Gli Stati Uniti considerano le sanzioni contro Ankara

  
0

1. USA-Turchia

Gli Stati Uniti non prevedono di imporre sanzioni economiche alla Turchia a causa della decisione di acquistare sistemi di difesa aerea S-400 dalla Federazione Russa. Lo ha affermato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Tuttavia, in seguito ha chiarito che gli Stati Uniti stanno ancora prendendo in considerazione le sanzioni contro Ankara, ma non c’è ancora una decisione su questo problema. In precedenza, gli Stati Uniti hanno ripetutamente minacciato la Turchia di imporre sanzioni economiche per l’acquisto del S-400, in conformità con la legge sulla lotta ai nemici dell’America attraverso le sanzioni (CAATSA). Le possibili contromisure di Washington includono la partecipazione di Ankara al programma F-35. In precedenza, il Pentagono ha affermato che entro il 2020 sarà completamente ridotto al minimo. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha definito il rifiuto degli Stati Uniti di fornire ad Ankara i caccia F-35 da lei acquistati come «rapina».

2. L’area dell’acqua dello stretto di Hormuz

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che la nave della Marina USA nello Stretto di Hormuz ha distrutto l’UAV iraniano che si è avvicinato, ha riferito Interfax, citando l’Associated Press. Secondo lui, l’UAV è stato abbattuto dalla nave d’assalto anfibia USS Boxer, mentre l’aereo continuava a muoversi verso la nave, ignorando gli avvertimenti. «Il drone è stato immediatamente distrutto», ha detto Trump. Ha aggiunto che l’aereo era a circa 900 metri dalla nave americana. Da parte sua, il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif dopo la dichiarazione degli Stati Uniti in merito al bombardamento del drone iraniano ha detto che Teheran non ha informazioni sulla perdita dell’UAV.

3. Danimarca

La Danimarca ha rilasciato un’autorizzazione per la posa del gasdotto norvegese Baltic Pipe per la fornitura di gas naturale in Polonia. L’agenzia danese per la protezione dell’ambiente ha rilasciato il primo permesso per la costruzione di un’uscita del gasdotto sulla costa orientale della Danimarca, riferisce TASS. Ora per la costruzione del gasdotto sarà necessario ottenere l’approvazione delle autorità danesi per la costruzione della sezione offshore nelle acque del paese. Il progetto Baltic Pipe dovrebbe collegare Norvegia, Danimarca e Polonia. Il gas norvegese attraverserà dapprima il fondo del Mare del Nord fino alla Danimarca, quindi dalla Danimarca lungo il fondo del Mar Baltico fino alla Polonia. La Polonia lo considera un’alternativa al gas russo alla stregua del gas naturale liquefatto acquistato negli Stati Uniti. Le autorità polacche intendono completare la sua costruzione entro il 1 ° ottobre 2022.

4. Gli Stati Uniti

La Guardia costiera americana ha bisogno di sei nuovi rompighiaccio per competere con la Russia nell’Artico. Questa opinione è stata espressa dal vice capo di questo servizio, il vice ammiraglio Daniel Abel, riferisce TASS. Ha detto che tre dei sei rompighiaccio saranno pesanti. Al momento, l’America ha solo il rompighiaccio Stella polare, che ha compiuto 40 anni. Il vice ammiraglio ha osservato che la Guardia costiera conta di far arrivare queste navi il prima possibile, dal momento che la Russia ha già sei basi nell’Artico e sei nuovi rompighiaccio. Gli Stati Uniti hanno in programma di iniziare la costruzione di sei nuovi rompighiaccio diventati noti nel giugno dello scorso anno. Poi il capo della Casa Bianca, Donald Trump, ha dichiarato alla cerimonia di cambiare il comandante della Guardia costiera che questo servizio avrebbe ricevuto il suo primo rompighiaccio pesante negli ultimi 40 anni circa.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Armes américaines en Syrie. Une nouvelle opération turque Александра Донцова 1. Syrie. Armes américaines en Syrie Les armes transférées par les forces américaines étaient utilisées par des radicaux contre l’armée turque en Syrie, a déclaré le contre-amiral Oleg Zhouravlev, chef du Centre russe […] US-Waffen in Syrien. Neue Operation der Türkei Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawlew, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass von US-Streitkräften übertragene Waffen von Rebellen gegen das türkische Militär in Syrien […] Armi statunitensi in Siria. La nuova operazione di Turchia Александра Донцова 1. Siria. Armi statunitensi in Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha affermato che le armi trasferite dalle forze statunitensi sono state […] Las armas americanas en Siria. Nueva operación de Turquía Александра Донцова 1. Siria. Las armas americanas en Siria. TASS con referencia a Oleg Zhuravlev, el jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informa que las armas que fueron transferidas por las fuerzas […] The US weaponry in Syria. Turkey’s new operation Александра Донцова 1 Syria — the US Weaponry in Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear-Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the weaponry, given by the US forces to the […] L’intervention de l’armée américaine à Idlib Александра Донцова 1 Irak-Syrie Une colonne de 50 véhicules militaires de l’armée américaine est parti d’Irak pour la Syrie, en dépit des déclarations du conseiller du président des Etats-Unis à la sécurité nationale Robert O’Brien que les […] Intervention der US-Armee in Idlib Александра Донцова 1. Irak – Syrien Ein Konvoi von US-Militärausrüstung, bestehend aus 50 Einheiten, fuhr vom Irak nach Syrien, obwohl der stellvertretende US-Präsident für nationale Sicherheit, Robert O’Brien, erklärte, die Vereinigten […] Intervento dell’esercito americano a Idlib Александра Донцова 1. Iraq-Siria Un convoglio di equipaggiamento militare americano, composto da 50 unità di equipaggiamento militare, è andato dall’Iraq alla Siria nonostante le dichiarazioni del vicepresidente della sicurezza nazionale […] La injerencia del ejército americano en Idlib Александра Донцова 1. Iraq y Siria El canal de televisión Sky News Arabia informa que Robert O’Brien, el asistente del presidente americano sobre asuntos de seguridad nacional, declaró que America no tenía intenciones de intervenir en la […]
Наверх Наверх