Esplosione ad Afrin siriano

  
0

1. Siria.

Nel centro della città siriana di Afrin, nella provincia di Aleppo, due persone sono state uccise nell’esplosione di una bomba, presumibilmente militanti delle forze armate dell’opposizione. Lo ha riferito Al Hadath. Secondo il canale, altri nove siriani sono rimasti feriti. Gli esplosivi montati su una motocicletta furono dispiegati nella via Mahmudiya vicino al quartier generale delle forze di opposizione.

2. Siria.

L’agenzia SANA ha riferito che un altro convoglio americano si è diretto dall’Iraq alla Siria. È stato riferito che 50 camion hanno attraversato il valico di frontiera di al-Walid e si sono diretti verso le basi statunitensi nella provincia di Hasake. Un convoglio con logistica e armi fu inviato per supportare le basi americane schierate nella provincia di Hasake. L’agenzia osserva che le basi statunitensi in Siria sono illegali.

3. Siria.

Il ministero della Difesa russo ha riferito che la Russia nella commissione per le violazioni della cessazione delle ostilità in Siria al giorno ha registrato una violazione, la parte turca ha registrato due violazioni. «La parte russa dell’ufficio di rappresentanza della commissione congiunta russo-turca per esaminare le questioni relative alle violazioni della cessazione delle ostilità, ha registrato un fatto dell’apertura del fuoco nella provincia di Idlib. La parte turca dell’ufficio di rappresentanza ha registrato due fatti relativi all’apertura del fuoco nella provincia di Latakia», afferma la nota. È stato anche riferito che il centro per la riconciliazione delle parti in guerra ha organizzato due azioni umanitarie nelle province di Raqqa e Hama.

4. Palestina.

Il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki ha dichiarato che la Palestina sarebbe pronta a riprendere i negoziati con Israele se il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu abbandonasse i piani per annettere territori in Cisgiordania e nella Valle del Giordano. Ha inoltre ribadito l’intenzione della Palestina di ritirarsi da tutti gli accordi con Israele qualora venissero fatti piani per annettere parte dei territori palestinesi. In precedenza, durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su un insediamento palestinese-israeliano, gli Stati Uniti e Israele hanno invitato la Palestina a non respingere il cosiddetto accordo del secolo su un insediamento in Medio Oriente, ma ad avviare negoziati sulla base di questo documento. Inoltre, durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il rappresentante permanente israeliano presso l’ONU Danny Danone ha affermato che Israele non vede la sua pretesa di essere un’annessione delle sue rivendicazioni nei territori palestinesi della Cisgiordania e della Valle del Giordano. «Se Israele decide di espandere la propria sovranità, lo farà in relazione a quei territori in cui ha sempre avuto rivendicazioni legittime e storiche», ha affermato il Rappresentante permanente israeliano. I paesi europei in seno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno dichiarato di essere pronti a cambiare le relazioni con Israele in caso di annessione dei territori palestinesi. I paesi hanno sostenuto la valutazione del segretario generale delle Nazioni Unite secondo cui l’annessione di qualsiasi territorio in Cisgiordania sarebbe contraria al diritto internazionale, violerebbe le risoluzioni della Carta delle Nazioni Unite e del Consiglio di sicurezza.

5. USA.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in una conferenza stampa congiunta con il presidente polacco Andrzej Duda alla Casa Bianca ha dichiarato che gli Stati Uniti trasferiranno parte delle loro truppe di stanza in Germania in Polonia. Allo stesso tempo, Trump ha detto che parte dell’esercito americano tornerà dalla Germania negli Stati Uniti, e alcuni andranno in Polonia. Il presidente polacco Andrzej Duda ha dichiarato che il suo paese è pronto ad accettare più soldati americani sul suo territorio.

6. Giappone

Il ministro della Difesa giapponese Taro Kono, nel corso di una riunione sulle questioni di sicurezza del partito liberale democratico al potere, ha dichiarato che le autorità giapponesi hanno deciso di annullare il piano di dispiegamento dei sistemi di difesa antimissile di fabbricazione americana Aegis Ashore nelle prefetture di Akita e Yamaguchi. Le parole del ministro sono citate da NHK. «Vista la situazione attuale nel Mar Cinese Orientale, dal punto di vista della politica di sicurezza, sarebbe inappropriato affidarsi solo alla difesa missilistica attraverso navi dotate di sistemi Aegis», ha affermato Kono. Il Ministro della Difesa ha anche sottolineato che la discussione su questo tema «sarà promossa attraverso uno scambio di opinioni tra il governo e il partito».

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 29 сентября 2020 года Влад Николаев Минобороны Армении сообщило, что боевые столкновения в Нагорном Карабахе продолжаются. Сообщается, что Армия обороны непризнанной Нагорно-Карабахской республики отразила несколько атак ВС Азербайджана. «По нескольким […] Новости на 16:00 29 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель председателя турецкой правящей Партии справедливости и развития Нуман Куртулмуш заявил, что нападение на Азербайджан равносильно агрессии против Турции. «Любая атака Армении на азербайджанскую деревню […] Новости на 12:00 29 сентября 2020 года Влад Николаев Представитель Минобороны Армении Арцрун Ованнисян сообщил, что вооруженные силы Азербайджана нанесли удар в армянском Варденисе не только по подразделениям армии, но и по мирному населению. Отмечается, что в результате ударов […] Главное на утро 29 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил, что боевики в идлибской зоне деэскалации планируют организовать провокации против правительственных войск […] Affrontements entre l’Arménie et l’Azerbaïdjan Александра Донцова 1 Azerbaïdjan La mobilisation militaire partielle a été déclarée en Azerbaïdjan dans le contexte de l’escalade du conflit au Haut-Karabakh. Un tel décret a été signé par le président de la république Ilham Aliyev, le document […] Kämpfe zwischen Armenien und Aserbaidschan Александра Донцова 1. Aserbaidschan In Aserbaidschan wurde vor dem Hintergrund der Verschärfung des Berg-Karabach-Konflikts eine teilweise Mobilisierung angekündigt. Die Verordnung wurde vom aserbaidschanischen Präsidenten Ilcham Alijew […]
Наверх Наверх