L’Azerbaigian e l’Armenia si sono scambiati prigionieri

  
0

1.

Azerbaigian-Armenia

Lunedì l’Azerbaigian e l’Armenia hanno tenuto uno scambio reciproco di prigionieri e ostaggi. Il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha affermato che i negoziati sullo scambio di prigionieri sono stati condotti personalmente dal comandante delle forze di pace russe in Nagorno-Karabakh, il tenente generale Rustam Muradov. Si segnala che a seguito degli accordi raggiunti, 12 prigionieri di guerra sono stati rimpatriati in Azerbaigian, 44 in Armenia. Konashenkov ha osservato che il comandante del contingente di mantenimento della pace russo li ha portati a casa rispettivamente a Baku e Yerevan su un aereo delle forze aerospaziali russe. La Commissione statale dell’Azerbaigian per i prigionieri di guerra, gli ostaggi e i cittadini scomparsi ha riferito che i cittadini azeri che erano stati tenuti prigionieri e in ostaggio, tra cui Shahbaz Guliyev e Dilgam Asgarov, che erano detenuti dalla parte armena dal 2014, sono stati portati a Baku in aereo lunedì pomeriggio. «Dopo aver eseguito le opportune misure di quarantena, le persone rilasciate saranno riunite alle loro famiglie», ha osservato il dipartimento. Il vice primo ministro dell’Armenia Tigran Avinyan ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che in questa fase stanno tornando quei cittadini la cui prigionia è stata confermata dai rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa e dell’Azerbaigian. Avinyan ha sottolineato che il processo di ricerca delle persone scomparse e di rimpatrio di altri compatrioti che potrebbero essere in cattività sta continuando.

2.

Iran

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha affermato che l’Iran è pronto ad attuare pienamente il piano d’azione globale congiunto. Lo ha detto il presidente iraniano alla conferenza stampa annuale, che si è svolta lunedì. Il presidente iraniano ha confermato la posizione precedentemente espressa secondo cui se il presidente eletto degli Stati Uniti «Joseph Biden tornerà alla situazione prima del 2018, allora Teheran tornerà alla piena attuazione delle disposizioni dell’accordo nucleare». Ricordiamo che Washington si è ritirata dal PACG nel maggio 2018. Il presidente iraniano ha anche sottolineato che l’Iran può tornare al JCPOA senza la partecipazione degli Stati Uniti. Secondo Rouhani, «il governo iraniano tornerà immediatamente alla piena attuazione delle disposizioni dell’accordo nucleare» non appena le altre parti dell’accordo (Russia, Cina, Germania, Gran Bretagna e Francia) cominceranno ad adempiere pienamente ai loro obblighi.

3.

USA-Turchia

Lunedì gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro l’Autorità turca dell’industria della difesa, il suo capo Ismail Demir e altri tre cittadini della repubblica in base alla legge «Contro gli avversari americani attraverso le sanzioni». Lo ha riferito il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Le sanzioni sono state imposte a causa dell’acquisto da parte di Ankara di sistemi missilistici antiaerei russi S-400. Il segretario di Stato Mike Pompeo ha detto che gli Stati Uniti «non tollereranno transazioni significative con i settori della difesa e dell’intelligence della Russia». Pompeo ha invitato la Turchia a risolvere «immediatamente» il «problema S-400» in coordinamento con gli Stati Uniti. Il ministero degli Esteri turco ha detto che Ankara risponderà alle sanzioni imposte. Il ministero degli Esteri ha aggiunto che «la Turchia, a sua discrezione, farà i passi necessari contro una decisione che inevitabilmente inciderà negativamente sui rapporti» tra Ankara e Washington. «La Turchia inoltre non si asterrà dall’adottare le misure che ritiene necessarie per garantire la propria sicurezza nazionale … La Turchia è pronta a risolvere la questione in uno spirito di alleanza attraverso il dialogo e la diplomazia», ​​ha detto in una nota il ministero degli Esteri turco.

4.

Afghanistan

Il canale televisivo afghano TOLOnews ha riferito che un gruppo di uomini armati non identificati ha attaccato un checkpoint nel distretto di Bagram, nella provincia di Kabul, nell’Afghanistan orientale. Secondo quanto riferito, un agente delle forze dell’ordine è morto e altri due sono rimasti feriti. Non vengono fornite informazioni sulla condizione delle vittime. Ad oggi, nessun gruppo terroristico ha rivendicato l’attacco. Il canale 1TV ha anche riferito su Twitter che un’esplosione di una bomba magnetica nella regione di Macrorian Char di Kabul ha ucciso il vice governatore della provincia della capitale e il suo segretario.

5.

Belgio (paesi membri della NATO)

Gli stati membri della NATO non sono d’accordo con il Trattato sul divieto delle armi nucleari. Lo afferma il comunicato dell’Alleanza del Nord Atlantico, diffuso martedì a Bruxelles. Secondo la NATO, il documento contraddice l’attuale architettura del disarmo. «Riaffermiamo il nostro impegno a mantenere e rafforzare il controllo degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione. Mentre il Trattato sul divieto delle armi nucleari, o Trattato sul divieto, si avvicina all’entrata in vigore, dichiariamo collettivamente il nostro disaccordo con esso, poiché non riflette sempre più ambiente di sicurezza internazionale complesso e contraddice l’architettura esistente di non proliferazione e disarmo «, ha detto in una dichiarazione. Sottolinea inoltre che «il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari rimane l’unico percorso affidabile per il disarmo nucleare».

6.

Ucraina

La Verkhovna Rada ha prorogato di un anno l’effetto della legge ucraina su una procedura speciale per l’autogoverno locale in alcune zone delle regioni di Lugansk e Donetsk. La legge sarà valida fino al 31 dicembre 2021. «Il disegno di legge estende per un anno la possibilità di introdurre temporaneamente un ordine speciale di autogoverno locale in alcune aree delle regioni di Donetsk e Lugansk, stabilito dall’articolo uno della Legge dell’Ucraina «Su una procedura speciale per l’autogoverno locale in alcune aree delle regioni di Donetsk e Lugansk», si legge nella nota esplicativa del documento. Non sono state apportate modifiche alla legge.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дня. новости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Une destitution est préparée à Biden juste après son investiture Александра Донцова C’est une émission spéciale d’ANNA News. Je suis Ivan Ignatiev. Aujourd’hui on parle d’une intention de destituer Biden juste après son investiture. La membre du Congrès Marjorie Taylor Greene a promis de publier une demande […] Amtsenthebungsverfahren gegen Biden wird kurz nach seiner Amtseinführung eingeleitet Александра Донцова Dies sind Sondernachrichten von ANNA News. Ich bin Valeria Ochotina und heute spreche ich darüber, dass gegen Biden kurz nach seiner Amtseinführung ein Amtsenthebungsverfahren eingeleitet wird. Die Kongressabgeordnete […] Biden verrà messo sotto accusa subito dopo l’inaugurazione Александра Донцова È in onda un’edizione speciale di ANNA News. Con voi Maria Kayumova. Oggi parleremo dell’impeachment in preparazione per Biden subito dopo l’inaugurazione. La deputata georgiana Marjorie Taylor Green si è impegnata a […] Se prevé la destitución de Biden después de su inauguración Александра Донцова 1.Buenos días, en el aire estoy yo, Svetlana Borónina, voy a presentarles noticas especiales de ANNA News. Hoy hablaremos de la destitución posible de Biden después de su inauguración. 2.Marjorie Taylor Greene, la congresista […] An impeachment is being prepared for Biden immediately after his inauguration Александра Донцова This is a special program from the ’ANNA News’. I am Constantine Reztsov. Today we will talk about the impeachment for Joe Biden that is being planned right after his inauguration. A congresswoman from Georgia, Marjorie […] Israël porte des frappes en Syrie Александра Донцова Mercredi, la Diplomatie syrienne a adressé un message au Conseil de sécurité de l’ONU disant que des avions israéliens ont réalisé une attaque perfide contre les villes syriennes de Deir-ez-Zor et d’Al-Boukemal en profitant […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: