USA. Traccia russa nelle proteste

  
0

1. Siria

Il portale di notizie Al-Masdar ha riferito che le unità militari e della milizia siriane hanno distrutto una banda di terroristi dello Stato islamico (banditi in Russia), che hanno attaccato le loro posizioni nell’area del giacimento petrolifero di Es Saura nella provincia di Raqqa. È stato riferito che le forze governative hanno respinto l’attacco e respinto il nemico, eliminando almeno 10 militanti. I rinforzi dell’esercito erano stati precedentemente inviati in aree nel sud-ovest di Raqqa, che, con il supporto dell’aviazione, avevano iniziato un’operazione anti-terrorismo lì. Le truppe avevano il compito di proteggere i campi petroliferi della regione.

2 Siria

La SANA riferisce che le autorità competenti hanno trovato armi e munizioni nella regione meridionale della Siria, missili TOW americani e oltre mezzo milione di cartucce lasciate dai terroristi. L’agenzia ricorda che il 23 maggio, durante la pulizia delle aree liberate dai terroristi nella provincia occidentale di Daraa, è stato scoperto un gran numero di armi e munizioni.

3. USA

La CNN riferisce che negli Stati Uniti, i leader di città e stato stanno estendendo i divieti sul movimento dei cittadini di notte tra le proteste per la morte dell’afroamericano George Floyd a Minneapolis. Il coprifuoco imposto in quasi 40 città degli Stati Uniti. Il New York Times riferisce che 21 stati hanno schierato la Guardia Nazionale per risolvere i disordini. L’Associated Press riferisce che le autorità statunitensi hanno arrestato circa 4,1 mila persone durante le proteste negli ultimi giorni. Fox News ha riferito che oltre 50 membri del personale dei servizi segreti statunitensi a Washington sono rimasti feriti in scontri con manifestanti. Secondo New York, a New York, 345 persone sono state arrestate durante le proteste, 33 poliziotti sono stati feriti, 47 auto della polizia sono state danneggiate durante i disordini. A Minneapolis, circa 150 manifestanti sono stati arrestati domenica per proteste.

4. USA — Russia

Il segretario stampa del presidente della Federazione russa Dmitry Peskov ha dichiarato che i disordini negli Stati Uniti sono esclusivamente una questione interna di questo paese. «Ovviamente, stiamo osservando attentamente ciò che sta accadendo negli Stati Uniti. Ma tutto ciò che accade è un affare interno di questo paese. Non siamo mai intervenuti negli affari americani e non interveniremo ora», ha sottolineato Peskov. La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha citato le parole di Susan Rice, ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Barack Obama, sul coinvolgimento di Mosca nei disordini negli Stati Uniti e sulla manipolazione delle informazioni. Domenica scorsa, Susan Rice alla CNN ha annunciato che i disordini causati dalla morte a Minneapolis dell’afroamericano George Floyd potrebbero essere organizzati dall’esterno da un «manuale di addestramento russo».

5. Spagna — Iraq

Il quotidiano Pais, citando fonti, ha affermato che a fine luglio, la Spagna ritirerà il suo contingente dalla base vicino a Baghdad, perché «il compito svolto dal centro della coalizione internazionale a Bismay sotto il comando spagnolo: istruire grandi unità dell’esercito e della polizia iracheni». Dopo il ritiro dell’esercito spagnolo da Bismay in Iraq, rimarranno circa 80 militari nella base di Taji e circa un centinaio di militari di forze speciali che sostengono l’esercito iracheno nella lotta contro lo Stato islamico (bandito nella Federazione Russa). Il giornale ricorda anche che i militari spagnoli lasceranno l’Afghanistan alla fine di questo o all’inizio del prossimo anno.

6. Giappone

Yoshihide Suga, Segretario Generale del Gabinetto dei Ministri del Giappone, ha affermato che il governo giapponese considera l’attuale formato del Gruppo dei Sette (G7) un’importante piattaforma per la cooperazione e la soluzione dei problemi che la comunità internazionale deve affrontare. Quindi Yoshihide Suga ha commentato le parole del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha definito il formato G7 obsoleto. Suga ha sottolineato che ciascuno dei paesi che il presidente Trump intende invitare al prossimo vertice del G7 è «partner estremamente importanti per il Giappone», ma Suga si è astenuto da ulteriori commenti su questo argomento. Sabato scorso, il gruppo stampa della Casa Bianca ha annunciato che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta posticipando il vertice del G7 da fine giugno a settembre e prevede di invitarvi Russia, Corea del Sud, Australia e India.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Итоги недели 26 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками запрещенной в РФ террористической группировки «Хайат Тахрир […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […]
Наверх Наверх