Proteste vicino al centro di detenzione preventiva a Minsk

  
0

1.

Bielorussia

Le proteste a Minsk si sono concluse lunedì sera con una marcia verso gli edifici di due centri di custodia cautelare, dove rimangono ancora detenuti per aver partecipato a manifestazioni contro i risultati delle elezioni presidenziali. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che le manifestazioni si sono svolte alle porte di сentro di detenzione numero 1 in via Volodarsky, dove, come credono i rappresentanti dell’opposizione, si tiene il blogger Sergei Tikhanovsky. La manifestazione si è svolta anche vicino al centro di custodia cautelare in via Okrestin, dove dopo i primi scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine all’inizio della scorsa settimana, sono stati presi tutti i detenuti. La maggior parte di loro è stata rilasciata, ma coloro che sono riusciti a formalizzare casi amministrativi stanno scontando la pena. Il rappresentante del centro di detenzione ha detto ai manifestanti che non c’erano prigionieri per motivi politici nel centro di detenzione in via Okrestin. Questa informazione è stata confermata dalla confidente di Tikhanovskaya Olga Kovalkova. Si noti che i manifestanti hanno iniziato a disperdersi dopo che Kovalkova ha raccomandato di riunirsi in questo luogo la mattina. La polizia non ha interferito con i manifestanti.

2.

Afghanistan

Tolo News ha riferito che diversi colpi di mortaio sono esplosi nel centro della capitale afghana, Kabul. Secondo quanto riferito, le esplosioni hanno ferito almeno 10 persone. Il ministero degli Interni afghano riferisce che persone sconosciute a bordo di due veicoli hanno sparato colpi di mortaio contro aree residenziali di Kabul. Finora, nessuno dei gruppi estremisti che operano in Afghanistan ha rivendicato l’accaduto.

3.

Libano

Il canale televisivo Al Arabiya, citando fonti libanesi, ha riferito che uno studio su campioni di suolo prelevati nel porto di Beirut ha mostrato che il porto non era stato sottoposto a razzi. «L’analisi dei campioni di suolo dal porto non ha rivelato alcuna traccia di lancio di razzi», afferma la dichiarazione. Una potente esplosione in un magazzino nel porto di Beirut ha tuonato il 4 agosto. Secondo gli ultimi dati, l’esplosione ha ucciso 178 persone, ferito circa 6mila e dozzine sono disperse. Il 15 agosto, il presidente libanese Michel Aoun ha detto che il Libano «ha bisogno di ottenere immagini satellitari per determinare se l’esplosione potrebbe essere stata causata da un missile».

4.

Israele — Striscia di Gaza

Il portavoce delle Forze di Difesa Israeliane ha detto su Twitter che l’esercito israeliano ha lanciato una serie di attacchi contro obiettivi del movimento radicale di Hamas nella Striscia di Gaza in risposta al lancio di palloncini con esplosivi attaccati. «Recentemente, combattenti e aerei dell’IDF hanno attaccato le infrastrutture sotterranee dell’organizzazione terroristica Hamas nella Striscia di Gaza. L’attacco è stato effettuato in risposta al lancio di palloncini con esplosivi e materiali combustibili dalla Striscia di Gaza in Israele durante il giorno», si legge nel comunicato. Il lancio di palloncini con esplosivi dalla Striscia di Gaza in Israele è ripreso all’inizio di agosto.

5.

Libia

Il canale televisivo Al Arabiya ha riferito che Turchia, Qatar e il governo di accordo nazionale della Libia hanno firmato un accordo per stabilire una base navale turca nella città libica di Misurata. Secondo gli accordi, a Misurata si sta creando un centro di coordinamento militare trilaterale. «Inoltre, le parti hanno concordato di inviare consiglieri militari del Qatar in Libia per addestrare l’esercito libico, nonché per fornire alla Libia posti nelle scuole militari turche e del Qatar», ha detto il canale. Si sottolinea che lo scopo dell’accordo è «aumentare la capacità di combattimento delle unità militari subordinate al PNS». Lunedì scorso, il ministro della Difesa nazionale turco Hulusi Akar e il vice primo ministro e ministro della Difesa di Stato del Qatar Khalid bin Mohammad al-Attiyah si sono incontrati a Tripoli con il capo del PNS Faiz Sarraj. Il CNT ha osservato che le autorità di Tripoli sono favorevoli al «dialogo politico, che è l’unica soluzione alla crisi libica, ed è necessario sostenere questa strada, contribuendo al rafforzamento della stabilità nel Paese».

6.

Siria

L’agenzia siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che un’esplosione è avvenuta in un villaggio a ovest della città siriana di Ras al-Ain, situato vicino al confine con la Turchia. Secondo l’agenzia, un’autobomba è esplosa in una delle roccaforti delle formazioni filo-turche dell’opposizione armata siriana presenti nella città. A seguito dell’esplosione, tre soldati sono rimasti uccisi e molti altri sono rimasti feriti.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16 :00 21 сентября 2020 года Влад Николаев Сегодня в России начались стратегические командно-штабные учения «Кавказ-2020». Это завершающий этап плановых мероприятий оперативной подготовки Вооруженных Сил в текущем году. Учения будут проведены в период с 21 по 26 […] Новости на 12:00 21 сентября 2020 года Влад Николаев Верховный представитель ЕС по иностранным делам и политике безопасности Жозеп Боррель сообщил, что главы МИД ЕС обсудят в понедельник на встрече в Брюсселе отношения с Белоруссией с позиции непризнания избрания президентом […] Главное на утро 21 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками террористической группировки «Хайат Тахрир аш-Шам» (запрещено в […] L’Ukraine est contre le statut spécial du Donbass Александра Донцова 1. Le vice-Premier ministre ukrainien et chef adjoint de la délégation de Kiev à Minsk Oleksii Reznikov a annoncé l’élaboration d’un ensemble de projets de loi sur la période de transition pour le Donbass. Selon […] Ukraine ist gegen Sonderstatus von Donbass Александра Донцова 1. Der Vizepremier der Ukraine und stellvertretende Leiter der Kiewer Delegation in Minsk, Alexej Resnikow, kündigte die Entwicklung eines Gesetzespakets zur Übergangszeit für Donbass an. Gleichzeitig äußerte Resnikow die […] L’Ucraina è contraria allo status speciale del Donbass Александра Донцова 1. Il vice primo ministro dell’Ucraina e il vice capo della delegazione di Kiev a Minsk, Alexey Reznikov, hanno annunciato lo sviluppo di un pacchetto di progetti di legge sul periodo di transizione per il Donbass. Allo […]
Наверх Наверх