Esplosione nel siriano El Boseira

  
0

La SANA ha riferito che i terroristi dello Stato Islamico hanno fatto un’altra sortita nelle vicinanze di Deir ez-Zor nella Siria nord-orientale. A seguito dei bombardamenti sulla piazza del mercato di Al Boseira, i civili sono stati uccisi e feriti. La polizia dice che gli esplosivi sono stati montati su una delle moto. Il giornale Al Watan riferisce che le bande di ISIS hanno iniziato a penetrare sempre più nelle province dal deserto siriano, oltre a tendere un’imboscata all’autostrada tra Palmyra e Deir ez-Zor, lungo la quale si muovono le colonne dei trasporti militari. Le forze governative si stanno preparando per un’operazione per ripulire la zona di Deir ez-Zor da bande di terroristi. Per questo, i rinforzi dell’esercito vengono lanciati a nord-est del paese.

E nella continuazione dell’argomento. I terroristi del gruppo dello Stato Islamico hanno usato la pandemia di coronavirus per intensificare le loro operazioni nella Siria nord-orientale, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. «Registriamo che la situazione sta peggiorando in aree al di fuori del controllo del governo nel nord-est della Siria. Gli Ishiloviti hanno deciso di approfittare dell’epidemia di coronavirus. Hanno intensificato le loro sortite», ha detto. Zakharova ha affermato che dal 10 al 15 maggio i terroristi hanno lanciato più di 20 attacchi contro le forze curde, a seguito dei quali oltre 20 persone sono state uccise e circa 40 ferite. Anche sette Igiloviti sono fuggiti dal carcere nel campo degli sfollati interni El Khol. «Tutti questi fatti confermano ancora una volta che gli Stati Uniti che occupano lo Zaafrat e i loro alleati non si preoccupano della popolazione civile, del mantenimento della sicurezza e di altre questioni davvero importanti», ha sottolineato Zakharova.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il suo ritiro dal Trattato sui cieli aperti. Ha detto che il ritiro è dovuto al mancato rispetto del trattato da parte della Russia. Tuttavia, il presidente degli Stati Uniti ha osservato che questa è una buona occasione per raggiungere un nuovo accordo. Washington presenterà un avviso ufficiale di recesso dal Trattato sui cieli aperti il ​​22 maggio. Lo ha annunciato il segretario di Stato americano Michael Pompeo. La decisione entrerà in vigore tra sei mesi. Tuttavia, gli Stati Uniti possono riconsiderare le proprie azioni, «se la Federazione Russa tornerà al pieno rispetto di essa», ha affermato Pompeo. La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che «la parte russa ha rivendicazioni molto chiare e lungimiranti» contro gli Stati Uniti in merito all’attuazione del Trattato sui cieli aperti. Il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite Stefan Duzharrik ha dichiarato che la risoluzione degli accordi esistenti tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti sul controllo degli armamenti può portare a conseguenze pericolose, tra cui una corsa agli armamenti. Il quartier generale della NATO ha annunciato l’intenzione di tenere una riunione del Consiglio dell’Alleanza il 22 maggio.

Il maresciallo di campo dell’esercito nazionale libico Khalifa Haftar ha riferito di due droni turchi abbattuti. Il primo drone, di proprietà delle forze del governo di Accordo Nazionale, fu distrutto dai calcoli della difesa aerea dell’LNA quando provò ad attaccare le loro posizioni nell’area di Tarhun, a sud-est della capitale. Il canale televisivo Al Arabiya riferisce che un secondo drone è stato anche abbattuto nelle vicinanze della città dopo poche ore.

Il consigliere per la sicurezza nazionale presidenziale degli Stati Uniti Robert O’Brien su Fox News ha affermato che gli Stati Uniti terranno presto «importanti colloqui sul controllo degli armamenti» con la Russia. Quando gli è stato chiesto se Washington si sarebbe ritirata da START III, come è successo con il Trattato sui cieli aperti, O’Brien ha dichiarato di non considerare probabile uno scenario del genere. «Abbiamo messo insieme una squadra molto forte per i negoziati, il presidente ha scelto l’inviato per guidare questa squadra, questo è Marshall Billingsley, abbiamo persone del Ministero dell’Energia, del Ministero della Difesa e del Dipartimento di Stato, che si stanno preparando per i negoziati con la Russia. Condurremo negoziati sul controllo del nucleare armi. Crediamo che questo sia importante «, ha detto O’Brien. La riunione dell’inviato presidenziale americano per il controllo degli armamenti Marshall Billingsley e del viceministro degli esteri russo Sergei Ryabkov sul trattato START-3 avrà probabilmente luogo a Vienna. Questo è stato precedentemente riportato dal Wall Street Journal, citando una fonte dell’amministrazione statunitense.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Les forces armées de l’Ukraine ne cessent pas de pilonner le Donbass Александра Донцова Ce 19 mai des radicaux ukrainiens ont ouvert le feu contre le village d’Elenovka situé près du front. Une habitante civile a été blessée, une balle l’a touchée lors qu’elle attendait l’autobus à l’arrêt de bus. L’ambulance […] Ukrainische Streitkräfte hören nicht auf, Donbass zu beschießen Александра Донцова Am 19. Mai eröffneten ukrainische Kämpfer das Feuer auf das Frontdorf Elenowka. Infolge des Beschusses wurde eine Zivilistin verletzt. Eine Kugel traf sie hinten, während sie an der Bushaltestelle auf den Bus wartete. Ein […] Le forze armate ucraine non smettono di bombardare Donbass Александра Донцова Il 19 maggio, i militanti ucraini hanno aperto il fuoco nel villaggio in prima linea di Elenovka. A seguito del bombardamento, un civile è stato ferito. Il proiettile l`ha colpita alla schiena mentre aspettava l’autobus […] La Fuerza Armada de Ucrania sigue bombardeando Donbass Александра Донцова El 19 de mayo, los rebeldes ucranianos abrieron fuego contra el pueblo de primera línea de Elenovka. Como resultado del bombardeo, una mujer civil fue herida. Ella fue trasladada al hospital en la ciudad de Donetsk, donde […] Ukrainian forces continue the shelling of Donbass Александра Донцова On 19th of May, the Ukrainian troops shelled the front-line village of Yelenovka. As a result of the shelling a local woman was injured. A bullet hit her in the back when she was waiting for a bus at a bus stop. An ambulance […] Scontri ad Aleppo Александра Донцова Le forze armate americane, presenti alla base di At-Tanf in Siria, interagiscono attivamente con il gruppo terroristico dello Stato islamico (illecito nella Federazione Russa) e si considerano padroni della terra in cui si […] Des combats à Alep Александра Донцова Les militaires américains, présents sur la base d’At-Tanf en Syrie, interagissent activement avec le groupe terroriste de Daech (interdit en Russie) et se considèrent maîtres des terres sur lesquelles ils se trouvent, a […] Zusammenstöße in Aleppo Александра Донцова Das US-amerikanische Militär, das an der Basis At-Tanf in Syrien anwesend ist, interagiert aktiv mit der Terroristengruppe des Islamischen Staates (in der Russischen Föderation verboten) und betrachtet sich als Herren des […] Los enfrentamientos en Alepo Александра Донцова Abu Hamzi, ex comandante del grupo de los rebeldes que se habían huido de la base de At-Tanf situada en Siria y habían pasado bajo el control del ejército sirio, informó que las tropas americanas que se encontraban en la base […]
Наверх Наверх