L’esercito turco bombarda la provincia di Raqqa

  
0

1.

Nagorno-Karabakh

Il servizio stampa del Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che 64 unità di automobili e attrezzature speciali, inclusi veicoli corazzati per il personale, camion, sono state consegnate in Armenia al giorno. «Durante il giorno, dall’aerodromo di Ulyanovsk-Vostochny, l’aviazione da trasporto militare Il-76 e An-124 delle forze aerospaziali russe ha effettuato 22 aeromobili. 64 unità di automobili e attrezzature speciali sono state consegnate all’Armenia — corazzati, camion fuoristrada, autocisterne, escavatori e altro materiale e attrezzature di supporto tecnico «, dice il messaggio. Dopo che gli aerei sono atterrati, il personale e l’equipaggiamento militare vengono formati in colonne per la transizione verso il Nagorno-Karabakh. «Sulle rotte dei convogli, sono coperti dall’aria da elicotteri Mi-8 e Mi-24», ha osservato il ministero della Difesa russo.

2.

Siria

L’agenzia curda Firat ha riferito lunedì che l’artiglieria dell’esercito turco ha bombardato i villaggi siriani nella provincia di Raqqa. Si dice che i villaggi di Kozeyli e Khirbet Bakr, situati ad ovest della città di confine di Tell Abyad, siano stati oggetto di pesanti incendi. Come risultato dei bombardamenti, ci sono distruzione e vittime. In precedenza, gli insediamenti di Khushan, Al-Khalidiya e Kur-el-Hasan nelle vicinanze della città di Ain Issa, che si trova sull’autostrada strategica Aleppo-Haseke, sono stati bombardati. Non ci sono informazioni sui civili feriti.

3.

Afghanistan

Il canale televisivo Tolo News, citando una fonte nelle strutture di potere, ha riferito di un attacco armato da parte di sostenitori del movimento radicale talebano (vietato nella Federazione russa) a un posto delle forze dell’ordine nella provincia afghana nord-orientale di Badakhshan. Secondo quanto riferito, l’attacco ha ucciso almeno 12 agenti di polizia e ne ha feriti 10. L’aggressione al posto di polizia è avvenuta lunedì notte. Durante l’attacco, i talebani sono riusciti a dare fuoco a due carri armati, a sequestrare armi e anche a catturare quattro funzionari della sicurezza. Le perdite da radicali non sono mostrate.

4.

USA-Iran

Il New York Times, citando fonti tra gli attuali ed ex funzionari statunitensi, ha riferito che in una riunione del 12 novembre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato dissuaso dall’attaccare un impianto sotterraneo a Natanz in Iran, progettato per arricchire l’uranio. È stato riferito che Trump nell’ultimo incontro era interessato a quali opzioni di azione riguardo all’impianto nucleare di Natanz ha nelle prossime settimane. Il vicepresidente degli Stati Uniti Michael Pence, il segretario di Stato Michael Pompeo, il segretario alla Difesa ad interim Christopher Miller, il presidente del Comitato dei capi di stato maggiore delle forze armate, il generale Mark Milli e altri hanno dissuaso il presidente degli Stati Uniti dall’uso della forza. Va notato che uno sciopero all’impianto di Natanz potrebbe trasformarsi in un conflitto su vasta scala in Medio Oriente. Secondo il giornale, potrebbe essere un attacco missilistico o un attacco informatico. In precedenza, Reuters ha riferito che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, in un rapporto confidenziale, ha concluso che Teheran continua ad aumentare il volume di uranio a basso arricchimento al di sopra del livello stabilito nel Piano d’azione globale congiunto sul programma nucleare iraniano.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: