Attacco missilistico su Stepanakert

  
0

1.

Armenia-Azerbaigian

L’addetto stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che la situazione sulla linea di contatto nella zona di conflitto del Nagorno Karabakh ieri sera era costantemente tesa. «La situazione sulla linea di contatto notturna era stabilmente tesa. La situazione tattico-operativa non ha subito cambiamenti. In alcuni settori del fronte sono proseguiti gli scambi di fuoco, si sono combattute battaglie di artiglieria», ha scritto Stepanyan. Allo stesso tempo, il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha riferito che feroci battaglie sono state combattute nel Nagorno Karabakh di notte e al mattino. «Dal pomeriggio dell’8 ottobre alla mattina del 9 ottobre, sono proseguiti intensi combattimenti lungo tutto il fronte», si legge nel messaggio. Si noti che le forze armate armene hanno subito perdite tra i militari e le attrezzature.

2.

Nagorno Karabakh

Il rappresentante del ministero della Difesa armeno Artsrun Ovannisyan ha riferito su Facebook dell’attacco missilistico alla capitale della repubblica del Nagorno Karabakh non riconosciuta. «Stepanakert è stato nuovamente colpito da un attacco missilistico», ha scritto Ovannisyan. Secondo quanto riferito, le esplosioni sono state udite alla periferia di Stepanakert.

3.

Azerbaigian-Armenia

Il ministero della Difesa azero ha riferito che le forze armate armene hanno sparato contro gli insediamenti in tre regioni intorno al NagornoKarabakh. «Il nemico sta sparando contro il territorio delle regioni di Goranboy, Terter e Aghdam», dice il messaggio. I ministeri hanno sottolineato che l’esercito azerbaigiano «sta prendendo misure adeguate».

4.

Russia

Il servizio stampa del Cremlino ha riferito che il presidente russo Vladimir Putin ha invitato le parti in conflitto nel Nagorno Karabakh a fermare le ostilità. Il presidente russo ha inoltre invitato a Mosca i ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian per discutere lo scambio di prigionieri e corpi delle persone uccise durante il conflitto. Dopo una serie di conversazioni telefoniche con il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e il Primo Ministro della Repubblica d’Armenia Nikol Pashinyan, il Presidente della Federazione Russa chiede la fine delle ostilità nella zona di conflitto del Nagorno Karabakh per motivi umanitari al fine di scambiare i corpi dei morti e dei prigionieri. Il 9 ottobre, i ministri degli esteri di Azerbaigian e Armenia sono invitati a Mosca per consultazioni su questi temi attraverso la mediazione del ministro degli Esteri russo ”, ha detto il servizio stampa.

5.

Kirghizistan

Il servizio stampa del Comitato statale per la sicurezza nazionale del Kirghizistan ha riferito che il dipartimento ha invitato i cittadini del paese a unirsi per stabilizzare la situazione socio-politica nel paese. Il ministero ha anche invitato i rappresentanti delle forze politiche «a sedersi al tavolo dei negoziati e raggiungere un consenso sulla rapida istituzione di istituzioni governative legittime». In precedenza, il presidente del Kirghizistan Sooronbai Jeenbekov ha anche invitato tutte le forze politiche del paese a non dividere la società. Ha dichiarato di essere pronto a lasciare la carica di presidente del Paese «dopo che i legittimi capi delle autorità esecutive saranno stati approvati e il Paese avrà intrapreso la via della legalità».

6.

Kirghizistan

Il servizio stampa del presidente del Kirghizistan ha riferito che il presidente del paese Sooronbai Jeenbekov ha firmato un decreto sull’introduzione dello stato di emergenza nel territorio di Bishkek dalle 20:00 (17:00 ora di Mosca) del 9 ottobre. «Introdurre lo stato di emergenza nel territorio della città di Bishkek della Repubblica del Kirghizistan per il periodo dalle 20:00 del 9 ottobre 2020 alle 08:00 del 21 ottobre 2020», si legge nel comunicato, pubblicato sul sito web del servizio stampa. Il vice ministro degli affari interni del Kirghizistan Almazbek Orozaliev è stato nominato comandante della capitale. È stato riferito che le truppe saranno inviate nella capitale del paese per proteggere la legge e l’ordine e sopprimere gli scontri armati.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terrorists in Syria are planning provocations Александра Донцова 1 Syria The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian […] Los rebeldes tienen intenciones de realizar las provocaciones en Siria Александра Донцова 1.Siria. El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Боевики в Сирии планируют провокации || Итоги дня 16.06.2021 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […] Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика Минувшие сутки прошли без обстрелов на линии соприкосновения между ДНР и Украиной. Об этом сегодня сообщили в Управлении Народной милиции Республики. «За прошедшие сутки нарушений режима […] Israel deployed the ’’Iron Dome’’ air defense systems across the country Александра Донцова 1 Syria The official representative of the Russian Foreign Ministry, Maria Zakharova, stated that a jihadist hotbed has formed in the north-east of Syria, next to a local American military base, from which the radicals are […] Israel desplegó los sistemas de defensa aérea llamados “Cúpula de Hierro” en todo el país Александра Донцова 1.Siria Maria Zakharova, la portavoz del Ministerio de Asuntos Exteriores de Rusia, declaró que se había formado un semillero yihadista en el noreste de Siria junto al contingente militar americano, del cual los radicales […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: