Bombardamenti in Nagorno-Karabakh

  
0

1.USA

La CNN ha riferito che il quartier generale della campagna del presidente degli Stati Uniti Donald Trump potrebbe intentare cause in relazione al conteggio dei voti negli stati dell’Arizona e del Nevada. In precedenza, il quartier generale di Trump ha intentato azioni legali chiedendo la sospensione dell’elaborazione delle schede elettorali negli stati di Georgia, Pennsylvania e Michigan. Il quartier generale ha anche detto che avrebbe richiesto un riconteggio in Wisconsin. La CNN, citando fonti, ha affermato che il quartier generale della campagna di Donald Trump è pronto a chiedere un riconteggio in Georgia se Trump perde in questo stato.

2. Nagorno-Karabakh

Il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa armeno Artsrun Ovannisyan ha detto sulla sua pagina Facebook che giovedì mattina le forze armate azere hanno sparato sulle città di Shushi e Martuni nel Nagorno-Karabakh. «La mattina presto, il nemico ha ripreso a bombardare gli insediamenti pacifici di Artsakh. In particolare, hanno sparato a Martuni e Shushi con armi pesanti», si legge nel messaggio.

3. Nagorno-Karabakh

Il ministero della Difesa azero ha negato le notizie sui bombardamenti degli insediamenti nella zona di combattimento del Karabakh. «Il messaggio della parte armena sulla presunta ripresa dei bombardamenti di Khojavend e Shushi da parte dell’esercito azero è assolutamente falso. Dichiariamo ancora una volta che l’esercito azero non sta bombardando insediamenti e infrastrutture civili», ha detto il servizio stampa del ministero della Difesa azero.

4.Armenia

Durante un briefing in parlamento, il ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan ha affermato che al momento non è previsto un incontro tra il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente azero Ilham Aliyev per i negoziati sulla soluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh. «Non posso dire che attualmente sia previsto un incontro tra Pashinyan e Aliyev», ha detto Mnatsakanyan.

5. Azerbaigian

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha dichiarato in un’intervista all’agenzia spagnola EFE che l’Armenia non ha fornito alcun dettaglio ai negoziati sul Nagorno-Karabakh. «Parlando di compromessi, l’Armenia non dice nulla di concreto, solo sull’autodeterminazione. Ma l’autodeterminazione non è un compromesso da parte loro», ha detto l’agenzia di stampa azera citando Aliyev. Secondo Aliyev, la parte armena dovrebbe essere più precisa nella sua posizione. Il presidente dell’Azerbaigian ha osservato che per questo motivo, sin dai primi giorni di scontri attivi, Baku ha chiesto all’Armenia un programma per il ritiro delle truppe dal Karabakh e dalle regioni circostanti. Il presidente dell’Azerbaigian ha anche dichiarato di non vedere alcun motivo per incontrare il primo ministro armeno Nikol Pashinyan. Secondo Aliyev, in due anni tutti gli incontri con Pashinyan, ad eccezione dei primi incontri, «si sono rivelati inutili e privi di significato».

6. Kosovo

Il presidente della repubblica non riconosciuta del Kosovo, Hashim Thaci, lascia l’incarico dopo che le accuse di crimini di guerra sono state confermate dal Tribunale speciale per il Kosovo dell’Aia. Lo ha riferito la società radiofonica e televisiva pubblica serba Radio e Televisione di Serbia. Thaci ha annunciato le sue dimissioni in una conferenza stampa a Pristina, osservando che il Tribunale speciale per il Kosovo all’Aia aveva confermato le accuse contro di lui. Thaci ha detto che si sarebbe dimesso per difendere la sovranità del Kosovo, ha anche invitato «le forze politiche a unirsi in modo che non ci sia crisi istituzionale». L’emittente ha affermato che, in seguito alla sua dichiarazione, Thaci si è arreso al personale della missione per lo stato di diritto dell’UE.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 24 ноября 2020 года Влад Николаев В Минобороны РФ сообщили, что большой противолодочный корабль «Адмирал Виноградов» остановил нарушение госграницы РФ эсминцем ВМС США «Джон Маккейн» в заливе Петра Великого. Инцидент произошёл в 06:17 мск. […] Les Etats-Unis sortent du traité Ciel ouvert Александра Донцова 1 Haut-Karabakh Le chef du service de génie du contingent militaire russe, le lieutenant-colonel Pavel Pautov informe que les sapeurs russes ont commencé le déminage humanitaire du terrain au Haut-Karabakh, qui fait partie de […] Rückzug der USA aus dem OH-Vertrag Александра Донцова 1. Berg-Karabach Der Leiter des Ingenieurdienstes des russischen Militärkontingents, Oberstleutnant Pawel Pautow, sagte, die Pioniere der russischen Streitkräfte hätten mit der humanitären Minenräumung des Gebiets in […] The US withdrawal from the Open Skies Treaty Александра Донцова 1 Nagorno-Karabakh The head of the engineering service of the Russian peacekeepers in Nagorno-Karabakh, Lieutenant-Colonel Pavel Pautov, stated that the Russian sappers had begun to demine the area in Nagorno-Karabakh, inside […] Ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sui cieli aperti Александра Донцова 1. Nagorno-Karabakh Il capo del servizio di ingegneria del contingente militare russo, il tenente colonnello Pavel Pautov, ha detto che gli zappatori delle forze armate russe avevano iniziato lo sminamento umanitario del […] La retirada de los EE.UU. del Tratado de Cielos Abiertos Александра Донцова 1.Nagorno-Karabaj. Pavel Pautov, el jefe de Servicios de Ingeniería del contingente militar ruso, informó que los zapadores de la Fuerza Armada rusa habían comenzado la remoción de minas humanitaria de la región en […]
Наверх Наверх