Attacco aereo in un campo tendato in Siria || Risultati della settimana da ANNA NEWS

  
0

Più di 50 civili sono morti a seguito di uno sciopero internazionale della coalizione condotto dagli Stati Uniti nel villaggio di Baguz, nel sud-est della Siria, assaltato dai reparti arabo-curdi delle forze democratiche siriane (SDF), riferisce l’agenzia di stampa RIA Novosti riferendosi alla televisione di stato siriana. «L’aviazione della coalizione ha commesso un nuovo crimine infliggendo un attacco aereo su un campo tendato a Baguz, nella zona orientale della provincia di Deir-ez-Zor. Più di 50 persone sono state uccise, la maggior parte donne e bambini», ha riferito Ikhbariya TV, citando fonti locali.

La Cina introduce un divieto temporaneo sull’uso di aerei Boeing 737 MAX 8 su tutte le compagnie aeree nazionali nazionali in connessione con l’incidente in Etiopia. Questo è affermato nel messaggio dell’Autorità per l’aviazione civile cinese. L’ufficio ha notato che dal mese di ottobre dello scorso anno, quando il Lion Air Airlines Boeing 737-8 si è schiantato, questo è il secondo disastro con l’aereo di questa serie. Ricordiamo, domenica 10 marzo, l’aereo Boeing 737 MAX di Ethiopian Airlines si è schiantato pochi minuti dopo la partenza dall’aeroporto di Addis Abeba. A bordo dell’aereo c’erano 149 passeggeri e otto membri dell’equipaggio, tutti morirono.

Nella notte di venerdì, l’esercito israeliano ha attaccato circa un centinaio di obiettivi nella Striscia di Gaza in risposta a un razzo di Tel Aviv sparato dalla Palestina, ha detto il portavoce dell’esercito Avihi Edri. «In risposta all’attacco missilistico contro Israele, circa 100 obiettivi terroristici sono stati colpiti in tutta la Striscia di Gaza», riferisce RIA Novosti. Israele ha accusato i bombardamenti della sentenza di Hamas nell’enclave. Giovedì sera, due razzi della Striscia di Gaza sono stati lanciati a Tel Aviv, dopo di che le sirene antiaeree hanno colpito la città. È stato inoltre riferito che altri cinque missili sono stati sparati da palestinesi nel sud di Israele.

Dopo una massiccia interruzione di corrente, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dato l’ordine di condurre esercitazioni militari per proteggere le strutture strategiche della Repubblica bolivariana, ha detto il ministro della difesa Vladimir Padrino López. Secondo il ministro, le esercitazioni sono necessarie «per proteggere le persone e le strutture strategiche dello stato», così come per garantire la vittoria di fronte all’aggressione, riferisce TASS. Lopez ha detto che i complessi esercizi «Ana Carina Rote» andranno questo sabato e domenica. In precedenza, il ministro delle comunicazioni e dell’informazione, Jorge Rodriguez, ha affermato che la fornitura di energia elettrica è stata ripristinata quasi in tutta la Repubblica bolivariana.

Il ministro della Difesa iraniano Amir Khatami ha promesso a Israele di dare una risposta difficile se la Marina di questo paese cerca di bloccare il commercio petrolifero dell’Iran sulle rotte marittime, ha riferito il TASS, citando l’IRNA. Khatami ha indicato che tali azioni israeliane sarebbero «considerate come rapina» e «una minaccia alla sicurezza internazionale». «Se ciò dovesse accadere, l’Iran risponderà in modo duro. Il nostro Paese ha abbastanza capacità per resistere «, ha detto il ministro. Ha aggiunto che «l’esercito iraniano garantirà la sicurezza delle rotte marittime internazionali per le sue navi e tutti coloro che rientrano nella zona di responsabilità iraniana». Ricordiamo, il 6 marzo, il primo ministro israeliano e ministro della Difesa Benjamin Netanyahu ha annunciato un possibile blocco da parte della Marina israeliana di petroliere iraniane che stanno tentando di eludere le sanzioni imposte all’Iran con il contrabbando di petrolio via mare.

Mosca non è pronta ad estendere il Trattato a misure per ridurre ulteriormente e limitare le armi strategiche offensive — START-START-3 senza un normale dialogo preliminare con gli Stati Uniti, ha riferito l’Ambasciatore russo a Washington Anatoly Antonov, riferisce TASS. Ha ricordato che la Russia ha «problemi di preoccupazione per l’attuazione da parte degli Stati Uniti di alcune delle disposizioni del trattato». «Abbiamo bisogno di trovare una soluzione prima di mettere le nostre firme su qualsiasi documento», — ha detto Antonov. Ha anche sottolineato la necessità di risolvere tutte le domande riguardanti l’INF.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Turkey shelled a district in Afrin Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian center for the reconciliation in Syria, Yuri Borenkov, announced during a briefing on Tuesday evening that illegal armed groups are still shelling the village of Zahra, located near the largest […] La Turquie a tiré sur un district d’Afrine Александра Донцова 1 Syrie Mardi soir, au cours d’un briefing, le chef du centre russe pour la réconciliation en Syrie Iouri Borenkov a rapporté que des groupes armés illégaux ne cessaient pas des tirs sur la localité de Zahra, en banlieue de […] Die Türkei griff Distrikt Afrin an Александра Донцова 1. Syrien Der Leiter des russischen Zentrums für die Aussöhnung der Kriegsparteien in Syrien, Juri Borenkow, sagte am Dienstagabend bei einer Besprechung, dass illegale bewaffnete Gruppen nicht aufhören würden, das Dorf […] La Turchia ha sparato contro il quartiere Afin Александра Донцова 1. Siria Il capo del centro russo per la riconciliazione in Siria, Yuri Borenkov, durante una riunione di martedì sera ha dichiarato che gruppi armati illegali non hanno smesso di bombardare il villaggio di Zahra alla […] Turquía bombardeó la región de Afrín Александра Донцова 1.Siria Yuri Borenkov, el jefe del Centro de Reconciliación ruso en Siria, informó que los grupos armados ilegales no habían dejado de bombardear el lugar poblado de Zahra en la periferia de la ciudad siria de Alepo. Como […] Des preuves de la falsification de l’attaque chimique en Syrie Александра Донцова 1 ONU La Russie a présenté au Conseil de Sécurité de l’ONU des preuves de la falsification de l’attaque chimique à Douma, Syrie, de 2018. Le directeur de la Fondation des recherches des problèmes de la démocratie Maxime […] Nachweis eines gefälschten chemischen Angriffs in Syrien Александра Донцова 1. Vereinte Nationen Auf einer Sitzung des UN-Sicherheitsrates legte Russland Beweise für die Fälschung des Einsatzes chemischer Waffen in der syrischen Duma im Jahr 2018 vor. Das Treffen wurde vom Direktor der Stiftung für […] Prova di un falso attacco chimico in Siria Александра Донцова 1. ONU Nel corso di una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia ha presentato prove della falsificazione dell’uso di armi chimiche nella Duma siriana nel 2018. L’incontro è stato […] Las pruebas de la falsedad del ataque químico en Siria Александра Донцова 1.ONU En la reunión del Consejo de Seguridad de la ONU, Rusia presentó las pruebas de falsedad del uso de las armas químicas en Douma siria en 2018. Maxim Grigoryev, el director de la Fundación para el Estudio de los […]
Наверх Наверх