Kiev può riprendere la comunicazione ferroviaria con Donbass

  
0

1.Ucraina

Il ministro degli affari esteri ucraino Vadim Pristayko ha dichiarato di non escludere la ripresa della comunicazione ferroviaria con i territori del Donbass nell’ambito dell’apertura di nuovi posti di blocco. «Non escludo il traffico passeggeri o merci. Abbiamo molto lavoro da fare per ripristinare questo messaggio», ha dichiarato Pristayko in un’intervista a UNIAN.

2.Donbass

Il ministro degli Esteri di RPD, Natalya Nikonorova, ha dichiarato che in una riunione del gruppo di contatto sul Donbass a Minsk il 18 dicembre, il PRD prevede di proseguire con la discussione degli emendamenti alla legislazione ucraina. Nikonorov ha sottolineato che gli emendamenti costituzionali unilaterali al RPD e al RPL che «non possono essere riconosciuti come l’attuazione di una serie di misure e costituiscono una violazione diretta e flagrante degli accordi».

3.Francia

Il quotidiano francese Le Figaro riferisce che Parigi lunedì continua a scioperare contro la riforma delle pensioni. A seguito degli scioperi, si sono formati ingorghi per una lunghezza totale di oltre 600 chilometri, sono state chiuse otto linee della metropolitana di Parigi e anche il traffico sulle ferrovie è stato disturbato. Manifestazioni di protesta in tutta la Francia per quasi due settimane, nonostante una dichiarazione rilasciata dal Primo Ministro Edouard Philippe sulla disponibilità per un certo allentamento della riforma delle pensioni.

4.Siria

Il presidente siriano Bashar al-Assad, in un’intervista al canale televisivo cinese Phoenix, ha accusato gli Stati Uniti di vendere la parte turca del petrolio catturato nei campi siriani. Assad ha osservato che prima gli stessi depositi sono stati sequestrati dai terroristi Jebhat al-Nusra, e poi dallo Stato islamico (le organizzazioni terroristiche illecite nella Federazione Russa). “E ora gli Stati Uniti rubano petrolio e lo vendono in Turchia. La Turchia è complice «, ha detto Bashar al-Assad. Il presidente siriano ritiene inoltre che ci siano diverse migliaia di truppe statunitensi in Siria, non centinaia, secondo gli Stati Uniti.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: