Violazione di cessazione del fuoco a Idlib

  
0

1. Turchia

Il ministro della Difesa nazionale turco Hulusi Akar ha affermato che i negoziati tra esperti militari turchi e russi sull’Ilib siriano continuano in modo costruttivo. Le parole del ministro della difesa della Turchia guidano l’agenzia Anadolu. I negoziati sono iniziati ad Ankara martedì 10 marzo. Durante i colloqui, vengono discusse le pattuglie congiunte dell’autostrada M-4 in Siria, il cui inizio è previsto per il 15 marzo. In precedenza, il 10 marzo, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu dichiarò che Ankara avrebbe pattugliato i territori a nord dell’autostrada M-4 e che l’esercito russo avrebbe pattugliato il sud dell’autostrada.

2. Siria

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che nella zona di de-escalation di Idlib in Siria ci sono singole violazioni del cessazione di fuoco che è stato raggiunto tra Mosca e Ankara. «Stiamo segnalando questo alla Russia e vogliamo che vengano prese le misure necessarie. Vogliamo che cessazione del fuoco temporaneo diventi permanente ”, ha affermato la televisione di NTV citando Erdogan. Il presidente turco ha osservato che «non sa per quanto tempo il regime sarà in grado di osservare una moratoria sulle ostilità». Erdogan ha sottolineato che mentre l’altra parte sta rispettando i termini dell’accordo, anche la Turchia gli sarà fedele, altrimenti la Turchia «cadrà con una forza ancora maggiore» sull’esercito siriano.

3. Siria

Il consigliere del presidente siriano Bashar al-Assad Buseyn Shaaban ha dichiarato che la Siria ha registrato diversi casi di violazione del cessate il fuoco a Idlib da parte della Turchia dopo gli accordi russo-turchi. Una dichiarazione del consigliere al presidente della Siria conduce RIA Novosti. Shaaban ha anche sottolineato che la Siria rimane impegnata per il cessate il fuoco. «Siamo pronti a rispettare il cessate il fuoco e tutti adempiremo agli obblighi che abbiamo assunto. Il cessate il fuoco soddisfa i nostri obiettivi sotto forma di una vittoria sul terrorismo e sulla pace», ha affermato Shaaban. Il consigliere ha sottolineato che Damasco si aspetta dai paesi della NATO e dell’Unione europea di condannare le azioni della Turchia in Siria, che «vanno contro tutte le leggi internazionali»

4.Russia

Il ministero della Difesa russo ha smentito le precedenti dichiarazioni del presidente turco in merito alla distruzione da parte dei droni turchi di otto proiettili di difesa aerea siriani «Scudo». Le dichiarazioni «sono più che un’esagerazione», hanno detto i militari russi. «A seguito dei massicci attacchi di drone di shock turchi, due proiettili di difesa aerea siriani «Scudo» sono stati danneggiati. Attualmente, il loro restauro è in fase di completamento», ha detto il ministero. Secondo il Ministero della Difesa russo, le forze principali e i sistemi di difesa aerea delle forze armate siriane, compresa l»armatura», erano concentrate principalmente nell’area di Damasco. Nell’area della zona di de-escalation di Idlib, le forze siriane hanno coperto solo quattro «Scudi».

5.Afganistan

Il presidente afgano Ashraf Ghani ha firmato un decreto per perdonare e liberare i prigionieri del movimento radicale talebano (illecito in Russia). Lo ha riferito il canale TOLONews, citando un rappresentante del capo dello stato. È stato riferito che circa 1,5 mila persone saranno rilasciate. I dati biometrici di tutti quelli rilasciati saranno raccolti, così come sono tenuti a fornire una garanzia scritta che non parteciperanno più alle ostilità.

6. ONU

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato all’unanimità una risoluzione a sostegno di un accordo di pace tra gli Stati Uniti e il movimento radicale talibano (illecito in Russia). La risoluzione afferma inoltre che il Consiglio è pronto a considerare la possibilità di «rivedere lo status di persone, gruppi e imprese inclusi nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza» con l’avvio di negoziati intra-afgani. Anche il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha appoggiato l’accordo e ha definito una delle condizioni per stabilizzare la situazione in Afghanistan «una revisione delle sanzioni del Consiglio di sicurezza in Afghanistan».

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: