Сessazione di fuoco introdotto in Siria

  
0

Le autorità siriane hanno concordato un cessazione di fuoco nella zona di de-escalation di Idlib, a partire dalla notte del 2 agosto. Secondo i media siriani, Damasco ha accettato questo passo subordinatamente al rispetto da parte delle parti dei termini dell’accordo di Sochi, che prevede, in particolare, il ritiro di armi pesanti. Damasco insiste anche sulla ritirata dei militanti a 20 km dal confine della zona di de-escalation. La delegazione dell’opposizione siriana ai colloqui di Nur-Sultan ha concordato una tregua, tuttavia, i militanti del gruppo terroristico «Hayat Tahrir al-Sham» (illecito nella Federazione Russa), che controlla la maggior parte della provincia, non hanno reagito all’iniziativa di Damasco. Ricordiamo, recentemente la situazione in Idlib è notevolmente aumentata, i militanti hanno aumentato l’intensità del bombardamento degli insediamenti siriani e i tentativi di impadronirsi di un territorio aggiuntivo. Alla fine di luglio, quindi, gli attacchi di Idlib furono inflitti a otto insediamenti.

A partire da oggi, su iniziativa di Washington, il Trattato sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a corto raggio (Trattato INF) termina ufficialmente. Lo ha riferito il ministero degli Esteri russo. «Il 2 agosto 2019, su iniziativa della parte americana, è stato concluso il trattato tra l’Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche e gli Stati Uniti d’America sull’eliminazione dei loro missili a corto e medio raggio, firmato a Washington l’8 dicembre 1987», riferisce RIA Novosti in una dichiarazione del ministero degli esteri russo. In precedenza, il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov ha affermato che la Russia aveva inviato proposte dagli Stati Uniti e dalla NATO per dichiarare una moratoria sullo spiegamento di missili intermedi e di raggio più corto, simili a quelli annunciati in precedenza da Vladimir Putin, il quale affermava che la Russia si sarebbe astenuta dal dispiegare tali sistemi fino a quando i missili americani non sarebbero apparsi in Europa. Oggi, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha confermato ufficialmente il ritiro di Washington dal Trattato INF.

A Pechino, sono estremamente insoddisfatti delle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e sono pronti a vendicarsi in caso di un aumento dei dazi sulle merci cinesi, ha detto il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Hua Chunin venerdì. “Se gli Stati Uniti aumentano i dazi, la parte cinese si vendicherà. Penso che gli Stati Uniti dovrebbero riflettere attentamente prima di prendere tali misure, perché dovranno affrontare le conseguenze disastrose delle proprie azioni”, riferisce TASS con le parole del rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri cinese. Ricordiamo che giovedì, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti il ​​1 ° settembre hanno imposto un dazio del 10% sui beni provenienti dalla Cina per un valore di $ 300 miliardi.

La Corea del Sud imporrà sanzioni al Giappone in risposta alle restrizioni all’esportazione di componenti ad alta tecnologia, ha affermato il Vice Primo Ministro Hong Nam Ki. Venerdì scorso, il Giappone ha deciso di rimuovere la Corea del Sud dall’elenco dei paesi con restrizioni commerciali minime all’acquisizione di prodotti e tecnologie ad alta tecnologia.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un decreto che impone sanzioni alla Russia per un incidente che coinvolge l’uso del elemento “neofita” nella Salisbury britannica, riferisce Interfax citando politico. Tuttavia, i dettagli del decreto non vengono forniti. Ricordiamo in precedenza che il Comitato per gli affari esteri della Camera dei rappresentanti ha invitato Trump a procedere alla seconda fase delle sanzioni contro la Federazione Russa per un incidente nella Salisbury britannica. In conformità con la decisione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, le sanzioni dovevano essere introdotte in due fasi, la prima è stata lanciata il 27 agosto dello scorso anno, la seconda fase avrebbe dovuto entrare in vigore se la Russia non presentasse «affidabilità, secondo l’opinione dell’amministrazione statunitense, assicurazioni» circa rifiuto di usare armi chimiche e biologiche e non sarà pronto a consentire agli ispettori delle Nazioni Unite di accedere alle loro strutture chimiche.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

En la República Popular de Donetsk se aprobó la ley sobre la frontera estatal Александра Донцова 1. El 2 de diciembre entró en vigor una “ley sobre una frontera estatal de la República Popular de Donetsk”. En virtud de la ley la frontera estatal de la república está en la línea de las fronteras administrativas de la […] Les Etats-Unis ont repris les négociations avec les talibans Александра Донцова 1 Afghanistan Les États-Unis et le mouvement radical des talibans peuvent signer, cette semaine, un accord de paix et lancer la première trêve de 48 heures en Afghanistan, informe RIA Novosti en se référant à une source. […] USA nehmen Gespräche mit Taliban wieder auf Александра Донцова 1. Afghanistan Die USA und die radikale Taliban-Bewegung können diese Woche ein Friedensabkommen unterzeichnen und den ersten 48-Stunden-Waffenstillstand in Afghanistan einleiten. Dies wird von RIA Novosti unter Berufung auf […] Gli Stati Uniti riprendono i colloqui con i talebani Александра Донцова 1. Afghanistan Gli USA e il movimento radicale talebano possono firmare un accordo di pace questa settimana e lanciare il primo cessate il fuoco di 48 ore in Afghanistan. È stato riferito da RIA Novosti con riferimento alla […] America reanudó las negociaciones con los talibanes Александра Донцова 1.Afganistán Las Noticias de RIA informan que esta semana los EE.UU. y el movimiento radical de “Talibán” podrán firmar el Acuerdo de Paz y cesar el fuego en Afganistán durante 48 horas. Antes, el domingo los talibanes […] Тhe US resumed the talks with the Taliban Александра Донцова 1 Afghanistan «The US and the Taliban can sign a peace agreement during this week, and launch the first 48-hour ceasefire in Afghanistan» — the RIA NEWS reports while citing their source. On Sunday, the […] La loi sur la frontière d’État adoptée dans la République populaire autoproclamée de Donetsk Александра Донцова 1. Le 2 décembre, la loi Sur la frontière de l’État de la République populaire autoproclamée de Donetsk est entrée en vigueur. Le document est publié sur le site officiel du Conseil populaire de la RPD. Selon la loi, la […] In der DVR wurde das Gesetz über die Staatsgrenze verabschiedet Александра Донцова 1. Am 2. Dezember trat das „Gesetz über die Staatsgrenze der Volksrepublik Donezk“ in Kraft. Das Dokument wird auf der offiziellen Website des Volksrates der DVR veröffentlicht. Laut Gesetz wird die Staatsgrenze der Republik […] Nel RPD ha adottato una legge sul confine di stato Александра Донцова 1. Il 2 dicembre è entrata in vigore la legge «Al confine di stato della Repubblica popolare di Donetsk». Il documento è pubblicato sul sito ufficiale del Consiglio popolare del RPD. Secondo la legge, il confine di […]
Наверх Наверх