L’India chiede di smettere di bombardare || Risultati della settimana

  
0

Le forze armate statunitensi hanno effettivamente ostacolato un’operazione umanitaria per rimuovere i rifugiati dal campo di Rukban dalle autorità siriane, non fornendo garanzie di sicurezza per il convoglio di autobus nell’area da loro controllata, secondo una dichiarazione congiunta di emergenza da parte del quartier generale di coordinamento tra agenzie della Russia e della RAS, RIA Novosti. Ora la parte americana sta cercando di spostare la responsabilità per ciò che sta accadendo, disinformando la comunità mondiale con dichiarazioni sulla presunta non conformità delle condizioni per il ritorno dei rifugiati alle norme ONU. Si sottolinea che fino a quando gli abitanti del campo «saranno tenuti in ostaggio dalle bande controllate dagli Stati Uniti come ostaggi, non vi è alcun dubbio sul prossimo convoglio umanitario nel campo». La Russia e la Siria hanno invitato la comunità mondiale e, soprattutto, le Nazioni Unite, il Comitato internazionale della Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa, «a fermare il silenzio e, infine, a dichiarare chiaramente la loro posizione, ad adottare misure concrete e non limitarsi alle dichiarazioni di preoccupazione sul destino dei profughi siriani».

Il presidente francese Emmanuel Macron ha lanciato un’iniziativa per riformare le istituzioni legislative e politiche dell’Unione europea. In particolare, propone la creazione di un Consiglio di sicurezza europeo, nel quale, a parere del leader francese, dovrebbe partecipare anche il Regno Unito. Tale consiglio «preparerebbe le decisioni collettive dell’Unione europea nel campo della difesa». Il presidente francese ritiene che le attività del Consiglio dovrebbero basarsi su un «trattato di difesa e sicurezza», che definirà le responsabilità dei paesi dell’Unione europea, tenendo conto delle relazioni con la NATO, relazioni del TASS, citando l’Agence France-Presse. Secondo Macron, questi impegni serviranno ad aumentare le spese militari. Il trattato includerà anche una disposizione per l’assistenza reciproca in difesa nel caso in cui un paese venga attaccato.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che non intende ritirarsi dall’accordo sull’acquisto dei sistemi missilistici antiaerei russi S-400 e ritiene che la questione sia chiusa. «Il tema con l’S-400 è già stato completato, non lo abbandoneremo in alcun modo. Siamo d’accordo con la Russia, forse ci sarà una produzione congiunta «, ha detto Erdogan, citato da TASS. «Forse dopo l’S-400 prenderemo in considerazione anche le opzioni con l’S-500», ha aggiunto il leader turco. Ricordiamo che se Ankara non si rifiuta di acquistare sistemi missilistici antiaerei russi, gli Stati Uniti intendono rivedere gli accordi sulla partecipazione della Turchia al programma per creare combattenti F-35 e anche minacciare l’uso di sanzioni contro la Turchia.

Le truppe del governo siriano hanno lanciato intensi attacchi di razzi e artiglierie contro le posizioni di fuoco delle bande nel nord della provincia di Hama in risposta a un attacco di mortaio da parte dei militanti della città di Jurin. Secondo SANA, le forze governative siriane hanno attaccato le basi dei gruppi terroristici Dzhebhat al-Nusra e Kataib al-Izza banditi in Russia nell’area di Kalaat al-Madik e Sahl al-Gab, dove i militanti penetrano regolarmente nella provincia di Hama e attaccare la posizione delle forze governative, riferisce Tass. A seguito dell’attacco, l’esercito siriano distrusse le fortificazioni create da terroristi, posti di comando e depositi di armi. Durante l’operazione, due comandanti sul campo, Majid al-Sayyid e Abdel Hamid Sanjavi con un gruppo di mercenari, furono eliminati.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

En la República Popular de Donetsk se aprobó la ley sobre la frontera estatal Александра Донцова 1. El 2 de diciembre entró en vigor una “ley sobre una frontera estatal de la República Popular de Donetsk”. En virtud de la ley la frontera estatal de la república está en la línea de las fronteras administrativas de la […] La loi sur la frontière d’État adoptée dans la République populaire autoproclamée de Donetsk Александра Донцова 1. Le 2 décembre, la loi Sur la frontière de l’État de la République populaire autoproclamée de Donetsk est entrée en vigueur. Le document est publié sur le site officiel du Conseil populaire de la RPD. Selon la loi, la […] In der DVR wurde das Gesetz über die Staatsgrenze verabschiedet Александра Донцова 1. Am 2. Dezember trat das „Gesetz über die Staatsgrenze der Volksrepublik Donezk“ in Kraft. Das Dokument wird auf der offiziellen Website des Volksrates der DVR veröffentlicht. Laut Gesetz wird die Staatsgrenze der Republik […] Nel RPD ha adottato una legge sul confine di stato Александра Донцова 1. Il 2 dicembre è entrata in vigore la legge «Al confine di stato della Repubblica popolare di Donetsk». Il documento è pubblicato sul sito ufficiale del Consiglio popolare del RPD. Secondo la legge, il confine di […] The DPR adopted a law on the state border Александра Донцова 1 On 2nd of December, the law «On the state border of the Donetsk People’s Republic» entered into force. The document was published on the official website of the People’s Council of the DPR. According […] La situation dans le camp d’Al-Roukban s’approche d’une catastrophe humanitaire Александра Донцова La chef de la commission de la Chambre publique de Russie sur le développement de la diplomatie publique, la coopération humanitaire et la préservation des valeurs traditionnelles, Elena Soutormina, a l’intention de […] Situation im Rukban-Lager nähert sich einer humanitären Katastrophe Александра Донцова Die Leiterin der Kommission der Öffentlichen Kammer der Russischen Föderation für die Entwicklung der öffentlichen Diplomatie, die humanitäre Zusammenarbeit und die Wahrung traditioneller Werte, Elena Sutormina, kündigte an, […] La situazione del campo di Rukban si avvicina al disastro umanitario Александра Донцова Il capo della commissione della Camera pubblica della Federazione Russa sullo sviluppo della diplomazia pubblica, la cooperazione umanitaria e la conservazione dei valori tradizionali, Elena Sutormina, ha annunciato che […] La situación en el campo Rukban está a punto de una catástrofe humanitaria Александра Донцова TASS informa que Elena Sutórmina, la Jefa de la comisión de la Cámara Social de la Federación de Rusia del desarrollo de la diplomacia pública, cooperación humanitaria y el mantenimiento de los valores tradicionales, informó […]
Наверх Наверх