L’esercito siriano ha bloccato il passaggio della pattuglia americana

  
0

1. Siria

La SANA ha riferito che le forze siriane hanno bloccato la pattuglia delle truppe statunitensi nel nord di Hasek. L’esercito americano si avvicinò con veicoli blindati al villaggio di Munsif-Takhtani, dove c’è un checkpoint delle forze governative. I soldati siriani hanno bloccato il passaggio del convoglio e hanno costretto gli americani a tornare alla loro base nell’area Tell Tamer. Azioni simili si sono svolte il 2 e 10 giugno nel vicino villaggio di Dardara. Il passaggio alle pattuglie americane fu ripetutamente bloccato dagli abitanti dei villaggi di Al-Qahira e Dsheisha. L’agenzia osserva che la popolazione locale sta protestando per la presenza delle forze armate statunitensi nelle province di Hasek e Deir ez-Zor, dove si trovano diverse basi statunitensi. In queste aree, sulla sponda orientale dell’Eufrate, ci sono giacimenti petroliferi che sono attualmente controllati dalle forze statunitensi e dalle forze curde delle forze della Siria democratica.

2. Siria

Il primo vice rappresentante della Federazione Russa presso l’ONU Dmitry Polyansky ha dichiarato su Twitter che la Russia ha nuovamente votato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite la propria versione della risoluzione sull’assistenza umanitaria transfrontaliera alla Siria. Il presente progetto di risoluzione «consentirà la consegna di aiuti oltre confine a Idlib siriano attraverso il checkpoint di Bab Al Khava (al confine con la Turchia) per un anno». Polyansky ha sottolineato che attraverso questo punto l’85% degli aiuti arriva al distretto e che il formato di consegna della parte rimanente può essere modificato, poiché recentemente la zona di declassamento è diminuita del 30%. È stato anche riferito che la Germania e il Belgio hanno presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite una versione aggiornata della loro risoluzione, che la Federazione Russa e la Cina avevano posto il veto in precedenza. La risoluzione propone «di prorogare per sei mesi, fino al 10 gennaio 2021, l’accesso attraverso i punti di Bab es Salaam e Bab al Hawa. Il documento contiene anche proposte «su possibili nuovi modi di fornire aiuti al nord-est della Siria». Queste proposte suggeriscono la possibilità di restituire nuovi posti di blocco aperti per la consegna dell’assistenza delle Nazioni Unite aggirando Damasco.

3. Siria

Il servizio stampa del Dipartimento di Stato americano ha affermato che Washington accoglie favorevolmente la richiesta della Siria di rapporti su questioni relative alle armi chimiche. Tale requisito è stato adottato nella 94a sessione del Consiglio esecutivo dell’Organizzazione per il divieto delle armi chimiche. Il Consiglio esecutivo dell’OPCW ha concesso alla Siria 90 giorni, durante i quali la Siria deve informare il Segretariato tecnico dell’OPCW su dove sono state sviluppate le armi chimiche utilizzate durante gli attacchi a El Latamn il 24, 25 e 30 marzo, per dichiarare tutte le armi chimiche attualmente disponibili armi e risolvere tutte le questioni relative alla dichiarazione iniziale di scorte e programmi per la loro produzione. La decisione dell’OPCW è stata appoggiata da 29 membri del consiglio, nove astenuti, contro la Federazione Russa, l’Iran e la Cina.

4. Afghanistan

Il generale Mark Milli, presidente del Comitato dei capi di stato maggiore delle forze armate statunitensi, ha affermato che la Russia è stata presumibilmente «coinvolta nella situazione in Afghanistan» e ha agito in quel paese attraverso contatti con il gruppo estremista Rete Haqqani e il movimento radicale talibano ad essa associato. Commentando la prontezza attribuita alla Russia per pagare i militanti talebani per gli attacchi alle forze della coalizione, Milli ha sottolineato che l’amministrazione americana non ha informazioni sulla morte delle truppe statunitensi in Afghanistan. Nel corso di un’audizione da parte del Comitato di difesa delle forze armate della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Mark Esper ha dichiarato di non aver ricevuto notizie dai servizi segreti statunitensi sull’attribuzione della Russia alla disponibilità a pagare i militanti talebani per aver ucciso gli americani. Il capo del Pentagono ha anche sottolineato che «il dipartimento dell’intelligence del Ministero della Difesa non ha fatto relazioni» con accuse di pagamenti da parte della Federazione Russa di «ricompense» ai talebani.

5. Iran

Le autorità di Teheran in Iran hanno negato le notizie di un’esplosione nella parte occidentale della provincia, ha detto IRIB. In precedenza è stato riferito che nella parte occidentale della provincia di Teheran, nelle vicinanze delle città di Garmdarre e Kods, si sentono i suoni delle esplosioni e anche nella città di Kods si è verificata un’interruzione di corrente. Il capo della regione di Kods ha affermato che la causa dell’interruzione di corrente è stata un malfunzionamento in uno degli ospedali locali, che è durato cinque minuti.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: