Riassunto delle notizie, il 20 novembre 2018

  
0

A seguito degli attacchi in un ospedale di Chicago, quattro persone sono state uccise, tra cui una persona sconosciuta che ha aperto il fuoco sul personale e sui pazienti della struttura medica, comunica Interfax, citando la polizia locale. Tra i morti — un ufficiale di polizia, come riportato dal suo rappresentante. Secondo alcuni testimoni, le riprese sono iniziate nel parcheggio vicino all’ospedale. L’aggressore ha parlato con una donna, e poi le ha sparato al petto. Successivamente, è entrato nell’edificio dell’ospedale e ha continuato a sparare. Secondo i testimoni, ha sparato alla gente a caso. Al momento, la polizia non ha informazioni sull’attaccante e sulle possibili motivazioni che lo hanno spinto ad aprire il fuoco.

2. Siria

Il capo del Centro per la riconciliazione delle parti belligeranti in Siria, il tenente generale Vladimir Savchenko ha detto che, nonostante il regime stabilito di cessazione delle ostilità, continuano le violazioni da parte di gruppi armati illegali, riferisce Interfax. «Il giorno scorso, i militanti hanno bombardato due volte le posizioni delle forze armate governative della RAS vicino al villaggio di Jubb al-Zarur della provincia di Lattakia e hanno effettuato otto bombardamenti di aree residenziali nella parte nord-occidentale di Aleppo. A seguito due persone sono morte e sette militari delle forze armate della RAS sono feriti», — ha detto in un incontro di lunedì.

3. Corea del nord

La Corea del Nord ha distrutto dieci punti di sicurezza situati nella zona smilitarizzata al confine con la Corea del Sud, riferisce Interfax, citando l’agenzia di stampa «Renhap». I militari hanno effettuato gli attentati ai posti di guardia, notificando la Corea del Sud in anticipo. È stato riferito che Pyongyang ha preso questa decisione al fine di ridurre le tensioni con Seoul e prevenire incidenti indesiderati di escalation nella zona smilitarizzata. La Corea del Sud si è anche impegnata a distruggere 10 posti di sicurezza dalla sua parte.

4. Arabia

Saudita I membri della famiglia reale dell’Arabia Saudita si sono opposti al principe Mohammed bin Salman per ereditare il trono a causa delle accuse di coinvolgimento nell’uccisione di Jamal Hashkaji, riferisce TASS riferendosi a Reuters. Secondo fonti dell’agenzia, dozzine di principi e cugini impediranno al principe ereditario di salire al trono. Tuttavia, non lo faranno mentre suo padre è vivo: il re di 82 anni Salman bin Abdulaziz Al Saud. Come ha detto una fonte, la famiglia reale intende sostenere l’unico fratello del re Salman, il principe Ahmed. Funzionari statunitensi hanno anche parlato a favore della sua candidatura come successore, hanno sottolineato fonti.

5. Belgia

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg intende discutere la situazione intorno al trattato INF con i capi dei dipartimenti della difesa dei paesi dell’UE, riferisce RIA Novosti. «Solleverò anche all’incontro con i ministri la sfida che affronteremo, questo è un nuovo missile russo, che mette a rischio il trattato INF. In Europa non ci sono nuovi missili americani, ma ci sono nuovi missili russi e tutti dobbiamo esortare la Russia a fornire attuazione trasparente del trattato INF, perché non vogliamo una nuova corsa agli armamenti «, ha detto ai giornalisti. In precedenza, Stoltenberg ha affermato che gli alleati della NATO avevano ripetutamente espresso seria preoccupazione per il nuovo sistema missilistico russo, noto come 9M729.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: