Il Regno Unito ha sostenuto lo scioglimento dell’INF

  
0

Il portavoce della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha criticato la decisione di Trump di sospendere il Trattato INF, affermando che, nonostante il fatto che la Russia abbia violato l’INF, il rifiuto da parte degli Stati Uniti di creare «rischi inaccettabili». «L’amministrazione Trump crea il rischio di una corsa agli armamenti e mina la sicurezza e la stabilità internazionali», ha detto Pelosi in una dichiarazione scritta, che è il terzo posto più importante nella gerarchia di stato degli Stati Uniti. L’oratore ha esortato la Casa Bianca a «esaurire tutti gli sforzi diplomatici e lavorare a stretto contatto con gli alleati della NATO», in modo che gli Stati Uniti non siano trascinati in una «pericolosa corsa agli armamenti» e «scelga la strategia giusta» per garantire la sicurezza degli Stati Uniti. «Dobbiamo essere forti e intelligenti», ha detto.

La polizia dell’Irlanda del Nord ha riferito delle riprese nella città di Londonderry, a seguito dello stato di emergenza ci sono vittime. Le riprese si sono svolte nell’area di Ballymagroarti, riferisce TASS. Secondo il quotidiano Belfast Telegraph, due persone sono rimaste ferite e sono state portate in ospedale. La pubblicazione riporta che venerdì sera in due parti diverse di Londonderry sono stati registrati due incidenti di tiro. Ricordiamo, il 19 gennaio, un’auto è esplosa vicino al tribunale di Londonderry. La responsabilità dell’esplosione ha preso il posto del gruppo, che è chiamato l’esercito repubblicano irlandese, che ha fermato le attività terroristiche 20 anni fa.

Il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, commentando la decisione degli Stati Uniti di sospendere il rispetto degli obblighi del Comitato INF, ha dichiarato che l’alleanza non ha piani per trasferire missili nucleari a terra in Europa. «La NATO non ha intenzione di schierare armi nucleari a terra in Europa», ha affermato Stoltenberg. «Non dovremmo rispecchiare le azioni della Russia», ha aggiunto il Segretario Generale dell’Alleanza. «Ma allo stesso tempo, dobbiamo garantire che abbiamo mezzi di deterrenza affidabili ed efficaci». Stoltenberg ha anche aggiunto che l’Alleanza del Nord Atlantico sta studiando le conseguenze della violazione del trattato INF, di cui la NATO accusa la Russia.

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha deciso di vietare ai suoi dipendenti e scienziati di partecipare a programmi mirati ad attrarre personale di talento sponsorizzato dalle autorità di Cina, Russia, Iran e Corea del Nord e diversi altri paesi, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal sabato con riferimento al Vice Ministro Dan Brulett. Brulett ha detto che il divieto è stato imposto per «proteggere gli interessi nazionali degli Stati Uniti nel campo della sicurezza e della scienza». Il divieto si applica ai dipendenti del dipartimento, agli scienziati a contratto e ai potenziali beneficiari delle borse del Ministero. Inoltre, non potranno viaggiare su invito per eventi rilevanti o condividere la loro esperienza e conoscenza con i colleghi dei paesi summenzionati, i rapporti di pubblicazione. Il divieto è stato avviato in conformità con la politica dell’amministrazione del presidente Donald Trump, volta a rafforzare l’opposizione al furto della tecnologia e della proprietà intellettuale americane.

Il ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt ha espresso piena solidarietà alla decisione degli Stati Uniti di sospendere l’attuazione del Comitato INF, annunciato venerdì dal Segretario di Stato Michael Pompeo, riferisce il fatto quotidiano. Ha anche aggiunto che se la Russia non cambierà il suo corso di azione in sei mesi, la responsabilità di porre fine al trattato baserà su di essa. «Sono pienamente d’accordo con la decisione degli Stati Uniti. La Russia ha l’opportunità di scegliere un percorso diverso per i prossimi sei mesi, ma se Mosca deciderà di continuare a minare il sistema internazionale basato sulle regole, allora sarà chiaro al Regno Unito e ai suoi alleati che solo la Russia è responsabile della cessazione dell’esistenza del Trattato INF «, ha scritto Hunt.

 

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La Turquie a attaqué l’armée syrienne Александра Донцова 1.Syrie La ville syrienne de Jablé, qui se trouve à proximité du port maritime de Lattaquié, a été attaquée, rapporte la chaîne de télévision gouvernementale Surya. Les systèmes de défense aérienne de la Syrie ont repoussé […] Türkei griff syrische Armee an Александра Донцова 1. Syrien Die syrische Stadt Dschabla, die sich in der Nähe des Hafens von Latakia befindet, wurde angegriffen. Es wird vom staatlichen Fernsehsender Surya berichtet. Syriens Luftverteidigungssysteme wehrten die Angriffe auf […] La Turchia ha attaccato l’esercito siriano Александра Донцова 1. Siria La città siriana di Jeble, che si trova nelle vicinanze del porto marittimo di Latakia, è stata attaccata. Lo riporta il canale televisivo governativo Surya. I sistemi di difesa aerea della Siria hanno respinto gli […] Turquía atacó al ejército sirio Александра Донцова 1.Siria El canal de televisión Surya informa que la ciudad siria de Jabla, que se encuentra cerca del puerto marítimo de Latakia y la base aérea rusa de Khmeimim, fue atacaфda. Los sistemas de defensa aérea de Siria […] Turkey attacked the Syrian army Александра Донцова 1 Syria The Syrian city of Jebla, located near the seaport of Latakia, was attacked — the government TV channel «Surya» reports. The Syrian air defense systems repelled attacks around the city. Jebla is […] Armes américaines en Syrie. Une nouvelle opération turque Александра Донцова 1. Syrie. Armes américaines en Syrie Les armes transférées par les forces américaines étaient utilisées par des radicaux contre l’armée turque en Syrie, a déclaré le contre-amiral Oleg Zhouravlev, chef du Centre russe […] US-Waffen in Syrien. Neue Operation der Türkei Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawlew, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass von US-Streitkräften übertragene Waffen von Rebellen gegen das türkische Militär in Syrien […] Armi statunitensi in Siria. La nuova operazione di Turchia Александра Донцова 1. Siria. Armi statunitensi in Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha affermato che le armi trasferite dalle forze statunitensi sono state […] Las armas americanas en Siria. Nueva operación de Turquía Александра Донцова 1. Siria. Las armas americanas en Siria. TASS con referencia a Oleg Zhuravlev, el jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informa que las armas que fueron transferidas por las fuerzas […]
Наверх Наверх