I talebani hanno attaccato l’esercito afgano

  
0

1.

Afghanistan

La televisione TOLOnews, citando un rappresentante del governatore della provincia di Tahar in Afghanistan, ha detto che 19 soldati dell’esercito afghano sono stati uccisi e altri cinque sono rimasti feriti durante un attacco da parte di militanti del movimento radicale talebano su postazioni governative lunedì notte in provincia di Tahar. Sabato scorso, i talebani hanno rilasciato 60 truppe afghane. Mohammad Sohail Shahin, portavoce dell’ufficio politico del Qatar del movimento radicale talibano, ha detto al TASS che i talebani continuano a insistere affinché i loro sostenitori vengano rilasciati sulla base di un accordo di pace con Stati Uniti senza precondizioni, e non sulla base del decreto del presidente dell’Afghanistan, Ashraf Ghani. I talebani inizieranno i negoziati tra gli afgani solo se tutti e 5.000 i prigionieri saranno rilasciati contemporaneamente o in un breve periodo di tempo «, ha detto il rappresentante dei talebani.

2.

Gli Stati Uniti

Il Seattle Times riferisce che a una manifestazione nella capitale dello stato di Washington, Olympia, hanno partecipato oltre 2 mila persone. I partecipanti al raduno hanno chiesto l’abolizione di misure restrittive e l’apertura parziale delle imprese: cliniche dentali, società di costruzioni, centri di vendita di automobili. Si sottolinea che i partecipanti all’evento non hanno rispettato le regole della distanza sociale. Solo alcuni dei partecipanti indossavano maschere, qualcuno portava i bambini. Secondo il giornale, tra i manifestanti c’erano sostenitori del Partito repubblicano. Uno di loro, Robert Sutherland, che rappresentava il collegio elettorale di Granite Falls, uno dei più colpiti dall’epidemia nello stato, arrivò a una manifestazione con una pistola e chiese la rivoluzione. Secondo lui, se le autorità adottano misure severe per garantire l’attuazione di misure restrittive, allora «vedranno cos’è la rivoluzione». Il governatore Jay Insley ha dichiarato di rispettare il diritto alla libertà di parola, ma tali eventi non influenzeranno le sue azioni nella lotta contro il coronavirus. Non si tratta della lotta politica, ma del mantenimento della salute di tutti i residenti dello stato, ha affermato il governatore.

3.

Canada

17 persone sono state uccise in una sparatoria nella provincia canadese della Nuova Scozia. Lo ha annunciato domenica la CBC, citando il commissario della polizia nazionale del paese, Brenda Lucky. Gabriel Worthman, 51 anni, ha aperto il fuoco sulle persone nella città di Portalik domenica notte, e poi in una serie di altri insediamenti nel raggio di 50 km dalla città. L’operazione di detenzione dell’autore del reato è durata 12 ore. È stato riferito che Worthman indossava un’uniforme della polizia e guidava in una macchina di pattuglia, ma non era un ufficiale delle forze dell’ordine. Un criminale è stato ucciso nella città di Anfield durante una sparatoria con la polizia. Un dipendente del Canada è morto in una sparatoria polizia reale, un altro poliziotto ferito. I motivi del criminale non sono ancora stati stabiliti. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha espresso le sue condoglianze alle famiglie e agli amici delle vittime.

4.

Gli Stati Uniti

Il quotidiano giapponese Sankei, citando il comando dell’aeronautica americana, ha riferito che le forze statunitensi hanno trasferito i bombardieri strategici B-52 dall’isola di Guam nell’Oceano Pacifico e li hanno trasferiti in una base nel Nord Dakota. Il giornale riporta che le basi su Guam erano nella zona di potenziale attacco da parte di missili cinesi a medio raggio. Pertanto, è stato deciso di rimuovere questi aerei da un potenziale attacco dalla Cina e di utilizzarli in modo più flessibile nei piani globali di Washington. Secondo la pubblicazione, il Pentagono non esclude un nuovo trasferimento temporaneo di tali aeromobili a Guam.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […] Flugzeugabsturz im Nordiran Александра Донцова 1. Libyen Der Chef der libyschen Regierung der Nationalen Übereinkunft, Fayiz as-Sarradsch, sagte auf der allgemeinen politischen Debatte der 75. Sitzung der UN-Generalversammlung, dass die Konfliktparteien in Libyen ohne den […]
Наверх Наверх