Siria. Addestramento di militari russi e turchi

  
0

1.Siria.

Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha affermato che martedì i militari russi e turchi hanno tenuto una seconda sessione di addestramento congiunta. «Durante l’addestramento, sono state risolte le questioni relative al coordinamento delle azioni di ricognizione e attacco ai veicoli aerei senza pilota, anche durante la distruzione del fuoco di obiettivi identificati sulla rotta di pattugliamento congiunto», ha detto. Lunedì si è svolto il primo addestramento congiunto di unità della polizia militare russa e delle forze armate turche.

2.Russia — Siria

Gennady Gatilov, rappresentante permanente della Russia presso l’Ufficio delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali a Ginevra, ha detto alla TASS che il 3 settembre l’inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria Geir Pedersen terrà colloqui a Mosca con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Il diplomatico ha ricordato che alla fine di agosto presso la sede dell’ONU a Ginevra si è tenuto un incontro di persona del gruppo di redazione del Comitato costituzionale siriano con la partecipazione delle delegazioni del governo siriano e dell’opposizione. «In generale, secondo la nostra valutazione, il ciclo di negoziati si è svolto in modo positivo e costruttivo», ha affermato. Gatilov ha anche espresso l’opinione che a seguito della riunione del gruppo di redazione della commissione costituzionale si possa parlare di qualche progresso, ma il movimento verso la futura struttura della Siria è solo all’inizio.

3. Libano

Le proteste si sono svolte nella capitale libanese Beirut. L’agenzia di stampa TASS riferisce che la polizia antisommossa ha sparato gas lacrimogeni contro gli attivisti in un movimento di protesta nel centro di Beirut. I manifestanti hanno cercato di sfondare i cordoni di polizia al palazzo parlamentare di Place Etoile. Negli scontri scoppiati ci sono vittime da entrambe le parti che sono state prese dai veicoli della Croce Rossa libanese. In precedenza, i manifestanti si sono riuniti a Place de Martír per chiedere elezioni parlamentari anticipate e la democratizzazione del sistema di governo confessionale del Libano. Questa azione è stata pacifica. I manifestanti hanno espresso opposizione alla nomina di Mustafa Adeeb come primo ministro, che lunedì è stato incaricato dal presidente Michel Aoun di formare un nuovo governo.

Inoltre, martedì, nel quartiere di Ras en Nabaa, vicino alla residenza dell’ambasciatore francese, sono avvenuti scontri tra polizia e manifestanti. La polizia ha usato i manganelli e ha allontanato la folla di attivisti dalla strada.

4.India — Pakistan

Il quotidiano Pioneer ha riferito che le forze pakistane hanno violato il cessate il fuoco e hanno sparato contro posizioni indiane nel settore di Keri sulla linea di controllo che funge da confine tra i due paesi. È stato riferito che durante i bombardamenti, un ufficiale dell’esercito indiano è stato ferito a morte ed è morto in un ospedale. Questo è il secondo bombardamento del territorio indiano nel Kashmir da parte delle truppe pakistane negli ultimi quattro giorni. All’inizio del 30 agosto, un soldato delle forze armate indiane è stato ucciso a causa dei bombardamenti.

5.Bulgaria

Nella capitale della Bulgaria, Sofia, si è svolta un’azione di protesta di massa denominata «la grande rivolta popolare». Le azioni di protesta si sono svolte il primo giorno dei lavori dell’Assemblea nazionale (Parlamento) della Bulgaria dopo le vacanze estive. L’agenzia di stampa TASS riferisce che i manifestanti hanno lanciato vari oggetti contro la polizia, che aveva costruito un blocco vivente intorno al palazzo del parlamento. Vengono denunciate tre vittime, compresi due agenti di polizia. Ferito anche un giovane, sul quale è caduta una bottiglia lanciata contro la polizia. L’ambulanza lo ha portato via. La polizia ha usato gas lacrimogeni e ha iniziato a fare arresti. Si segnala che diverse migliaia di persone si sono radunate per la protesta, che per il 56esimo giorno hanno chiesto le dimissioni del governo guidato dal primo ministro Boyko Borisov e dal procuratore capo Ivan Geshev. È stato riferito che di notte è stato istituito un blocco della polizia intorno al nuovo edificio del parlamento, l’ex casa del partito, dove i parlamentari si riuniscono per la prima volta dopo un’ampia ristrutturazione. Si sottolinea che il presidente della Bulgaria Rumen Radev e il vicepresidente Iliyana Yotova sono passati liberamente tra le file dei manifestanti, accolti con applausi e saluti.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: