Gli Stati Uniti ritirano truppe dall’Arabia Saudita

  
0

1.

Arabia Saudita

Il Wall Street Journal, citando fonti del Pentagono, afferma che gli Stati Uniti stanno gradualmente eliminando la loro presenza militare in Arabia Saudita. Washington ridistribuirà quattro batterie di missili antiaerei Patriot, come La minaccia agli interessi strategici statunitensi rappresentata dall’Iran è diminuita. Secondo il giornale, gli Stati Uniti hanno già ritirato due squadroni da combattimento dal Medio Oriente e stanno richiamando diverse decine di militari dall’Arabia Saudita. Il Pentagono prenderà presto in considerazione la riduzione del numero di navi da guerra nel Golfo Persico. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ritiene importante prestare maggiore attenzione alla presenza militare cinese in Asia, afferma il giornale.

2.

USA-Siria

In una dichiarazione pubblicata nel database elettronico del registro federale degli Stati Uniti, è stato riferito che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha esteso il regime di sanzioni unilaterali contro la Siria per un altro anno. Rimangono in vigore misure restrittive, successivamente introdotte da Washington contro Damasco dal 2004 al 2012. Il documento afferma che la leadership siriana, guidata dal presidente Bashar al-Assad, permette «la violenza e la violazione dei diritti umani», che presumibilmente contribuiscono alla Russia e all’Iran. Gli Stati Uniti chiedono «il regime di Assad e i suoi sostenitori per fermare la loro brutale guerra, introdurre un cessate il fuoco in tutto il paese e garantire la consegna senza ostacoli di aiuti umanitari a tutti i siriani bisognosi», afferma la dichiarazione.

3.

Russia-Israele

Il servizio stampa del Cremlino ha riferito che il presidente russo Vladimir Putin ha avuto una conversazione telefonica con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, durante il quale le parti hanno discusso dello sviluppo della situazione in Siria. «Sono state sollevate le questioni reali dell’agenda bilaterale, nonché vari aspetti dello sviluppo della situazione in Siria», ha affermato la nota. Le parti hanno inoltre concordato una regolare interazione tra i dipartimenti competenti dei due paesi nell’ambito della ricerca e dello sviluppo di un vaccino contro il coronavirus. Il servizio stampa del Cremlino ha notato che Putin e Netanyahu sono convinti della necessità di preservare la verità storica della seconda guerra mondiale e si sono scambiati congratulazioni in occasione del 75 ° anniversario della Grande Vittoria. Il servizio stampa del Cremlino ha chiarito che la conversazione telefonica è stata avviata dalla parte israeliana.

4.

Russia-Italia

Il ministero della Difesa russo ha riferito che esperti militari russi, insieme alle truppe italiane, hanno completato la disinfezione delle pensioni per anziani e territori circostanti nella provincia di Brescia in Lombardia. Inoltre, in relazione al completamento dell’operazione umanitaria russa in Italia, i militari russi trasferirono agli italiani un ospedale da campo a Bergamo, che è stato distribuito da specialisti del Ministero della Difesa russo per fornire assistenza. Come aiuti umanitari, i dipartimenti dell’ospedale da campo furono trasferiti con attrezzature e proprietà mediche a tempo pieno. Le parole di gratitudine ai medici della Federazione Russa sono state espresse dai rappresentanti delle autorità della regione Lombardia, la città di Bergamo.

5.

Georgia-Ucraina

Il ministro degli esteri georgiano David Zalkaliani ha affermato che le autorità georgiane hanno deciso di richiamare l’ambasciatore di Kiev per consultazioni dopo la nomina dell’ex presidente Mikhail Saakashvili a capo del comitato esecutivo per la riforma dell’Ucraina. «La nomina di una persona come partner strategico che è stato condannato e ricercato in Georgia, è diventata la base per una decisione sul richiamo dell’ambasciatore georgiano in Ucraina Teimuraz Sharashenidze per consultazioni», ha detto il servizio stampa del ministero degli Esteri georgiano citando Zalkaliani. La Georgia non interromperà le relazioni diplomatiche con l’Ucraina a causa della nomina di Saakashvili a capo del comitato esecutivo per le riforme.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: