Ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sui cieli aperti

  
0

1. Nagorno-Karabakh

Il capo del servizio di ingegneria del contingente militare russo, il tenente colonnello Pavel Pautov, ha detto che gli zappatori delle forze armate russe avevano iniziato lo sminamento umanitario del terreno in Nagorno-Karabakh, che fa parte della zona di responsabilità delle forze di pace russe. «Nella prima fase, controlleranno l’area per la presenza di esplosivi, dove in futuro costruiranno postazioni fisse del contingente militare russo», ha detto Pautov. Ha osservato che lo sminamento umanitario viene effettuato su richiesta dell’amministrazione della Repubblica del Nagorno-Karabakh non riconosciuta. Anche i genieri dell’Esercito di Difesa della repubblica non riconosciuta del Nagorno-Karabakh stanno effettuando lo sminamento nei loro settori. Stanno rimuovendo i campi minati mentre le forze armate armene vengono ritirate dalle loro posizioni.

2. USA

Domenica gli Stati Uniti si sono ritirati dal Trattato sui Cieli Aperti. Washington domenica ha confermato ufficialmente che gli Stati Uniti non sono più parte del Trattato. Lo ha affermato l’Assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale Robert O’Brien. Le sue parole sono citate sulla pagina Twitter del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca. O’Brien ha definito il trattato «obsoleto» e ha detto che «avvantaggia … gli oppositori» degli Stati Uniti a scapito della sicurezza americana. Inoltre, il Dipartimento di Stato americano ha rilasciato una dichiarazione per recedere dal trattato sui Cieli Aperti. Il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov ha affermato che con il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sui Cieli Aperti, questo «documento sta perdendo la sua validità».

Il 21 maggio, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato l’intenzione di Washington di ritirarsi dal Trattato sui cieli aperti. L’accordo consente ai partecipanti di sorvolare ogni territorio l’uno dell’altro per osservare le attività militari. Washington ha chiamato la ragione del ritiro dal trattato presunte violazioni dell’accordo da parte della Russia. Mosca ha detto che resta fedele al trattato.

3.Russia

Konstantin Gavrilov, capo della delegazione russa ai colloqui di Vienna sulla sicurezza militare e il controllo degli armamenti, ha detto al canale televisivo Russia-24 che la Federazione Russa dispone di informazioni che gli Stati Uniti chiedono “agli alleati di firmare documenti in base ai quali trasmetteranno agli Stati Uniti materiali dei loro voli d’osservazione sulla Russia». Secondo Gavrilov, gli Stati Uniti «chiedono agli europei di rifiutare alla Russia di effettuare voli di osservazione sulle installazioni militari americane in Europa». «Questa è una grave violazione del trattato. Se i restanti Stati membri seguiranno l’esempio degli Stati Uniti, le nostre dure misure di ritorsione non tarderanno ad arrivare», ha detto.

Il ministero degli Esteri russo ha osservato che se gli Stati Uniti decidono di tornare nel trattato sui Cieli Aperti, dovranno farlo alle condizioni dei paesi partecipanti.

4. Siria

La newsletter sul sito web del Ministero della Difesa russo riporta che la Russia nella commissione per le violazioni della cessazione delle ostilità in Siria ha registrato 24 violazioni al giorno. «La parte russa dell’ufficio di rappresentanza della commissione mista russo-turca per esaminare le questioni relative alle violazioni del regime di cessazione delle ostilità ha registrato 24 fatti di apertura del fuoco (di cui, secondo la parte siriana, 24) nelle province: Idlib — 17, Aleppo — una, Latakia — quattro, Hama — due. La parte turca della missione non ha annunciato i fatti dell’apertura del fuoco», dice il messaggio. Si segnala inoltre che durante la giornata il Centro di riconciliazione ha svolto un’azione umanitaria — nel villaggio di Deir el-Bishl, nella provincia di Tartus.

5. Arabia Saudita

Reuters ha riferito che il movimento ribelle Ansar Allah (hussiti) ha lanciato un attacco missilistico contro l’impianto della compagnia petrolifera saudita Aramco a Gedda. Questo, come riportato dall’agenzia, ha detto un rappresentante militare del movimento ribelle. Secondo quanto riferito, gli hussiti hanno consigliato alle società straniere che operano in Arabia Saudita di fare attenzione poiché tali operazioni continueranno.

L’Arabia Saudita non ha confermato le affermazioni degli hussiti sull’attacco missilistico.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: