L`edizione speciale di ANNA NEWS

  
0

È in onda un’edizione speciale di ANNA News. Con voi Maria Kayumova. E oggi parleremo della lotta per la verità.

Il 1° dicembre, il centro stampa di “Russia Today” ha ospitato una tavola rotonda “Il mondo a due colori: la lotta per la verità”. I partecipanti hanno discusso le modalità di reazione dei media nazionali alla lotta contro di loro da parte delle piattaforme globali occidentali.

Alla discussione hanno partecipato inoltre il caporedattore di ANNA News, Anatoly Matviychuk e l’osservatore militare Akim Apachev.

«Il 2020 è stato caratterizzato da un’attività folle su YouTube. Qualcosa è successo, qualcosa è andato storto e quindi hanno intensificato le loro attività. È in corso una guerra dell’informazione, infatti è già iniziata. In Russia, circa 200 canali sono stati disattivati ​​in un anno: questo è Tsargrad, Newsfront, FAN e così via. In Cina, circa 1000 canali sono stati disconnessi, in Iran — circa 50. Il numero totale di abbonati ai canali russi bloccati è di circa 10 milioni di utenti registrati, e ci sono 44 milioni di utenti [russi] registrati su tutto YouTube «, ha detto Apachev.

Cioè, infatti, YouTube ha disabilitato l’accesso a un quarto degli utenti russi alla possibilità di ricevere informazioni. «La censura diretta si sta svolgendo qui — non so come chiamarla diversamente», ha sottolineato Akim.

Konstantin Malofeev, fondatore del canale televisivo Tsargrad, propone di rafforzare seriamente il sostegno del governo alle società IT russe con concorrenti americani e cinesi.

“Dobbiamo capire che Mail.ru e Yandex, le nostre due società più grandi, sono società molto piccole rispetto ai giganti americani, che costano trilioni di dollari. Pertanto, affinché possano combatterli e creare un video hosting come YouTube, dobbiamo capire che stiamo parlando di sostegno diretto del governo», ha detto.

Il caporedattore di “Russia Today” e del canale televisivo RT Margarita Simonyan ha anche osservato che la Cina in termini di piattaforme sociali è già «andata molto avanti» rispetto all’Occidente.

«Questo va fatto, a questo vanno aggiunti gli sforzi dello Stato, e poi tra un anno, al massimo due, non ricorderemo come giustamente eravamo preoccupati di aver perso lo spazio informativo del nostro paese e la sovranità dell’informazione», ha detto.

Il segretario dell’Unione dei giornalisti russi Timur Shafir ha sostenuto l’idea di creare le proprie piattaforme, aggiungendo che «non è questione di un giorno».

Inoltre, Shafir ha esortato a promuovere attivamente tra le istituzioni internazionali «l’idea che i diritti dei nostri media siano violati in modo grossolano, cinico, su base quotidiana». Allo stesso tempo, ha chiesto l’uso di sanzioni e «azioni repressive» contro le società IT occidentali.

Vi ricordiamo che ultimamente i media russi incontrano sempre più spesso la censura su piattaforme popolari come Twitter, Facebook e YouTube. Dopo una «pulizia» così recente, durante la quale è stato bloccato anche il canale YouTube della nostra agenzia, Roskomnadzor ha chiesto a Google di rimuovere tutte le restrizioni contro i media nazionali.

L`agenzia ANNA News monitora gli sviluppi nel Paese e nel mondo, restate con noi.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.


Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: