Scontri a Hama

  
0

La SANA riferisce che nel nord di Hama, unità dell’esercito arabo siriano hanno respinto gli attacchi contro una posizione militare nel villaggio di At-Tanjar, a nord della valle di Al-Gab. I terroristi del cosiddetto gruppo «Kharas Ad-Din» e «Hizb At-Turkestani» hanno cercato di attaccare la posizione militare nel villaggio di At-Tanjara usando mortai, mitragliatrici e armi di grosso calibro. Dopo un ritiro strategico, l’esercito siriano lanciò un contrattacco. Di conseguenza, i militari hanno riguadagnato la loro posizione e riportato la situazione al livello precedente, infliggendo danni ai terroristi nella forza lavoro e nelle attrezzature. L’agenzia riferisce che diversi militari furono uccisi in feroci scontri e molti altri furono feriti.

Lunedì il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha espresso le sue condoglianze per l’incidente durante gli esercizi della Marina, che hanno ucciso 19 marinai. Lo ha riferito il servizio stampa del ministero degli Esteri iraniano. L’incidente con la nave «Konarak» della Marina iraniana si è verificato domenica nel Golfo dell’Oman durante un esercizio navale vicino ai porti di Jask e Chabahar. A seguito dell’incidente, almeno 19 persone sono morte, altre 15 sono rimaste ferite. I media iraniani riferiscono che la nave avrebbe potuto essere colpita da un missile erroneamente lanciato da una nave amica durante le manovre.

Lunedì, l’Aeronautica militare a supporto dell’Accordo Nazionale del governo libico ha bombardato la base aerea del maresciallo di campo del maresciallo Khalifa Haftar nell’esercito nazionale libico. Lo ha affermato il rappresentante ufficiale dell’operazione «Vulcano dell’ira», il colonnello Mohammed Kanuno, le sue parole sono citate dal canale televisivo della Libia Alahrar. Sulla base dell’Esercito Nazionale Libico controllato dalla base aerea dell’Aeronautica El-Batu, che si trova a 100 km da Tripoli, furono sferrati sei attacchi, il cui scopo era quello di veicoli corazzati, veicoli e manodopera nemica sul suo territorio.

Il canale televisivo afgano Tolo News riferisce che il presidente afgano Ashraf Ghani ha ordinato «le forze del paese di passare dalla difesa attiva a operazioni offensive contro i militanti di gruppi terroristici». Il presidente dell’Afghanistan ha fatto questa dichiarazione in un appello alla nazione dopo gli attacchi nella provincia di Kabul e Nangarhar. Il presidente dell’Afghanistan ha sottolineato che il movimento radicale talibano (illecito nella Federazione Russa) «ignora le ripetute richieste delle autorità afghane di ridurre la violenza e il cessate il fuoco». La responsabilità degli attacchi non è stata rivendicata da nessuno dei gruppi estremisti che operano in Afghanistan. Il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha affermato che le autorità afghane e il movimento radicale talibano (illecito nella Federazione Russa) devono insieme trovare e ritenere responsabili gli autori dei due attacchi. Pompeo ha anche «condannato con forza i due terribili attacchi terroristici in Afghanistan».

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato durante un discorso a Caracas che nuovi gruppi mercenari si stanno preparando in Colombia per invadere il Venezuela. Il discorso del presidente del Venezuela è stato trasmesso dalla televisione di stato. Il ministro della Difesa della Repubblica Bolivariana, Vladimir Padrino Lopez, ha riferito che l’esercito venezuelano ha arrestato 39 disertori nel tentativo di entrare nel paese oltre il confine con la Colombia e che, secondo le autorità venezuelane, stavano pianificando di prendere parte all’operazione preparata per l’invasione armata del Venezuela.

E in seguito all’argomento. Lunedì 18 maggio, in una riunione di emergenza convocata su richiesta della Russia, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite discuterà dell’invasione del Venezuela. Lo ha riferito TASS con riferimento a una fonte diplomatica presso le Nazioni Unite. «La Russia ha richiesto un incontro, è previsto per lunedì», ha detto una fonte. In precedenza, il rappresentante permanente venezuelano presso l’ONU Samuel Moncada in una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio ha chiesto al Consiglio di sicurezza di condannare il tentativo di colpo di stato nel paese.
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: