Il cessate il fuoco in Karabakh non viene rispettato

  
0

1. Nagorno-Karabakh

Il segretario stampa del Ministero della Difesa armeno dell’Armenia, Shushan Stepanyan, ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che lunedì mattina le Forze armate azere, violando l’accordo raggiunto sul regime di cessate il fuoco, hanno sparato sulle posizioni dell’esercito di difesa della repubblica del Nagorno Karabakh non riconosciuta nella sezione nord-orientale della linea di contatto.

Il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha anche annunciato lunedì di bombardamenti di artiglieria da parte armena delle unità delle forze armate della repubblica cinque minuti dopo l’entrata in vigore del nuovo cessate il fuoco. È stato anche riferito di bombardamenti di artiglieria della città di Terter e dei villaggi nella regione di Terter intorno al Nagorno Karabakh.

In precedenza, in una dichiarazione congiunta di Stati Uniti, Armenia e Azerbaigian, rilasciata domenica dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, è stato riferito che un cessate il fuoco umanitario tra Baku e Yerevan entrerà in vigore alle 08:00 ora locale del 26 ottobre. Il 24 ottobre, il ministro degli Esteri armeno Zohrab Mnatsakanyan e il ministro degli Esteri azero Jeyhun Bayramov, in un incontro con il vice segretario di Stato americano Stephen Bigan, hanno riaffermato l’impegno dei loro paesi ad attuare e aderire al cessate il fuoco umanitario concordato a Mosca il 10 ottobre.

2. Armenia

Shushan Stepanyan, portavoce del ministero della Difesa armeno, ha riferito su Facebook che l’Armenia aderisce rigorosamente al cessate il fuoco umanitario in Karabakh. «Le dichiarazioni dell’Azerbaigian secondo cui la parte armena avrebbe violato il cessate il fuoco umanitario non corrispondono alla realtà e sono apertamente provocatorie», ha detto Stepanyan. Secondo l’addetto stampa, il ministero della Difesa armeno attribuisce importanza alla rapida introduzione di parametri chiari per l’osservanza del regime di cessate il fuoco, l’inizio del processo di scambio di prigionieri di guerra e di altre persone detenute, nonché i corpi dei morti.

3. Nagorno Karabakh

Il servizio statale di emergenza della repubblica non riconosciuta del Nagorno Karabakh ha riferito sulla sua pagina Facebook dell’uso dell’aviazione militare da parte delle forze armate azerbaigiane nella città del Karabakh di Martuni. «Anche la parte azera ha violato il cessate il fuoco negli insediamenti pacifici. Il nemico ha utilizzato l’aviazione militare contro la città di Martuni, violando gravemente un cessate il fuoco umanitario», dice il messaggio. A sua volta, il ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha smentito le dichiarazioni di Yerevan sull’uso dell’aviazione militare da parte di Baku in Karabakh.

4. Azerbaigian

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev nel suo discorso alla nazione, trasmesso dal canale di stato AzTV, ha affermato di non escludere la possibilità di utilizzare caccia F-16 turchi in caso di aggressione esterna contro l’Azerbaigian. Aliyev ha detto che i combattenti turchi sono arrivati ​​in Azerbaigian per partecipare alle esercitazioni e sono rimasti indietro quando è scoppiata la guerra per ottenere sostegno morale. Aliyev ha sottolineato che gli F-16 turchi sono a terra. Il Presidente dell’Azerbaigian ha inoltre espresso l’opinione che tutte le attività del Gruppo di Minsk dell’OSCE siano volte a salvare l’Armenia. Il presidente dell’Azerbaigian ha anche affermato che oggi «il terzo cessate il fuoco è già entrato in vigore, ma in pochi minuti la parte armena l’ha violato bombardando la regione di Terter». Aliyev ha sottolineato che «ha dato istruzioni che l’esercito azero dovrebbe comportarsi con moderazione e non soccombere alle provocazioni».

5. Russia

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato in un’intervista all’agenzia di stampa macedone di Atene che la Russia non consente una soluzione militare al conflitto sul Nagorno Karabakh. Parlando del coinvolgimento della Turchia nei conflitti in Nagorno Karabakh, Siria e Libia, Lavrov ha sottolineato che gli approcci di Mosca e Ankara «alla risoluzione di una serie di questioni regionali controverse per ragioni oggettive possono e differiscono in modo significativo». Lavrov ha ricordato che i presidenti di Russia, Stati Uniti e Francia, in qualità di leader — presidenti del Gruppo OSCE di Minsk, si sono espressi a favore di una soluzione esclusivamente politica. Lavrov ha detto che Mosca sta convincendo «i partner turchi dell’opportunità di usare la loro influenza nell’interesse di sostenere una tale linea». Lavrov ha anche sottolineato che Mosca chiede a «tutti gli attori esterni di fare di tutto per impedire l’ulteriore scioglimento dello scenario militare, per raffreddare le emozioni delle parti, per intensificare i lavori per creare le condizioni per il riavvio del processo di pace».

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

итоги дняновостисобытия за сутки
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Israel atacó las instalaciones militares de HAMAS Александра Донцова El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Israel attacked Hamas military targets Александра Донцова The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian government […] Idlib was attacked with MLRS Александра Донцова 1 Syria Terrorists from the south of Idlib shelled the village of Jurin in the province of Hama. The village is under protection of the government troops. The Syrian mass media reported that the terrorists used MRLS. There […] Идлиб обстрелян из РСЗО || Итоги дня 18.06.2021 Влад Николаев Боевики, которые базируются на юге Идлиба, обстреляли посёлок Джурин в провинции Хама. Поселок находится под защитой правительственных войск. Сирийские СМИ сообщают, что огонь велся из реактивных систем залпового огня. […] Military base of Turkey in Azerbaijan Александра Донцова 1 Armenia — Russia The press service of the Armenian Defense Ministry reported that during the recent telephone conversations, the heads of the Armenian and Russian Defense Ministries, Vagharshak Harutyunyan and Sergei […] Idlib fue disparado del sistema múltiple de lanzamisiles Александра Донцова 1.Siria Los medios de comunicación sirios informan que los rebeldes que tienen su base en el sur de Idlib, bombardearon el pueblo de Jurin en la provincia de Hama, que está bajo la protección de las fuerzas gubernamentales, […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: