Primo Ministro dell’Armenia, il 20 novembre, unità dell’esercito azero sono entrate nella regione di Aghdam», si legge nel comunicato.

2.

Azerbaigian

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev nel suo discorso alla nazione ha annunciato il trasferimento della regione di Aghdam sotto il controllo di Baku. L’indirizzo del presidente dell’Azerbaigian è stato trasmesso dai canali televisivi locali. «Verrà preparato un piano generale, saranno coinvolti specialisti, i progetti infrastrutturali saranno implementati in modo pianificato, saranno costruiti edifici amministrativi, strutture sociali, strade, saranno completati altri lavori necessari. Lo stato aiuterà i cittadini a tornare lì», ha detto Aliyev. Il presidente dell’Azerbaigian ha detto che i lavori di sminamento inizieranno in primo luogo nella regione di Agdam. Dopo il completamento di questi lavori, inizierà l’implementazione dei progetti infrastrutturali. Secondo il presidente azero, il conflitto armeno-azero è lasciato alle spalle. Aliyev ha detto che Baku è pronta a stabilire normali relazioni con le «forze sensibili» in Armenia se saliranno al potere.

3.

Armenia

A Yerevan è in corso una manifestazione dell’opposizione. I manifestanti chiedono le dimissioni del primo ministro armeno Nikol Pashinyan. I manifestanti si sono riuniti vicino al palazzo del parlamento e all’amministrazione presidenziale. Secondo quanto riferito, i manifestanti hanno bloccato diverse strade centrali di Yerevan. Poiché gli attivisti hanno bloccato la strada con le loro auto, le forze dell’ordine hanno dovuto chiamare i carri attrezzi e prendere le auto. La polizia ha iniziato a trattenere i manifestanti. Si segnala che la polizia allontana con la forza i manifestanti dalla carreggiata.

4.

Armenia

Il ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che altri 20 aerei da trasporto militare hanno consegnato forze di pace russe in Armenia. «Altri 18 aerei Il-76 e due An-124 Ruslan dell’aviazione da trasporto militare delle forze aerospaziali russe con equipaggiamento e personale della 15a brigata di mantenimento della pace inviati in Armenia per partecipare a un’operazione di mantenimento della pace nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh, sono atterrati negli aeroporti della città di Yerevan «, dice il messaggio. Gli aerei delle forze aerospaziali russe hanno consegnato all’Armenia 33 attrezzature: veicoli blindati «Tigr» e «Rys», camion fuoristrada, veicoli per la riparazione e il recupero, attrezzature e proprietà di materiale e supporto tecnico.

5.

India-Cina

L’Hindustan Times, citando fonti militari indiane, ha riferito che la Cina ha schierato segretamente ulteriori unità militari e armi ai confini indiani nell’area dello stato del Sikkim, nonché nei settori centrale e orientale fino alla linea di controllo de facto, che funge da confine tra i due paesi. Fonti della pubblicazione notano che queste azioni riducono «le possibilità di ripristinare lo status quo e porre fine alle tensioni nel Ladakh orientale». È stato riferito che l’Esercito popolare di liberazione della Cina ha stabilito nuove basi per missili terra-aria nelle immediate vicinanze della linea di controllo efficace, schierato ulteriori squadroni di droni militari e aerei da trasporto militare negli aeroporti in Tibet, continua a costruire nuove posizioni per il personale e basi posteriori di supporto tecnico militare. A 60 km dal confine dello stato dell’Arunachal Pradesh a Nyanglu, l’esercito cinese ha schierato un centro di guerra elettronica, progettato per disturbare i segnali dei satelliti di comunicazione GSAT indiani. L’esercito indiano rileva l’intensificazione delle attività di intelligence da parte dell’esercito cinese lungo l’intera linea di controllo de facto. La pubblicazione sottolinea che la maggiore attività militare dell’esercito cinese «lungo la linea del controllo effettivo costringe l’India a mantenere una maggiore prontezza al combattimento delle sue truppe al confine con la Cina».

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

итоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Military base of Turkey in Azerbaijan Александра Донцова 1 Armenia — Russia The press service of the Armenian Defense Ministry reported that during the recent telephone conversations, the heads of the Armenian and Russian Defense Ministries, Vagharshak Harutyunyan and Sergei […] Военная база Турции в Азербайджане. || Итоги дня 17.06.2021 Влад Николаев Пресс-служба Минобороны Армении сообщила, что главы Минобороны Армении и России Вагаршак Арутюнян и Сергей Шойгу во время телефонных переговоров обсудили дислокацию российских пограничников на границе с Азербайджаном в […] Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика Вооруженные формирования Украины не открывали огонь в направлении  территории ДНР за прошедшие сутки. Об этом сегодня сообщили в Управлении Народной милиции Республики (СЦКК). «За прошедшие сутки […] Terrorists in Syria are planning provocations Александра Донцова 1 Syria The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian […] Los rebeldes tienen intenciones de realizar las provocaciones en Siria Александра Донцова 1.Siria. El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Боевики в Сирии планируют провокации || Итоги дня 16.06.2021 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: