Proteste in Germania

  
0

Uno dopo l’altro, i paesi europei vengono messi in quarantena in connessione con la seconda ondata della pandemia di coronavirus. Il ritorno a rigide restrizioni sta provocando un profondo risentimento tra la popolazione per ragioni economiche e sociali. Decine di migliaia di europei stanno protestando per le strade delle città. La Germania non è sfuggita alla stessa sorte.

Il governo tedesco ha introdotto a novembre nuove misure di quarantena senza precedenti, ancora più rigorose di quelle in vigore in primavera. Le violazioni dei regolamenti sono soggette a multe e sanzioni severe paragonabili a quelle per atti criminali.

I critici delle nuove misure sostengono che sono sproporzionate e illegali. La quarantena viola le libertà civili, porta a una cessazione quasi completa della vita sociale e pubblica e, di conseguenza, al collasso economico.

La situazione è stata ulteriormente aggravata dalla «Legge sulla protezione dalle infezioni» del Bundestag, che amplia i poteri delle autorità e rende più facile per il governo di Angela Merkel introdurre rapidamente misure di isolamento nella lotta alla crisi del coronavirus.

I manifestanti ritengono che con questa legge Berlino abbia superato il limite di poteri consentito.

Martedì mattina nella capitale tedesca, i disamorati hanno violato il divieto di raduni e hanno iniziato ad arrivare nel centro della città tra la Porta di Brandeburgo e il Reichstag, dove si trova il parlamento. In un primo momento, la polizia non è intervenuta per disperdere la folla, nonostante l’incoerenza dell’azione e l’aumento dei requisiti di sicurezza nell’area delle strutture governative. Ma il numero dei manifestanti è salito a 10.000 e la polizia ha richiamato forze aggiuntive, inclusi cani e cannoni ad acqua. C’erano anche provocatori tra la folla. Alla fine, la situazione è sfociata in rivolte e scontri con la polizia. Bottiglie e pietre sono state lanciate alla polizia.

I manifestanti più aggressivi sono entrati nel Bundestag, la sala dove si svolgevano i dibattiti. Il loro obiettivo era fermare la nuova legge sulla protezione dalle infezioni. Successivamente, la polizia ha allontanato la folla dal Bundestag, ha disperso la manifestazione con cannoni ad acqua e ha arrestato circa 200 persone. Le autorità di Berlino hanno affermato che i manifestanti hanno ignorato le richieste di indossare maschere.

Dopo l ‘»invasione degli attivisti», i parlamentari tedeschi si sono affrettati a parlare di un attacco alla legislatura.

Il deputato socialdemocratico Helge Lind inizialmente ha convenuto che le persone «dovrebbero avere l’opportunità di tenere riunioni e criticare», ma ha aggiunto:

«Ma la tolleranza non può arrivare a concordare che la legge sulla protezione contro le infezioni equivale all’inizio della dittatura nazista».

Il fatto è che alcuni manifestanti, così come il partito di estrema destra Alternativa per Germania (AfD), hanno ripetutamente tracciato un’analogia della legge in discussione con Atto di Emergenza del 1933, che ha conferito al governo poteri dittatoriali.

Proteste in Germania contro le misure di quarantena La legge sulla protezione dalle infezioni trasferisce parte del potere legislativo dal parlamento all’esecutivo al governo. Finora, le autorità tedesche hanno fatto molto affidamento sugli editti per affrontare la crisi del coronavirus, una pratica criticata dai parlamentari di tutti i partiti e considerata incostituzionale da molti. La legge sulla protezione dalle infezioni creerà ora un quadro giuridico che consente al governo di limitare alcuni dei diritti civili fondamentali sanciti dalla costituzione tedesca.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

итоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Turkey will ensure the security of the Kabul airport after the withdrawal of US troops Александра Донцова This is a special program from the ANNA NEWS. I am Constantine Reztsov. Recently it became known who will be responsible for the ensuring of the security of the Kabul airport after the pulling of the US troops from […] Израиль атаковал военные объекты ХАМАС || Итоги недели 19.06.21 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […] Israel atacó las instalaciones militares de HAMAS Александра Донцова El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Israel attacked Hamas military targets Александра Донцова The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian government […] Idlib was attacked with MLRS Александра Донцова 1 Syria Terrorists from the south of Idlib shelled the village of Jurin in the province of Hama. The village is under protection of the government troops. The Syrian mass media reported that the terrorists used MRLS. There […] Идлиб обстрелян из РСЗО || Итоги дня 18.06.2021 Влад Николаев Боевики, которые базируются на юге Идлиба, обстреляли посёлок Джурин в провинции Хама. Поселок находится под защитой правительственных войск. Сирийские СМИ сообщают, что огонь велся из реактивных систем залпового огня. […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: