Invito a tregua in Libia

  
0

1. Siria — ONU

António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha condannato l’esplosione nella città siriana di Afrin ed ha espresso sentite condoglianze alle famiglie delle vittime. Questo è dichiarato nella dichiarazione, che è pubblicata sul sito web dell’organizzazione. Guterres ha chiesto un «cessate il fuoco completo e immediato in Siria al fine di compiere uno sforzo globale per combattere» la diffusione del coronavirus. «Coloro che violano il diritto internazionale umanitario e i diritti umani dovrebbero essere ritenuti responsabili», ha anche affermato la dichiarazione del Segretario Generale.

2. Libia

Il portavoce dell’esercito nazionale libaanese, il maggiore generale Ahmed al-Mismari, ha affermato che «in risposta alla chiamata dei paesi amici, il comando generale» del maresciallo dell’esercito nazionale libico Khalifa Haftar cessa le ostilità nel paese, ma si riserva il diritto di rispondere agli attacchi. Le parole di al-Mismari sono citate da Al Hadath. Ha anche detto che presto l’esercito nazionale libico svelerà la road map per il periodo di transizione nel paese. «Entro pochi giorni, verrà annunciata una tabella di marcia per il periodo di transizione, che sarà guidata dal maresciallo di campo Haftar. Include anche l’adozione di una nuova dichiarazione costituzionale», ha detto al-Mismari. In precedenza, l’esercito nazionale libico ha annunciato che prende il controllo dello stato. Questa decisione è stata accettata negativamente dalla maggior parte degli stati.

3. Russia — Libia

Una dichiarazione diffusa del ministero degli Esteri russo afferma che la Russia sostiene le richieste di un cessate il fuoco umanitario in Libia in connessione con l’inizio del mese sacro del Ramadan per i musulmani. Un messaggio del Ministero degli Esteri russo è stato distribuito dopo una conversazione telefonica tra il Rappresentante speciale del Presidente della Federazione Russa per il Medio Oriente e i paesi africani, il Vice Ministro degli Esteri Mikhail Bogdanov e il Ministro degli Esteri del gabinetto dei ministri temporanei che operano nella Libia orientale, Abdelhadi al-Khwajdzh. Le parti si sono inoltre scambiate opinioni sull’ultimo sviluppo della situazione militare-politica e umanitaria in Libia. La Russia ha ribadito la sua posizione, sottolineando di favorire la risoluzione di «questioni urgenti nell’agenda libica da parte degli stessi libici sui percorsi del dialogo inclusivo con l’assistenza delle Nazioni Unite». «Allo stesso tempo, è stato espresso il sostegno per le chiamate fatte in Libia per una tregua umanitaria in connessione con l’inizio del mese sacro del Ramadan per i musulmani», ha detto il ministero degli Esteri russo.

4. USA — Iran

Il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha dichiarato a Fox News che Washington non sarebbe tornata al Piano d’azione globale congiunto dell’Iran per il programma nucleare, ma intendeva impedire che vendesse armi dopo la fine dell’embargo sulle armi. «Il presidente Trump intende utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione in modo che gli iraniani non abbiano armi più convenzionali», ha assicurato Pompeo. Ha sottolineato che gli Stati Uniti intendono agire principalmente attraverso le Nazioni Unite e nel campo della diplomazia. Domenica scorsa, il New York Times ha riferito che gli Stati Uniti intendono provare a convincere il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad adottare un progetto di risoluzione per mantenere l’embargo sulle armi contro l’Iran basato sul piano d’azione congiunto globale.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: