Violazione del cessate il fuoco in Siria

  
0

1. ONU-Siria

Il portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Stefan Dujarric ha dichiarato che le Nazioni Unite sono preoccupate per le violazioni del cessate il fuoco nella Siria nordoccidentale. «I rapporti sul fuoco incrociato vengono ricevuti quasi quotidianamente. Tra il 30 aprile e il 4 maggio, i bombardamenti di artiglieria hanno colpito nove aree di Idlib, nonché una a North Aleppo e due a Hama», ha dichiarato Dujarric.

2. Israele — Striscia di Gaza

Il servizio stampa dell’esercito israeliano ha dichiarato su Twitter che l’esercito israeliano ha attaccato tre postazioni militari del movimento palestinese di Hamas nella Striscia di Gaza mercoledì notte in risposta al lancio di un razzo dalla Striscia di Gaza in Israele. In precedenza, il servizio stampa dell’esercito ha riferito che un razzo è stato lanciato da Gaza nel territorio israeliano. Kan, una stazione radio israeliana, ha riferito che il razzo è esploso in una zona disabitata, non sono state ricevute informazioni sulle vittime e sui danni.

3. Iraq

Al-Sumaria, citando una dichiarazione dell’esercito iracheno, riferisce che tre missili sono caduti mercoledì vicino all’aeroporto di Baghdad. L’incidente è avvenuto al mattino presto. Un’installazione dotata di timer da cui sono stati lanciati proiettili è stata scoperta dalle forze di sicurezza irachene nella regione di Al-Bakri a ovest di Baghdad. Non ci sono state vittime dell’incidente.

4. Iran

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato durante una riunione del governo che ha trasmesso la televisione di stato iraniana di aver scritto una lettera ai leader dell’accordo nucleare. In una lettera, Rouhani ha affermato quale sarà la risposta di Teheran al ripristino dell’embargo sulle armi contro l’Iran. Secondo Rouhani, la reazione dell’Iran avrà gravi conseguenze. Ha anche aggiunto che il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo nucleare è stato uno «stupido errore», che Washington ha realizzato quando non erano rimasti molti embargo sulle armi dall’Iran. «Non hanno via d’uscita, non c’è via di ritorno», ha aggiunto il presidente iraniano, osservando che «non esiste un accordo nucleare per l’America». Secondo lui, Washington non può fare altro che presentare nuovamente una richiesta di adesione all’accordo, che deve essere prima accettata e allo stesso tempo compensare il danno causato dalle sanzioni all’Iran. In precedenza, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti faranno di tutto per estendere l’embargo sulle armi contro l’Iran. Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha dichiarato a RIA Novosti che non vi può essere alcuna estensione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite contro l’Iran.

5. USA — Venezuela

L’agenzia TASS, citando un rappresentante ufficiale dell’agenzia per gli affari esteri degli Stati Uniti, ha affermato che il Dipartimento di Stato americano sta indagando sulle circostanze della detenzione di cittadini americani in Venezuela. «Studieremo attentamente il ruolo del regime di Nicolas Maduro in questo melodramma e in particolare il ruolo del vastissimo apparato dell’intelligence cubana in Venezuela», ha aggiunto il rappresentante del Dipartimento di Stato. In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato che le autorità statunitensi non hanno nulla a che fare con la situazione relativa alla penetrazione dei mercenari in Venezuela. Commentando le parole del presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, che ha affermato che tra i mercenari che hanno effettuato l’invasione del paese c’erano cittadini statunitensi membri del servizio di sicurezza di Trump, il leader americano ha affermato che le autorità statunitensi comprenderanno la situazione e in seguito “far loro sapere” sui risultati .

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Bergkarabach. Kampfhandlungen Александра Донцова Das Verteidigungsministerium Aserbaidschans berichtete, dass die Kämpfe in der Zone des Bergkarabach-Konflikts über die gesamte Länge der Front andauern. Es wird berichtet, dass am Donnerstag und in der Nacht zum 23. Oktober […] Le Haut-Karabakh. Les hostilités Александра Донцова Le ministère azerbaïdjanais de la Défense a déclaré que les batailles dans la zone de conflit du Haut-Karabakh se poursuivaient le long du front. Jeudi et dans la nuit du 23 octobre, les hostilités se sont poursuivies avec […] Nagorno Karabakh. Azioni di combattimento Александра Донцова Il ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha riferito che le battaglie nella zona del conflitto del Nagorno Karabakh sono in corso lungo l’intera lunghezza del fronte. È stato riferito che giovedì e venerdì sera […] Nagorno-Karabaj. Los combates Александра Донцова El Ministerio de Defensa de Azerbaiyán informó que el jueves y el viernes por la noche continuaban las hostilidades en las direcciones de Agdere-Agdam, Fizuli-Hadrut-Jebrail y Gubadly-Zangilan, en la zona del conflicto, en […] Nagorno-Karabakh. Combat action Александра Донцова The Azerbaijani Defense Ministry reported that the fighting in the Nagorno-Karabakh conflict zone continues at the entire frontline. It was reported that the fighting continued on 22nd and 23rd of October in the Agder, […] Итоги недели 24 октября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило, что бои в зоне нагорнокарабахского конфликта идут на всей протяженности фронта. Сообщается, что в четверг и в ночь на пятницу с различной интенсивностью продолжались боевые действия на […]
Наверх Наверх