Riunione su idlib

  
0

1.

Turchia-Russia

Reuters, citando l’amministrazione del presidente turco, ha affermato che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan visiterà la Russia giovedì 5 marzo. È stato riferito che la visita sarà di un giorno. Il leader turco ha dichiarato che dopo i negoziati con il presidente russo Vladimir Putin spera di raggiungere un accordo sul cessate il fuoco a Idlib. Il segretario stampa del presidente della Federazione russa Dmitry Peskov ha confermato che l’incontro dei presidenti della Federazione russa e della Turchia Vladimir Putin e Tayyip Erdogan si terrà il 5 marzo a Mosca. In precedenza durante una conversazione telefonica di venerdì, i leader russi e turchi hanno sottolineato la necessità di ulteriori misure per normalizzare la situazione nella Siria nordoccidentale.

2.

Russia-Turchia

Il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov ha affermato che la Russia intende continuare la lotta contro il terrorismo in Siria e attribuisce grande importanza alla cooperazione con la Turchia in questo settore. Peskov ha sottolineato che Mosca «rimane impegnata negli accordi di Sochi, fa appello all’integrità territoriale della Siria, sostiene la Siria nella sua intenzione di continuare la lotta contro i terroristi». Il ministro della Difesa nazionale turco Hulusi Akar ha dichiarato lunedì che Ankara non sta nemmeno prendendo in considerazione uno scontro con la Russia in Siria. “Come abbiamo detto molte volte, non si pensa a uno scontro con la Russia. Tutti lo sanno ”, ha detto NTV al ministro.

3.

Iran

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha affermato che tutte le parti in conflitto in Siria devono tornare al modello negoziale di Astana, poiché fornirà un’opportunità per risolvere la situazione in Idlib. Mousavi ha sottolineato che «il processo politico rimane l’unica soluzione alla crisi in Siria». Ha anche aggiunto che Teheran «sta compiendo sforzi per tenere presto un vertice» nel formato di Astana a Teheran.

4.

Iraq

Al Hadath ha riferito che la zona verde di Baghdad è stata sparata lunedì notte. Uno dei razzi è esploso vicino all’ambasciata americana. Il canale televisivo dell’Alsumaria, citando una fonte delle forze di sicurezza di Baghdad, ha affermato che due missili sono caduti nella «zona verde», i proiettili sono stati lanciati da una zona ad est della capitale. È stato riferito che non vi sono vittime dell’attacco missilistico alla «zona verde» di Baghdad.

5.

RPDC-Corea del Sud

Il comitato dei capi di Stato maggiore della Corea del Sud suggerisce che la RPDC ha lanciato due missili balistici a corto raggio lunedì. Lo ha riferito Yonhap con riferimento a un dipendente del Comitato dei capi di stato maggiore. In precedenza è stato riferito che la RPDC ha lanciato lunedì due proiettili non identificati in direzione del Mar del Giappone. Hanno volato 240 km, raggiungendo un’altezza massima di 35 km. I proiettili furono sparati dalla zona di Wonsan. Seoul ha espresso «grave preoccupazione» per le azioni della RPDC.

6.

Iran

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha dichiarato che Teheran continuerà il suo dialogo con i talebani (illeciiti nella Federazione Russa) dopo che avranno concluso un accordo con gli Stati Uniti. «Continueremo i negoziati con i talebani e, come prima, informeremo il governo dell’Afghanistan», ha detto. Secondo Mousavi, «i talebani sono una realtà» in Afghanistan «, che non può essere ignorato». Tuttavia, Mousavi ha sottolineato che i problemi in Afghanistan dovrebbero essere risolti attraverso il dialogo intra-afgano.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх