L`edizione speciale da ANNA NEWS

  
0

È in onda un’edizione speciale di ANNA News. E con voi Maria Kayumova. Oggi parleremo del fatto che l’Unione Europea e gli Stati Uniti imporranno sanzioni contro la Turchia.

Secondo Reuters, i capi di Stato e governo che hanno partecipato alla riunione del Consiglio europeo a Bruxelles giovedì hanno approvato un piano per imporre sanzioni limitate ai cittadini e alle società turche coinvolte nell’esplorazione petrolifera al largo di Cipro. A sua volta, la Casa Bianca intende imporre sanzioni alla Turchia per i sistemi di difesa missilistica russi S-400 acquisiti.

Tuttavia, giovedì, i leader dei paesi partecipanti hanno deciso di non imporre restrizioni più severe. E rinviare la decisione finale sulle «sanzioni di massima» a marzo. Nel frattempo, il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, deve fornire uno scenario per lo sviluppo delle relazioni tra Unione europea e Turchia per il futuro. «Prima dell’introduzione delle sanzioni contro l’economia turca, i membri dell’UE vogliono concedere ancora una volta il tempo diplomatico», riferisce AFP. Come rilevato dall’agenzia francese, la Grecia e la Francia sono state deluse da questa decisione. Parigi era dell’opinione che fossero necessari passi decisivi in ​​relazione alle azioni destabilizzanti della Turchia nel Mediterraneo. Anche la Grecia si aspettava sanzioni più severe, secondo Reuters.

La dichiarazione afferma anche che «l’Unione europea intende coordinare i suoi passi in relazione alle azioni della Turchia nel Mediterraneo con gli Stati Uniti».

La Casa Bianca è prossima a imporre sanzioni alla Turchia in relazione all’acquisto da parte di Ankara dei sistemi missilistici S-400 russi e alle politiche del paese in Siria e Libia.

Le autorità statunitensi dovrebbero annunciare formalmente le sanzioni in un secondo momento. Secondo quanto riferito, Ismail Demir, capo dell’industria della difesa del ministero della Difesa turco, dovrebbe rientrare nelle restrizioni.

Il Dipartimento di Stato americano sottolinea che le sanzioni contro la Turchia, un alleato americano della NATO, arriveranno dopo una serie di avvertimenti.

La lira turca ha già reagito con indebolimento alle notizie da Washington. Questa mossa delle autorità statunitensi è stata criticata da Ankara.

“Le sanzioni non raggiungeranno il loro obiettivo e saranno controproducenti. Rovineranno solo i rapporti ”, ha detto a Reuters un alto funzionario anonimo del governo turco.

Gli Stati Uniti si sono opposti fin dall’inizio all’acquisto del sistema S-400. Gli esperti americani ritengono che i radar installati sugli armamenti russi impareranno a rilevare e tracciare i caccia F-35, il che renderà discutibile la loro impercettibilità. La NATO è anche contraria all’accordo della Turchia con la Russia, i cui comandanti affermano che le armi russe sono incompatibili con i sistemi militari dell’Alleanza.

Le sanzioni saranno imposte poco più di un mese prima che il democratico Joe Biden possa assumere la carica di presidente degli Stati Uniti. Tuttavia, il suo entourage promette un inasprimento del percorso verso Ankara.

L’agenzia ANNA News monitora gli eventi nel paese e nel mondo. Restate con noi.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.


Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: